Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Campagne

Agisci per la libertà di Öcalan!

Il 10 dicembre 1948, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha annunciato la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (UDHR) – 30 diritti e libertà che stabiliscono, per la prima volta, i diritti umani fondamentali da proteggere universalmente per l’intera umanità. È stata descritta come una pietra miliare nella storia dei diritti umani. I 30 articoli della dichiarazione contengono grandi dichiarazioni che stabiliscono standard comuni di diritti umani.

Il preambolo inizia: “Mentre il riconoscimento della dignità intrinseca e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana è il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo…”

Tuttavia, quando si tratta del Kurdistan, durante i 73 anni della dichiarazione, i curdi sembrano essere stati esclusi da queste grandi dichiarazioni. In quanto regione colonizzata, il Kurdistan non è stato toccato da questa storica dichiarazione. Il Kurdistan si trova nel cuore del Medio Oriente, che ha un significato geopolitico e geostrategico regionale e globale. Le azioni sono dettate dagli interessi del nudo potere, e non c’è alcun ruolo dato per la protezione dei diritti umani. Lo stato membro delle Nazioni Unite, la Turchia, ha imposto una strategia anti-curda chiaramente definita e sistematica, che è stata praticata attraverso persecuzioni brutali e sfacciate, tra cui espulsione, incarcerazione, esilio, tortura, omicidio, sfollamento di massa e attacchi con armi chimiche. Per i curdi è stata bloccata la via legale alla giustizia per i crimini sistematici e diffusi contro l’umanità che hanno subito per mano dello Stato turco.

Öcalan e il PKK hanno combattuto per l’attuazione della Dichiarazione universale dei diritti umani per i curdi. La lotta di Abdullah Öcalan, il leader del popolo curdo e del suo partito il PKK, segue essenzialmente gli stessi principi dell’UDHR, insistendo sul fatto che questi principi dei diritti umani dovrebbero essere goduti anche dai curdi.

In risposta Ocalan, come leader della lotta per la libertà curda contro il colonialismo, ha dovuto affrontare un’intensa repressione e isolamento. Chi spera che i diritti umani vengano applicati anche ai curdi deve solo guardare alle condizioni sull’isola carceraria di Imrali dove Öcalan è tenuto in ostaggio dal suo rapimento nel 1999.

Uno specchio dell’illegalità – La prigione dell’isola di Imrali

La prigione dell’isola di İmralı, governata dallo stato turco, continua ad avere uno status straordinario.Il continuo isolamento di Ocalan, che dura già da 22 anni, si basa su pratiche considerate illegali sia dalla magistratura turca che dal sistema giuridico internazionale.  Le Nazioni Unite hanno la responsabilità di garantire che la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo si applichi e venga applicata anche per Ocalan. Il sistema İmralı può continuare ad esistere solo con il consenso, o almeno il totale disinteresse, di istituzioni internazionali come l’ONU. In tutto il paese il popolo curdo è punito con la legge marziale, mentre Ocalan, che ha lavorato ininterrottamente per la pace e la giustizia in Turchia affronta il continuo isolamento. Ocalan è un attore politico e il suo status ha anche dimensioni politiche più ampie. La società curda, così come gli analisti politici, lo considerano un leader nazionale e il rappresentante politico dei curdi.

In Kurdistan, in Turchia e a livello internazionale, è risaputo che una soluzione politica è possibile solo dialogando con Ocalan.

La libertà di Ocalan può garantire la pace in Kurdistan

Per una soluzione pacifica della questione curda e, più in generale, per proteggere i diritti umani e garantire l’attuazione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, le Nazioni Unite devono impegnarsi con Ocalan. Come primo passo devono affrontare immediatamente l’isolamento e le condizioni disumane del carcere che è costretto a sopportare. Secondo le “Regole minime standard delle Nazioni Unite per il trattamento dei prigionieri” (note come Regole di Nelson Mandela) aggiornate nel dicembre 2015, gli Stati hanno il dovere di garantire l’esercizio dei diritti da parte dei detenuti, nonostante la loro identità e la natura della loro detenzione. Il diritto al contatto con avvocati e familiari è tra questi diritti (Articoli 58-63). I curdi sono esseri umani e dovrebbero essergli garantiti tutti i diritti umani descritti nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

• Chiediamo alle Nazioni Unite di garantire che l’attuazione della Dichiarazione universale dei diritti umani includa Öcalan e tutti i curdi

• Chiediamo a tutti gli amici del popolo curdo di agire per la libertà di Öcalan!

Per ulteriori informazioni si prega di contattare l’Iniziativa Internazionale libertà per Öcalan: info@act-for-ocalan.com  o https://act-for-ocalan.com/en

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

La campagna “Libertà per Öcalan: Una soluzione politica alla questione curda” chiede al Comitato europeo per la prevenzione della tortura o dei trattamenti degradanti...

Interviste

Besê Hozat ha parlato della lotta per la libertà fisica del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan. Besê Hozat, co-presidente del Consiglio esecutivo della...

Libertà per Öcalan

Esortiamo Amnesty International a indagare sulle terribili condizioni di detenzione di Abdallah Öcalan. Il regime turco ha violato tutti gli standard legali sui prigionieri...

Libertà per Öcalan

Richiamando l’attenzione sull’isolamento a İmralı, lo studio legale Asrin ha dichiarato: “Non possiamo avere notizie di Abdullah Öcalan, c’è un velo di segretezza a...