Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Lo squadrone della morte turco in Europa e le sue connessioni

Due foto, una davanti al palazzo di Erdoğan ad Ankara e l’altra nell’ambasciata turca a Parigi, sollevano il sipario su uno squadrone della morte turco in Europa. Le foto mostrano gli sponsor, i coordinatori e gli esecutori.

Uno sguardo indietro a giugno 2017: una Mercedes nera Classe E guida davanti all’edificio del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK) a Bruxelles. Da tempo gli occupanti dell’auto svolgono diverse attività e raccolgono informazioni. Il veicolo che compie almeno tre giri attorno al KNK è seguito dalla polizia. La polizia belga all’inizio non prende sul serio questo caso, anche se i funzionari curdi li hanno ripetutamente avvertiti dei sospetti. È solo dopo l’osservazione tecnica e fisica che le autorità finalmente comprendono la gravità della situazione.

Era il 14 giugno 2017. I sospetti stavano andando al KNK passando dal tunnel Louise e sono stati seguiti dalla polizia. Alla fine sono stati fermati per un semplice motivo: eccesso di velocità. La polizia ha dato l’impressione di un controllo del traffico di routine. Documenti di identificazione sono stati trovati durante una perquisizione del veicolo.

Questa indagine su un tentativo di uccisione di attivisti curdi è tuttora riservata. Tuttavia, secondo le informazioni provenienti da fonti vicine al caso, il fascicolo dell’indagine è lungo migliaia di pagine.

Chi c’era in macchina?

Il 14 marzo 2021, il Journal de Dimanche ha rivelato i nomi di tre persone nell’auto controllata dalla polizia belga. Uno dei tre è Zekeriya Çelikbilek, che si ritiene fosse un ex militare turco di nazionalità francese. Çelikbilek viveva nel sobborgo parigino di Argenteuil da sei sette mesi quando il veicolo è stato fermato. La seconda persona è Yakup Koç, che portava con sé un documento di identità della polizia turca.

Secondo le nostre informazioni, Yakup Koç si è presentato come “Albay” (colonnello). Si ritiene che sia l’organizzatore della missione per uccidere gli attivisti curdi a Bruxelles. La terza persona era Haci Akkulak, di origine curda e residente in Belgio. Due giorni dopo questa ispezione sull’auto, il 16 giugno 2017, le autorità belghe hanno visto meglio la minaccia. “Quattro persone di origine turca sarebbero venute in Belgio o potrebbero affittato un appartamento”, afferma l’inchiesta del Journal de Dimanche. Uno di loro sarebbe un cecchino. La squadra della morte ha preso di mira Remzi Kartal, co-presidente del Kongra Gel, e Zübeyir Aydar dalla direzione della KCK ( Unione delle comunità del Kurdistan).

Operazione di polizia in Belgio

Secondo le informazioni a nostra disposizione, la polizia belga ha effettuato un’operazione pochi mesi dopo aver controllato l’auto. Zekeriya Çelikbilek e Yakup Koç avevano già lasciato il Belgio. La polizia belga sembrava aver preferito prendere di mira la rete di spie piuttosto che arrestare gli agenti turchi.

La ragione di questa scelta è sconosciuta. Le perquisizioni sono avvenute a Gand. Una persona di origine turca e Haci Akkulak sono stati oggetto di queste perquisizioni, durante le quali sono stati confiscati vari materiali. Il turco era Necati Demirogulları, un uomo d’affari di Sakarya in Turchia.

Confessioni dello squadrone della morte

È importante analizzare la confessione di Haci Akkulak. Dopo aver accettato di raccogliere informazioni per i servizi segreti turchi, Akkulak ha informato anche i politici curdi presi di mira e la polizia belga quando si è reso conto che lo scopo di questa missione era quello di compiere omicidi. Secondo le nostre fonti, la persona che ha indirizzato Akkulak alla squadra degli assassini era Necati Demirogulları.  Dopo la perquisizione della sua casa, ha confessato tutto quello che sapeva alla polizia. È il genero di Yakup Koç e si dice che lo abbia sostenuto materialmente. Le confessioni di Necati Demirogullari e Haci Akkulak mostrano che la squadra di assassini aveva stretti legami con Ankara e l’ambasciata turca a Parigi. Si dice che Zekeriya Çelikbilek abbia persino detto ad Hacı Akkulak, in un incontro privato, di aver avuto un ruolo nell’omicidio di tre donne rivoluzionarie curde a Parigi.  È già noto che questa inchiesta in Belgio è stata determinante per aprire una nuova inchiesta sul triplice omicidio nel cuore di Parigi. L’indagine, ripresa dalla Procura di Parigi nel maggio 2019, prende di mira, tra l’altro, le menti dell’omicidio e i loro complici. Gli avvocati della famiglia delle tre donne curde hanno più volte affermato che esiste un’enorme rete turca che è ancora attiva in Europa ed è legata a questo caso.

