Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Libertà per Öcalan

Ibrahim Bilmez: Stiamo assistendo alla peggiore fase di isolamento

Ibrahim Bilmez, uno degli avvocati del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, ha affermato che tutte le forze internazionali che beneficiano dello stallo della questione curda sono state coinvolte nella cospirazione e ha sottolineato la responsabilità di forze e istituzioni internazionali come la CEDU e il CPT nel portare l’isolamento fino a questo punto. Parlando con l’agenzia ANF, l’avvocato Ibrahim Bilmez ha affermato che prima del 15 febbraio 1999, tutte le potenze internazionali e regionali interessate a lasciare irrisolta la questione curda hanno avuto un ruolo nella consegna di Abdullah Öcalan alla Turchia.

Bilmez ha affermato: “Purtroppo tutte queste forze si uniscono quando i problemi sono Abdullah Öcalan e la questione curda. Tutte le porte in Europa sono state chiuse ad Abdullah Öcalan e lo spazio aereo è stato dichiarato no-fly zone. Abdullah Öcalan è stato dichiarato persona non grata. Tuttavia lo scopo principale di Abdullah Öcalan nel suo viaggio in Europa era dire a tutti che sarebbe stato più facile risolvere la questione curda attraverso mezzi democratici e pacifici. Ha scelto l’Europa per questo, per promuovere il dialogo. Se avesse scelto la guerra, la lotta armata, si sarebbe rivolto verso le montagne. Lo rende molto chiaro in sua difesa. A quel tempo fu organizzata una cospirazione internazionale contro Abdullah Öcalan, che significava contro la pace e la speranza della pace.Oggi, nonostante siano passati 23 anni, sappiamo benissimo che il complotto continua sotto forma di politiche di isolamento. L’isolamento attualmente in atto non può essere accettato. Proprio come Abdullah Öcalan in quel momento ha mantenuto la sua posizione democratica e pacifica nonostante tutte le negatività, ha mantenuto la stessa posizione in modo persistente e sincero durante e dopo il processo del 15 febbraio 1999 e durante i 23 anni trascorsi a Imrali”.

Non possiamo descrivere la situazione attuale attraverso la legge

Osservando che il sistema Imrali non ha posto in nessuna legislazione, l’avvocato Ibrahim Bilmez ha proseguito: “Non c’è nulla che possa essere spiegato usando la costituzione, la legge, il decreto o il regolamento. Non riusciamo più nemmeno a sentire Abdullah Öcalan e gli altri tre nostri clienti a Imralı. Abbiamo provato in tutti i modi. Ogni settimana un avvocato, un familiare e un tutore chiedono una visita. Sebbene inviamo lettere, non riceviamo alcuna risposta. I nostri assistiti non possono utilizzare il loro diritto a una telefonata. Non c’è niente di simile al mondo. Uno stato che scrive uno stato di diritto nella sua costituzione, si accetta come stato di diritto e si dice vincolato dalla legge. Ciò a cui stiamo assistendo è completamente illegale; lo stato non può continuare una tale pratica di isolamento, che non ha né basi legali né legittime per essere in atto. Non è possibile descrivere queste pratiche utilizzando alcuna legge. Abdullah Öcalan e gli altri nostri assistiti sono tenuti in ostaggio”.

Il risultato dell’approccio alla questione curda

Affermando che l’approccio dello stato alla questione curda è lo stesso dell’approccio a Imralı, l’avvocato Bilmez ha affermato: “Quando a Imrali viene imposto l’isolamento, il popolo curdo sa che siamo lontani da una soluzione alla questione curda. In altre parole, la soluzione alla questione curda non è nell’agenda dello Stato e invece sono in vigore politiche di sicurezza. Ciò significa operazioni contro le istituzioni legali dei curdi, arresto di curdi a decine,e operazioni contro le forze di guerriglia.Il popolo curdo sa che questo è il metodo utilizzato da 40 anni. Pertanto questo isolamento sta effettivamente avendo un enorme impatto negativo sulla politica turca. La politica turca rimane in costante tensione a causa della riluttanza a risolvere la questione curda e la politica è attualmente polarizzata. Questa polarizzazione, che è già diventata una caratteristica politica dell’attuale governo, sta portando anche a un sentimento di ulteriore esclusione dei curdi. I curdi si sentono alienati dal sistema a causa di queste politiche di isolamento e stallo. Queste politiche dovrebbero essere interrotte il prima possibile. Tutte queste pratiche devono essere interrotte per normalizzare la politica e guardare al futuro con maggiore fiducia”.

Abbiamo raggiunto la fase peggiore dell’isolamento

Sottolineando che la cospirazione internazionale viene portata avanti attraverso politiche di isolamento, Ibrahim Bilmez ha affermato che Abdullah Öcalan ha affermato che le forze che hanno avuto un ruolo nel processo della cospirazione hanno avuto un ruolo anche nell’istituzione del sistema di isolamento a İmralı. Ha affermato che, in quanto avvocati di Abdullah Öcalan, continuano ad rivolgersi a tutti i meccanismi giudiziari e amministrativi pertinenti in Turchia.

“Per 23 anni non abbiamo avuto alcun risultato positivo da nessun tribunale.Perché quando è in questione Abdullah Öcalan, la magistratura non esiste. Dopo aver esaurito il diritto interno, abbiamo fatto ricorso a meccanismi internazionali, come la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) o il Comitato per la prevenzione della tortura (CPT). Considerando il punto che abbiamo raggiunto oggi, possiamo affermare chiaramente che stiamo attraversando la peggiore fase di isolamento.

Per quasi un anno non abbiamo avuto notizie. Da marzo 2021 non abbiamo sentito nulla del nostro assistito. Pertanto possiamo dire che anche le istituzioni internazionali come la CEDU e il CPT sono responsabili dell’isolamento per aver raggiunto questo punto. Il CPT ha già visitato Imrali. Sono stati pubblicati rapporti dopo queste visite, ma i requisiti di tali rapporti non sono stati soddisfatti. Inoltre il CPT non ha compiuto gli sforzi necessari affinché la Turchia garantisse l’attuazione di questi rapporti. Se ci fosse stato uno sforzo sufficiente, il CPT avrebbe costretto la Turchia ad agire e l’isolamento non sarebbe arrivato a questa fase. Quindi queste forze hanno un ruolo nella continuazione e nell’approfondimento dell’isolamento”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...