Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Madri dei prigionieri politici detenute a Istanbul

La polizia di Istanbul ha nuovamente arrestato le madri dei prigionieri durante una veglia. “Chiunque alzi la voce in Turchia va in prigione e non vi è alcuna garanzia di uscirne vivi”, ha affermato Züleyha Gülüm, parlamentare di HDP.

La polizia di Istanbul ha interrotto ancora una volta una veglia dei parenti dei prigionieri politici davanti al Palazzo di Giustizia di Çağlayan e ha arrestato con la forza tre donne. Ogni giovedì si tiene la “Veglia della giustizia” per chiedere la liberazione di coloro che sono gravemente malati e ancora in detenzione perché non si sono pentiti nonostante abbiano completato la loro condanna.

La maggior parte dei partecipanti sono madri che lottano per la vita dei loro figli imprigionati. Anche oggi tre madri sono state aggredite da un’enorme forza di polizia e hanno risposto con lo slogan curdo “Bijî berxwedana zindana” (“Lunga vita alla resistenza in prigione”).

Prima dell’attacco della polizia, una delle donne ha cercato di spiegare la sua preoccupazione all’ufficiale in servizio: “I nostri ragazzi sono malati e non vengono portati dal medico. Sono sottoposti ogni giorno a una terribile oppressione “. L’ufficiale di polizia ha risposto: “A causa dei vostri figli, i nostri ragazzi si trovano in una tomba”.

La deputata di HDP Züleyha Gülüm, che accompagna l’azione di protesta in solidarietà quasi ogni giovedì, ha protestato contro l’azione e ha criticato il divieto di assembramento imposto dalle autorità come arbitrario e illegale: “In che modo è minacciata la sicurezza pubblica quando quattro madri fanno una dichiarazione ?

In che modo questo dovrebbe creare un problema di salute? Mentre altre manifestazioni sono consentite, perché queste madri sono un problema? Ovviamente, l’opinione pubblica non dovrebbe conoscere le condizioni in carcere.

Eppure questi crimini sono ben noti. È noto che le persone vengono torturate e portate al suicidio in prigione, che una lama di rasoio viene tenuta davanti al naso dei detenuti in modo che si suicidano, che i malati non vengono curati e lasciati morire. Anche i malati di cancro non vengono curati”.

Le carceri sono diventate uno strumento per mettere a tacere la società in Turchia, ha affermato Züleyha Gülüm, aggiungendo: “Se alzi la voce, vai in prigione e non c’è alcuna garanzia che ne uscirai vivo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...