Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Famiglia maltrattata dai soldati a Xaşkan: siamo stati vittime di violenze perché siamo curdi

VAN – La famiglia Atlı, maltrattata dai soldati turchi nel quartiere Xaşkan di Başkale, ha dichiarato di essere stata esposta alla violenza perché curda, e ha descritto quanto accaduto come “oppressione”.

I soldati hanno fatto irruzione nella casa della famiglia Atlı che vive nel distretto di Başkale a Van il 20 giugno e hanno arrestato Mehmet Emin Atlı. Durante il raid, i soldati hanno aperto il fuoco in aria che è continuato per minuti e hanno picchiato le donne.

Alcune donne sono svenute durante il raid il cui filmato è trapelato alla stampa. L’ufficio del governatore ha difeso la violenza dei soldati in una dichiarazione dopo che il filmato era trapelato. La famiglia Atlı ha raccontato all’Agenzia stampa Mesopotamia (MA) cosa è successo durante il raid.

Ayten è caduto dalle scale

Affermando di essere stata operata di recente a causa della massa sulla schiena, la figlia di Atlı, Ayten Atlı, ha affermato: “La nostra casa è stata perquisita alle 06:00 e siamo stati oggetto di violenze. Ci siamo svegliati con la voce di un soldato e siamo usciti. Ho visto centinaia di soldati davanti a casa nostra.

Ho chiesto ai soldati perché erano venuti. I soldati avevano affermato che avrebbero perquisito la casa. Quando ho chiesto di vedere un mandato di perquisizione, hanno incominciato a spingermi. Ho detto loro di smettere di prendermi in giro e che avevo di recente subito un intervento chirurgico. Comunque mi hanno spinto giù per le scale. Non riuscivo a rialzarmi dopo essere caduta”.

Non abbiamo la sicurezza della vita

Affermando che i soldati le urlavano costantemente contro, Ayten Atlı ha afferrmato: “Hanno aperto il fuoco in aria che è continuato per minuti. Era una situazione così disperata. Non siamo riusciti a trovare un posto dove nasconderci.

Il nostro quartiere è costantemente sorvegliato dai soldati. Siamo di fronte a un trattamento del genere perché siamo curdi. Era così ovvio che non dovevano trattenere un certo individuo. Era come se fossero venuti per vendicarsi. Hanno picchiato me e mia madre per pochi minuti. Il soldato era il sergente specialista Mehmet K, che ci ha picchiato di più.

Presenteremo una denuncia penale contro questa persona. Ciò che ci è stato fatto può essere spiegato solo dal razzismo. Se continuano a fare pressioni in questo modo, dovremo migrare da qui perché non abbiamo la sicurezza della vita. Abbiamo paura che da un momento all’altro possa succedere qualcosa di brutto”.

Appello al sostegno

Sottolineando che tutti dovrebbero condannare questo trattamento affinché ciò che gli è stato fatto non rimanga impunito, Atlı ha detto: “Ci perseguitano da anni. Non avevamo prove prima, ma ora abbiamo le prove. Siamo stati picchiati dai soldati davanti a casa nostra. Se questo non è dovuto al fatto che siamo curdi, allora perché è successo? Vogliamo giustizia. Ecco perché tutti devono essere coinvolti in questo problema e stare al nostro fianco”.

Dilber Atlı, la moglie di Atlı, ha affermato che i soldati li avevano picchiati per minuti. Dilbar ha affermato: “I soldati mi hanno preso a calci e sono caduta. Continuavano a prendermi a calci per terra. Hanno cercato di picchiare mio marito e lo hanno costretto a salire in macchina. Hanno iniziato a sparare in aria con le loro pistole mentre io reagivo a quello che ci stavano facendo. Ho ancora lividi dopo il pestaggio. I miei figli sono traumatizzati. Siamo stati sottoposti a torture e maltrattamenti. Come possono i soldati di questo paese fare questo ai propri cittadini? La Turchia non è più uno Stato di diritto. Non accettiamo questo trattamento e faremo appello alle autorità competenti. Vogliamo che coloro che ci hanno fatto questo siano ritenuti responsabili davanti alla legge”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...