Queste foto dicono tutto

Le foto che esponiamo mostrano sia i volti di coloro che volevano commettere omicidi politici sul suolo europeo, sia i loro innegabili legami con le autorità turche. Si scopre che Zekeriya Çelikbilek aveva un rapporto molto personale con il presidente turco e l’ambasciata turca. Una delle foto mostra il rapporto speciale tra Zekeriya Çelikbilek e l’ambasciatore turco Ismail Hakki Musa. Ci sono altre due persone nella stessa foto che non siamo stati in grado di identificare. Zekeriya Çelikbilek appare in altre due foto scattate all’interno dell’ambasciata, una davanti a un tavolo riservato ai comunicati stampa e l’altra nel palazzo presidenziale ultra protetto di Ankara. Davanti al palazzo Indossa un abito blu scuro davanti al palazzo. Un’altra foto lo mostra mentre indossa un berretto da commando. Le foto di Yakup Koç sono state scattate tra il 2008 e il 2011. Una di queste è stata scattata durante il viaggio per Bratislava, un’altra durante una visita a Mont Saint-Michel in Francia. Questo visitatore sospetto appare in molti punti delle foto.

Le prove sono chiare. Vediamo una squadra di assassini che hanno rapporti speciali con il palazzo e l’ambasciata turca. Il nome del diplomatico turco sarà menzionato direttamente nella decisione investigativa europea, conferma il Journal du Dimanche . “Ismail Hakki Musa, l’attuale ambasciatore turco in Francia, avrebbe coordinato le loro azioni”.

Chi è Ismail Hakki Musa?

Man mano che le sue oscure attività sono diventate più visibili, Ismail Hakki Musa ha annunciato la fine del suo mandato il 13 marzo 2021, dopo quattro anni e mezzo alla guida dell’Ambasciata della Repubblica di Turchia in Francia. Dal primo giorno dell’omicidio della co-fondatrice del PKK Sakine Cansiz, della rappresentante del KNK Fidan Dogan e della giovane Leyla Saylemez il 9 gennaio 2013, tutte le informazioni puntavano ad Ankara.

L’indagine condotta in Francia, diversi documenti, testimonianze e confessioni riservate hanno rivelato che l’attacco a Parigi era stato effettivamente organizzato dal servizio segreto turco MIT.

Anche Ismail Hakki Musa per diversi anni è stato tra i sospettati. La nomina a Parigi del diplomatico turco, per un certo periodo presidente del MIT e poi n. 2 nei servizi segreti, è avvenuta in un momento di intensificazione delle reti di spionaggio e dei tentativi di omicidio.

Alla fine degli anni ‘80 Il diplomatico era stato mandato in Francia per studiare.  Ha assunto diversi incarichi per lo Stato turco. Il 1 ° novembre 2011 è stato nominato ambasciatore turco in Belgio, incarico che non è durato a lungo. Nell’ottobre 2012 è stato richiamato nel suo paese e nominato vicedirettore del MIT nel periodo in cui Ömer Güney stava progettando l’omicidio delle tre donne curde a Parigi. Si dice che durante il suo incarico di un anno a Bruxelles, i suoi intensi contatti con le moschee turche, le associazioni nazionaliste o salafite e con i lupi grigi, un movimento fascista al servizio del regime turco, abbiano attirato l’attenzione dei servizi segreti belgi. Successivamente, il 10 febbraio 2015, Musa è stato nominato vice capo dell’intelligence turca a seguito alle dimissioni del capo del MIT Hakan Fidan, che stava per partecipare alle elezioni politiche. Ismail Hakki Musa è rimasto in questa posizione fino al 10 marzo 2015. Il periodo in cui ha diretto il MIT ed è stato ambasciatore a Bruxelles e Parigi, ha coinciso con il periodo in cui il MIT è stato accusato di gravi crimini

A pochi mesi dall’intercettazione degli autocarri del MIT che trasportavano armi per conto dell’Isis, Ismail Hakki Musa stava trattando con i jihadisti al consolato turco a Mosul.  Secondo informazioni ufficiali, lo Stato islamico aveva preso in ostaggio nel consolato circa 50 turchi, che sono stati liberati durante un’operazione dello Stato turco. Tuttavia, molti documenti e testimonianze di seguito hanno dimostrato che c’erano stati negoziati tra Ankara e l’ISIS. È stato Ismail Hakki Musa ad essere incaricato di risolvere questo incidente dopo che l’ISIS aveva conquistato Mosul.

A soli quattro mesi dal tentato colpo di stato in Turchia, nel luglio 2016, è stato infine nominato ambasciatore a Parigi. Durante questo periodo, lo stato turco ha rafforzato in molti paesi le sue reti nazionaliste islamiche, le attività criminali attraverso moschee, scuole, club, ecc.

C’è un’altra importante “coincidenza”: l’autore del triplice omicidio a Parigi, Ömer Güney, è morto in una prigione francese il 17 dicembre 2016 in condizioni ancora poco, circa un mese dopo che Hakki Musa era stato nominato nuovo ambasciatore.

ANF

 

 

 

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...