Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Emine Osê: Damasco non lavora per una soluzione alla crisi siriana

Emine Osê, co-presidente del Consiglio esecutivo dell’amministrazione autonoma, ha affermato che la politica di Damasco cerca di incitare il popolo curdo e quello arabo l’uno contro l’altro. Emine Osê, co-presidente del Consiglio esecutivo dell’amministrazione autonoma, ha parlato con l’egenzia ANF della rivolta del 12 marzo 2004 e di ciò che è accaduto prima e dopo.

Qual era la politica del governo di Damasco prima e dopo il 12 marzo 2004?

Senza dubbio il 12 marzo è stato un evento pre-programmato. Il massacro del 12 marzo a Qamishlo era un piano per incitare il popolo curdo e quello arabo l’uno contro l’altro. L’atteggiamento del regime Baath nel massacro era favorevole a portare alla ribalta lo sciovinismo arabo. Pertanto ha voluto impedire che l’alleanza si stabilisse tra i popoli curdo e arabo nel successivo periodo. In effetti, la rivoluzione è iniziata in quel momento, perché i problemi in Siria, l’atteggiamento e l’approccio del regime Baath nei confronti del popolo, sia in termini sociali che economici, avevano raggiunto un livello intollerabile. Il popolo curdo era il più sensibile e si è ribellato contro queste politiche.

Lo sciovinismo arabo del regime Baath era ancora attivo, mobilitando tutte le sue forze. Ha fatto del suo meglio per impedire l’unità e la solidarietà con il popolo curdo. Inoltre ha puntato tutte le frecce opposte sul popolo curdo, voleva iniziare una guerra totale contro il popolo curdo. Voleva provocare lo sciovinismo arabo, come se il popolo curdo volesse disgregare la Siria. Questo era in realtà lo scopo del regime Baath. Per questo motivo gli arresti sono iniziati dopo il 12 marzo e sono stati imposti divieti a tutte le iniziative e attività politiche. D’altra parte, Damasco ha attuato una politica di embargo perché voleva far temere al popolo curdo anche la propria ombra. Con queste politiche voleva distruggere la volontà del popolo curdo ed espellere il popolo curdo dalle sue terre storiche. La serhildan, che iniziò a Qamishlo, si diffuse in breve tempo nelle città del Rojava e persino nelle grandi città della Siria. Infatti, con questo serhildan, si cominciò a vedere dall’esterno il vero volto dell’approccio e dell’atteggiamento del regime Baath nei confronti dei popoli. La comunità internazionale non ha sostenuto il popolo curdo per il cambiamento e la trasformazione in Siria.

Che tipo di cambiamenti sono avvenuti in Rojava dopo il 12 marzo 2004? È stata davvero la prima scintilla della rivoluzione del Rojava del 19 luglio?

Sulla base dell’esperienza, delle letture accurate e delle analisi fatte sugli eventi del 12 marzo, il movimento di liberazione è un movimento di un popolo che non si piega all’oppressione e al potere. Per questo diciamo che la Rivoluzione del 19 luglio è avvenuta a seguito delle esperienze maturate con il la serhildan del 12 marzo. Il 12 marzo è stato un percorso ricco di esperienze per il Rojava, con la sua corretta lettura e interpretazione.È stato determinante per la rivoluzione del Rojava del 19 luglio. Indubbiamente, il 12 marzo, la politica di negazione e distruzione è stata rigorosamente applicata. La Rivoluzione del 19 luglio si è organizzata attraverso l’esperienza del 12 marzo e ha rafforzato il suo meccanismo di difesa. Allo stesso tempo ha rafforzato le sue relazioni con la popolazione della regione. La politica del regime Baath di incitare il popolo curdo e arabo l’uno contro l’altro si è trasformata in un’alleanza arabo-curda con la Rivoluzione del 19 luglio. Per questo c’è stata un’ampia preparazione per la Rivoluzione del 19 luglio. Il regime Baath ha condotto una politica di negazione e annientamento. Con la Rivoluzione del 19 luglio, la rabbia degli arabi e di altre componenti contro il regime Baath ha rafforzato l’alleanza dei popoli e si è fornito il terreno per combattere insieme per il cambiamento e la trasformazione in Siria.

Come valuta l’approccio del governo di Damasco alla rivoluzione del Rojava?

Dopo 11 anni di guerra, il regime non riesce a trovare una soluzione alla crisi siriana, e tanto meno con la sua politica di negazione e di allontanamento del popolo e dei suoi rappresentanti dal processo di soluzione. Ci sono questioni essenziali che devono essere affrontate. Se il regime è serio su una soluzione, in primo luogo, dovrebbe includere tutte le persone nel processo di soluzione, tenendo conto degli eventi storici e del dolore che ha inflitto loro. D’altra parte, il regime vuole instillare in altre persone l’idea che i curdi vogliano dividere la Siria. Il regime insiste ancora sulla sua politica di negazione e istigazione. Se consideriamo ancora una volta il passato, l’iniziativa della gente della regione ci mostrerà che tutti i loro sforzi erano volti a una soluzione. Questi sforzi non sono stati pochi. Il regime sta cercando contemporaneamente di controllare le iniziative dell’Amministrazione Autonoma e le iniziative del MSD (Consiglio Democratico Siriano), che ne è il rappresentante politico, attraverso la forza militare, e agisce con la logica di assicurarsi il potere. Con l’inizio della rivoluzione del Rojava del 19 luglio, mentre avrebbe dovuto affrontare la crisi siriana in modo responsabile, Damasco stava firmando accordi segreti con lo stato turco. Se non ci fosse stata alleanza tra loro, avrebbero reagito duramente all’invasione da parte dello stato turco di Afrin, Girê Spî e Serêkaniyê. Questa politica portata avanti dal regime non porta una soluzione alla profonda crisi in Siria e non pone fine alla crisi.

Marzo è un mese di massacri per i curdi. 12 marzo a Qamishlo, 16 marzo ad Halabja, 17 marzo a Eşrefiye, 18 marzo ad Afrin…

Indubbiamente, mentre commemoriamo la serhildan del 12 marzo 2004, in realtà stiamo segnalando la resistenza del popolo curdo a marzo. Per il popolo curdo, marzo può essere considerato sia un mese di serhildan che un mese di massacri. Possiamo dire che il popolo curdo legge bene l’occupazione, il massacro e la storia. In tale processo, il popolo curdo ha deciso di intensificare la lotta per proteggere i ricordi emersi con i massacri, i martiri che sono stati dati, e per ottenere il diritto all’autodifesa.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Mehmet Rüstü Tiryaki, co-vicepresidente del partito Dem a pochi mesi dal voto amministrativo in Turchia: «La protesta di massa dei cittadini di Van...

Interviste

Come è noto, il 31 marzo si terranno le elezioni municipali in Turchia. Come valuta le elezioni e la preparazione alle elezioni? È importante...

Siria

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una...

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...