Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La delegazione del CPT visita la Turchia ma non si reca a Imrali

Una delegazione del Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) ha visitato la Turchia dall’11 al 25 gennaio. La delegazione non si è recata a Imrali ma ha discusso le sue ultime raccomandazioni con le autorità turche.

Una delegazione del Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) ha effettuato la sua visita periodica in Turchia dall’11 al 25 gennaio.

L’obiettivo principale della visita era esaminare il modo in cui le persone private della libertà sono trattate dalla polizia e le garanzie di cui godono.Particolare attenzione è stata dedicata alla situazione delle donne, dei minori detenuti e delle persone condannate all’ergastolo aggravato.

La delegazione, ha affermato in un comunicato il CPT, è stata anche in grado di valutare l’impatto delle misure adottate per prevenire la diffusione del covid-19 all’interno delle carceri. La visita è stata anche l’occasione per la delegazione di discutere con le autorità competenti le questioni relative al seguito dato alle raccomandazioni precedentemente formulate dal CPT in merito alla situazione delle persone detenute nel carcere di alta sicurezza di tipo F a Imralı.

Durante la visita, la delegazione ha incontrato Süleyman Soylu, Ministro dell’Interno, Abdulhamit Gül, Ministro della Giustizia, Muhterem Ince, Vice Ministro degli Interni, Uğurhan Kuş, Vice Ministro della Giustizia, e Yunus Alkaç, Direttore generale delle prigioni e dei centri di detenzione , nonché alti funzionari dei Ministeri dell’Interno (compreso il Comando Generale della Gendarmeria), della Giustizia e degli Affari Esteri.

Inoltre, si sono tenuti incontri con Süleyman Arslan, presidente dell’Autorità turca per i diritti umani e l’uguaglianza. La delegazione era composta da: Mykola Gnatovskyy, Presidente del CPT (Capo delegazione), Therese Rytter, 2 ° vicepresidente del CPT, Djordje Alempijević, Nico Hirsch, Julia Kozma, Ceyhun Qaracayev, Hans Wolff. Sono stati assistiti da Hugh Chetwynd (capo della divisione) ed Elvin Aliyev del Segretariato del CPT.

La delegazione si è recata alle stazioni di polizia di Ankara, Diyarbakir, Istanbul, Ataşehir, Bağcılar, Yenibosna, Ümraniye, Gayrettepe, Maltepe-Küçükyalı, Kayseri e nella prigione di Diyarbakır di tipo T , il carcere femminile n°1 di Bakırköy ,il carcere Maltepe di tipo L di İstanbul , il carcere di Metris di tipo T e ha visitato a Kayseri Prigione di tipo n. 1 e il carcere femminile.

 

ANF

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...