Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Eren Keskin: “La violenza sessuale” da parte di funzionari statali in Turchia continua

Mentre le proteste dell’Università Boğaziçi contro il rettore nominato direttamente dal presidente Recep Tayyip Erdoğan continuano a scuotere la Turchia, la brutale violenza della polizia e la violenza sessuale contro gli studenti è stata oggetto di discussione da parte dei difensori dei diritti umani nel Paese.

Le studentesse e le studentesse LGBTI dell’Università Boğaziçi che hanno sostenuto le proteste contro Melih Bulu – la nuova rettrice non eletta dell’università – sono state specificamente prese di mira da una campagna di linciaggio. Diverse donne e studenti LGBTI hanno dichiarato di aver subito abusi sessuali mentre erano sotto custodia della polizia.

Quando la nomina del nuovo rettore ha suscitato indignazione tra gli studenti di Boğaziçi, migliaia di studenti hanno reagito alla decisione insieme a centinaia di accademici di Boğaziçi.

Hanno chiesto le dimissioni del rettore nominato. La campagna di protesta continua dal 1 ° gennaio.Ad oggi, più di 500 persone sono state arrestate in tutto il paese in varie proteste legate alla solidarietà. Diversi studenti LGBTI dell’Università Boğaziçi hanno descritto il trattamento discriminatorio a cui sono stati sottoposti nelle stazioni di polizia.

Hanno dichiarato di essere stati minacciati di stupro dopo essere stati liberati. Diverse studentesse hanno anche evidenziato gli abusi sessuali subiti durante la detenzione.

Eren Keskin, un importante avvocato per i diritti delle donne e co-presidente dell’Associazione turca per i diritti umani (IHD), ha parlato con l’Agenzia della Mesopotamia della violenza sessuale e delle molestie commesse dai funzionari statali.

La “violenza sessuale” da parte dei funzionari statali “mira a spezzare la resistenza sociale”

Dopo aver lavorato su casi di violenza sessuale che sono stati commessi da funzionari statali per oltre 30 anni, Eren Keskin e altri difensori dei diritti umani hanno istituito l’Ufficio di assistenza legale contro le molestie sessuali e lo stupro in custodia nel 1997.

“La violenza sessuale commessa da funzionari statali è un metodo utilizzato da molti anni in Turchia”, ha osservato. “La tortura sessuale, le molestie e le perquisizioni di donne sono tutte finalizzate a spezzare la resistenza sociale”, ha affermato.

Settantacinque donne si sono rivolte all’IHD nei primi dieci mesi del 2020 in relazione a casi di violenza sessuale commessa da funzionari statali, mentre 50 donne l’hanno vissuta mentre erano in detenzione.

Secondo i dati forniti dall’Ufficio di assistenza legale contro le molestie sessuali e lo stupro in custodia,20 donne sono state vittime di molestie sessuali nelle carceri e cinque donne sono state violentate da un ufficiale delle forze dell’ordine.

“Solo 29 azioni legali sono state intentate contro questi autori: 46 di questi fascicoli sono stati chiusi prima che gli autori potessero essere assicurati alla giustizia”, ha detto Keskin, e ha notato che questo riflette l’atteggiamento della magistratura turca nei confronti dei casi di violenza sessuale.

Ora, molte donne non hanno paura di rivelare la violenza sessuale contro di loro

Eren Keskin ricorda le conversazioni che lei e le sue colleghe hanno avuto con le donne curde negli anni ’90. “Stavano affermando che i soldati avevano fatto loro” cose molto brutte “. Tuttavia, non sono state in grado di dichiarare esplicitamente ciò che i soldati avevano effettivamente fatto loro ”.

Dopo anni di lotta e di difesa delle donne che sono state maltrattate e abusate sessualmente da funzionari statali turchi, Keskin ha notato che le cose sono cambiate in Turchia. “Ora, molte donne non hanno paura di rivelare la violenza sessuale contro di loro e questo è un argomento che molte donne possono discutere apertamente”.

Quando Eren Keskin e le sue colleghe hanno stabilito per la prima volta il loro ufficio, le donne nelle carceri hanno iniziato a raccontare loro le loro esperienze di violenza. In seguito, un gran numero di donne delle province curde ha iniziato a rivolgersi al proprio ufficio, ha osservato. Ad oggi, 800 donne e persone si sono rivolte al loro ufficio, denunciando le violenze sessuali subite da funzionari statali.

“Ma sappiamo che il numero reale è più alto, perché ci sono ancora molte donne che si vergognano o hanno paura di aprirsi. Non è facile parlarne visto che viviamo ancora in una società feudale ”, ha detto.

Nessun colpevole assicurato alla giustizia

Tra le 800 richieste che l’IHD ha ricevuto, nessun autore è stato assicurato alla giustizia per i crimini di violenza sessuale di cui era stato accusato. Keskin sottolinea la politica di impunità che esiste citando queste statistiche e i risultati delle istanze del caso.

“I tribunali accettano i rapporti dell’Istituto di medicina legale (ATK) per torture sessuali. Tuttavia, l’Istituto di medicina legale è anche un’istituzione statale. Non documenta e denuncia i casi di abuso sessuale ” ha affermato.

“Anche se c’è un rapporto, gli autori non vengono assicurati alla giustizia. Nessun autore di molestie sessuali o stupri è stato punito nelle cause che abbiamo intentato finora ”, ha confermato.

Nonostante questo tipo di problemi che devono affrontare nei tribunali turchi,Eren Keskin rimane fiduciosa riguardo alla loro lotta per la giustizia: “La giurisdizione non si esaurisce solo con il diritto interno. Sono molte le cause che abbiamo vinto alla Corte europea dei diritti dell’uomo ”.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...