Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Le famigle dei giornalisti detenuti: non si tireranno indietro dal loro percorso

Le famiglie dei giornalisti che si trovano in detenzione a Diyarbakır da 8 giorni, hanno dichiarato che i loro figli e le loro figlie non faranno un passo indietro dal percorso che ritengono giusto e hanno chiesto solidarietà.

Si è conclusa la dichiarazione di 22 persone, 20 delle quali sono giornalisti arrestate lo scorso 8 giugno a Diyarbakır durante le irruzoni nelle loro abitazioni. Hülya Oruç, moglie dell’editore dell’Agenzia Mesopotamia (MA) Aziz Oruç, che è stato tenuto in detenzione per 8 giorni e dovrebbe essere portato al tribunale di Diyarbakır durante la giornata, e Gulistan Bulut, la moglie del giornalista Zeynel Abidin Bulut, ha condannato la detenzione dei mariti a causa delle loro attività professionali.

Violenza e insulti

Affermando che la loro casa è stata perquisita la mattina presto dell’8 giugno e che gli agenti di polizia che hanno fatto irruzione nelle loro case li hanno insultati e inflitto violenza psicologica, Hülya Oruç ha detto: “Abbiamo agito con buon senso e calma di fronte a tutti i loro atti provocatori. Se non avessimo agito in quel modo, sarebbero potute succedere cose brutte. Se ci fossero state legge e giustizia, i giornalisti sarebbero stati a casa la sera della loro detenzione. Non sappiamo nemmeno di cosa siano stati accusati da giorni.

Sottolineando che tutti i loro colleghi dovrebbero condannare la detenzione di giornalisti, Hülya ha affermato: “Quando un giornalista viene trattenuto e la sua professione, la lingua o la religione viene messa in discussione, significa che coloro che lo interrogano possono essere soggetti allo stesso comportamento. I giornalisti detenuti sono stati fermati per aver riportato i fatti nella regione.

Giornalisti d’onore

Esprimendo che i giornalisti in detenzione sono persone d’onore e che riferiscono di cose di cui nessun altro giornalista in Turchia riferisce, Hülya ha detto: “Sono persone d’onore. Non rimangono mai in silenzio di fronte all’ingiustizia. Non c’è supporto organizzato per loro. Senza i giornalisti non saremmo in grado di avere informazioni su molte cose. Il nostro primo istinto dovrebbe essere quello di proteggere i giornalisti”.

Orologi da parete confiscati

Affermando che una delle poliziotte le ha maltrattate durante l’irruzione in casa, Gulistan Bulut, moglie di un altro giornalista detenuto, Zeynel Abidin Bulut, ha dichiarato: “Hanno perquisito la casa per circa 3 ore e l’hanno presa d’assalto. Hanno sequestrato alcuni libri. Hanno confiscato il computer di mio marito, la chiavetta USB, due orologi da parete e i libri.

Sottolineando che suo marito ha lavorato per organizzazioni provenienti dalla tradizione della stampa libera per 10 anni, Gulistan ha detto: “Zeynel è stata detenuta e arrestata molte volte. Mio marito non farebbe mai un passo indietro dalla sua stessa strada. Più rivelano le verità che lo stato nasconde, maggiore è la pressione che devono affrontare. Qualunque cosa accada, mio marito non si tirerà indietro dal percorso che sa essere giusto. Come sua famiglia, saremo sempre al suo fianco e lo sosterremo”.

Perchè parlate in curdo?

Affermando che la polizia ha chiesto loro perché stessero parlando in curdo mentre Bulut stava parlando con suo marito, Gulistan ha affermato: “La polizia non può tollerare che parliamo nella nostra lingua madre. Le persone che fanno irruzione a casa mia hanno l’audacia di interrogarci per parlare lingue materne. Mi sono risentita. Ci ignorano e negano la nostra esistenza. Il loro scopo è distruggere la nostra lingua e cultura. Non raggiungeranno mai il loro obiettivo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...