Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Pervin Buldan: La lotta delle donne ci dà speranza

La co-presidente dell’HDP Pervin Buldan, parlando a una riunione del gruppo femminile del suo partito ad Ankara, ha descritto le lotte nazionali delle donne come la loro più grande speranza. Allo stesso tempo, ha detto, il movimento delle donne è la più grande paura dei governanti maschi in Turchia.

Buldan ha introdotto il suo discorso commemorando il politico dell’HEP Vedat Aydin, che è stato rapito e assassinato il 5 luglio 1991, e ha affermato che la stessa mentalità è dietro a questo omicidio trent’anni fa come è dietro l’omicidio di Deniz Poyraz del 17 giugno nella sede di HDP a Izmir.

“Conosciamo fin troppo bene la politica dell’odio che ha prodotto l’assassino di Izmir addestrato separatamente. In solidarietà con Deniz e le sue compagne, non rinunceremo mai alla nostra lotta per la giustizia, l’uguaglianza, la pace e le donne. Per ogni vita che ci è stata tolta, ne chiederemo la responsabilità”, ha affermato la co-presidente del Partito democratico dei popoli (Hdp).

Il governo dell’AKP/MHP sta attaccando massicciamente l’esistenza e i diritti delle donne, ha continuato Pervin Buldan: “Per spezzare l’opposizione sociale, i governanti maschi usano ogni metodo di oppressione e violenza. Tuttavia vedono che le donne non sono intimidite dalla pressione. Le donne si organizzano in tutti gli ambiti della vita. Essi dissentono e rimangono rette nella loro lotta.

Riempiono le piazze e gridano i loro diritti. In tal modo diventano la più grande paura del governo. Le donne oggi non stanno solo lottando per la giustizia di genere, ma stanno anche conducendo la lotta contro il sistema mafioso maschile.

Non credono alle bugie né si lasciano soggiogare. Stanno resistendo allo sfruttamento. Facciamo parte di questa lotta delle donne. Come rappresentanti della politica delle donne, la crescente lotta delle donne in tutto il paese ci dà speranza. Siamo più vicini che mai al successo”.

Commentando il ritiro dalla Convenzione di Istanbul, entrato in vigore il 1° luglio, Pervin Buldan ha affermato: “La Convenzione di Istanbul è un trattato che si occupa e promuove i diritti delle donne nel loro insieme e previene i crimini contro le donne. Per le donne è un testo di qualità costituzionale. Allo stesso tempo, questa convenzione richiede misure efficaci contro gli abusi sui bambini. Per le donne questa convenzione è necessaria e indispensabile».

Pervin Buldan ha ricordato che il ritiro dal trattato per la tutela delle donne è stato effettuato con decreto presidenziale e che il ricorso intentato contro di esso da HDP e da altre istituzioni è stata respinta dal Consiglio di Stato: Il Consiglio di Stato ha così dimostrato ancora una volta di essere un’istituzione di giustizia maschile del regime di un solo uomo. Tuttavia, noi donne non permetteremo a un solo uomo di toglierci i nostri diritti con una sola firma. Non ci inchineremo e continueremo a combattere in parlamento e per le strade. Una volta che ci saremo liberate di questo governo, reintrodurremo la Convenzione di Istanbul e garantiremo la sua effettiva attuazione”.

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...