Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

La Commissione donne del KNK invia una lettera al Segretario generale della NATO

La Commissione delle donne nel Congresso nazionale del Kurdistan ha inviato una lettera a nome delle donne curde al Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, sull’occupazione delKurdistan e le azioni repressive ostili contro il popolo e le donne curde.

La lettera afferma:

Caro signor Stoltenberg,

“La NATO promuove i valori democratici …” e la “NATO è impegnata nella risoluzione pacifica delle controversie” secondo la pagina web dell’alleanza (Che cos’è la NATO?). Tuttavia, lo stato membro della NATO, la Turchia, agisce costantemente in palese violazione delle norme, degli obiettivi e delle norme dichiarate dalla NATO, avviando campagne di aggressione militare oltre i suoi confini, prendendo di mira il popolo curdo nel nord e nell’est della Siria e nel Kurdistan meridionale (nord dell’Iraq) in una guerra brutale e senza fine, di propria scelta, motivata da nient’altro che l’esistenza del popolo curdo.

Noi donne curde, quindi, ci stiamo prendendo la libertà di rivolgerci a voi su una questione estremamente urgente. Desideriamo richiamare la vostra attenzione sulle operazioni di annientamento, denominate Operazione luce d’artiglio e Operazione fulmine d’artiglio, lanciate dall’esercito turco il 24 aprile 2021 contro le aree di Zap, Avashin e Metina del Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

Crediamo che queste operazioni militari non provocate siano l’inizio di una campagna di genocidio contro i curdi. Queste operazioni sono state lanciate nell’anniversario del genocidio armeno che costò la vita a 1,5 milioni di armeni nel 1915, lo stesso giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Biden ha riconosciuto ufficialmente il genocidio armeno.

Consideriamo l’attuale guerra come uno sforzo per eliminare la nostra gente. Il 23 aprile, il presidente degli Stati Uniti Biden ha parlato con il presidente turco Erdogan. Meno di due settimane prima, il 14 aprile, David Satterfield, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Turchia, ha rilasciato una dichiarazione sul suo account Twitter per fare appello a Erdogan e al governo turco, annunciando che il Dipartimento di Stato americano aveva rinnovato una precedente decisione di offrire un ricompensa fino a 12 milioni di dollari a chiunque fornisca informazioni che portino alla cattura di membri storici del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) Cemil Bayık, Murat Karayılan e Duran Kalkan.

È ovvio che Erdogan ha ricevuto il permesso dalla NATO e dagli Stati Uniti per attaccare ancora una volta i curdi. Mentre Erdogan e i suoi apologeti parlano di una lotta tra il PKK e la Turchia, sappiamo fin troppo bene che il conflitto di oggi è solo l’ultimo capitolo della lunga guerra dello Stato turco contro il popolo curdo. Questa è, ed è sempre stata, una guerra contro il diritto di esistere del nostro popolo. Quando il cosiddetto gruppo terroristico dello Stato Islamico (IS) nel 2014 ha confiscato ampie parti del territorio siriano e iracheno nel 2014 e ha minacciato di espandersi in tutto il Medio Oriente, non erano né la NATO né gli Stati Uniti a proteggere il popolo curdo e le donne del Kurdistan – è stato il PKK. Quasi sette decenni dopo l’adesione della Turchia alla NATO, gli altri Stati membri della NATO guardano oltre le violazioni dei diritti umani dello stato turco, l’aggressione militare e il crescente autoritarismo e continuano a vittimizzare i curdi nel tentativo di placare un ex alleato sempre più inaffidabile e irregolare in Medio Oriente, uno stato che fino ad oggi, sostiene apertamente e con orgoglio una varietà di gruppi militanti jihadisti nel suo continuo sforzo per soggiogare il popolo curdo e occupare la loro terra.

La carta curda è facilmente giocabile e il popolo curdo che si è sacrificato così tanto per sconfiggere l’ISIS viene abbandonato dalla NATO in modo che la Turchia possa rimanere, almeno nominalmente, l’avamposto dell’alleanza nella regione.

Sotto Erdogan lo stato turco è diventato una minaccia per le donne, e in particolare per noi come donne curde. Il partito islamista al governo di Erdogan, il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP), ha utilizzato tutti gli strumenti a sua disposizione per promuovere la sua ideologia conservatrice mettendo a tacere tutti i critici, e ora la versione dell’islamismo dell’AKP domina in tutti gli aspetti della vita in tutto il paese.

Il femminicidio, l’assassinio di donne, è un pilastro della politica dello Stato turco in Turchia e oltre i confini del paese. Nelle aree curde della Turchia, le forze paramilitari agiscono impunemente, lo stupro e la sparizione delle donne sono diventati elementi chiave della guerra di stato contro le donne curde.

Nelle aree curde della Siria settentrionale e orientale e del Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale), lo stato e l’esercito turco violano il diritto internazionale invadendo e occupando il territorio e commettono sistematicamente femminicidio anche contro le donne curde in questi paesi.

Come documentato nel Rapporto delle Nazioni Unite della Commissione Internazionale Indipendente di Inchiesta sulla Siria nell’agosto 2020, la situazione delle donne nelle zone di occupazione turche in Siria è spaventosa, poiché le forze sostenute dalla Turchia in queste aree saccheggiano, stuprano, promuovono matrimoni forzati, e torturano i residenti locali. La politica di occupazione espansionistica dello Stato turco viola chiaramente i principi dichiarati della NATO.Vi chiediamo di intervenire e impedire alla Turchia, uno stato membro della NATO, di violare le norme e la costituzione della vostra alleanza. Vi ringraziamo per il vostro tempo e ci auguriamo che apprezziate l’urgenza della nostra richiesta.

Non esitate a contattarci se avete bisogno di ulteriori informazioni. Commissione sulle donne del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK), e-mail: knk.women@gmail.com

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Osman Ruştî Mêrvansî (32 anni) sarebbe stato ucciso mentre faceva apicoltura vicino al villaggio di Şêladiz, nel distretto di Amedi (Amêdî) di Duhok. Era...

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...

Kurdistan

A: Ahmed Aboul Gheit, Segretario Generale della Lega degli Stati Arabi Mohammed Shia’ Al Sudani, Primo Ministro della Repubblica dell’Iraq Bashar al-Assad, Presidente della...

Comunicati

Mentre i pogrom contro i rifugiati siriani in Turchia e l’esibizione di saluti fascisti del lupo da parte del giocatore della nazionale turca Demiral...