Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Ronahî Serhad: Le donne hanno allargato il loro obiettivo

L’esponente del coordinamento del PAJK Ronahî Serhad ha affermato che le donne hanno superato il loro obiettivo di aprire abbastanza spazio per se stesse in un mondo dominato dagli uomini e ha aggiunto che stanno conducendo per un mondo orientato alle donne.

La coordinatrice del PAJK (Partito di liberazione delle donne del Kurdistan, Partiya Azadiya Jin a Kurdistan), Ronahî Serhad, ha detto che una nuova ricerca radicale e un interrogativo ideologico si sono sviluppati nella teoria della liberazione delle donne, “Una nuova teoria femminista” preparata a questo scopo.

Per Serhad, le basi di un nuovo inizio vengono introdotte con i dibattiti “Manifesto della donna del 21° secolo” e “Feminismo per il %”. Le donne che lottano trascendendo il sistema stanno costruendo un nuovo sistema.

Quale eredità di lotta ha lasciato il 2020 alle donne?

Se traiamo le giuste conclusioni dai risultati raggiunti nel 2020, possiamo creare una prospettiva per il 2021. L’inizio della lotta per le donne è stato l’8 marzo.Le donne curde sono scese in piazza l’8 marzo con gli slogan in molte parti del mondo “Le donne cambieranno il mondo” e “Se le donne si fermano, il mondo si ferma” . Non possiamo considerarle solo come manifestazioni di strada. Si sono sviluppate varie proteste, comprese massicce esibizioni di danza. C’è stato un aumento della lotta sindacale grazie agli scioperi e una continuità nella resistenza dei prigionieri politici.C’è stata una lotta legale e legittima contro le leggi sessiste che tengono le donne sotto controllo.Sono state intraprese iniziative per portare all’ordine del giorno problemi politici, sociali, economici, culturali, educativi e sanitari.

La cooperazione è stata l’obiettivo delle proteste delle donne. Si sono opposte alle politiche di stupro, violenza, occupazione, massacro e immigrazione. Hanno messo avanti la necessità di organizzazione congiunta, di una difesa e di una lotta comune per la soluzione di questi problemi.Hanno slegato il potere del cambiamento. Queste reazioni non si sono sviluppate spontaneamente o periodicamente. Le comuni motivazioni sia per l’organizzazione che per l’opposizione al sistema sono aumentate. Ciò ha reso vivo e permanente il movimento anti-sistema. Possiamo dire che è diventata una lotta globale.

Poiché la crisi del sistema è globale, la lotta anti-sistema è diventata diffusa e globalizzata. Le donne hanno guidato la lotta per la democrazia e la libertà. Ne siamo testimoni dall’8 marzo.Rendendosi conto che sono il potere sociale del cambiamento, le donne hanno agito di conseguenza e in modo pianificato.Hanno mostrato volontà e determinazione come artefici della politica sociale. Erano nelle strade come soggetti, lasciando dietro di sé l’idea di essere vittime.

Reclamano i loro diritti e propongono la soluzione, erano sicure di sé, non hanno esitato a pagare un prezzo, sono state coraggiose e hanno resistito.Un altro aspetto notevole: dalle giovani donne ai vari gruppi professionali, le donne sono state la forza motrice che unisce tutti i segmenti sociali e li indirizza verso lo stesso obiettivo eliminando le distanze create dalle differenze sociali e culturali.Ciò è stato ottenuto dal fatto che il fulcro della lotta era la violenza dominata dagli uomini e le leggi sessiste. Ovunque si sono svolte enormi manifestazioni e proteste contro molestie, stupri e uccisioni di donne.

Le donne hanno tenuto le istituzioni dello stato-nazione e i funzionari in considerazione, ma non si sono aspettte molto. Non hanno fatto affidamento alle politiche parlamentari e alle promesse. Hanno rivelato la disfunzionalità delle istituzioni chiamate società civile, che sono un’estensione dello Stato e conciliano la lotta delle donne contro il potere e le donne. Hanno fatto politica applicando la democrazia partecipativa diretta nelle strade e negli spazi di iniziativa. È una differenza molto importante se confrontata con gli anni precedenti.

Cosa dire delle donne curde?

Il Movimento delle donne curde, in quanto movimento in crescita dagli anni ’90, celebra l’8 marzo di ogni anno con molto entusiasmo. Lo ha portato all’ordine del giorno con azioni radicali coerenti con il suo valore storico. Ha combattuto contro il genocidio, l’assimilazione, la politica negazionista del regime statale turco fascista e la misoginia come guerriglia femminile con la sua pistola, e ha combattuto contro l’ISIS, unito nelle YPJ. Per la trasformazione del sessismo, hanno continuato l’attività di organizzazione della società in condizioni colonialiste rischiando l’esecuzione e l’arresto.

Hanno lottato contro le forze europee e della NATO, che vigilano sulla negazione, l’annientamento della guerra della mentalità e il regime dell’AKP che diffonde nazionalismo fondamentalista-religioso e incoraggia l’odio verso i curdi e non hanno cessato di gridare la verità contro la propaganda nera che terrorizzava e ostacolava il nostro movimento di liberazione.

Quindi, possiamo dire che i movimenti delle donne sono stati in grado di focalizzare le percezioni della società sulla questione della libertà delle donne?

Ovunque volgiamo lo sguardo, incontriamo problemi. I movimenti delle donne hanno generalmente agito nel 2020 in termini di raggiungimento dell’obiettivo, come dovrebbe essere all’ordine del giorno, e hanno pronunciato le loro parole in modi diversi e ricchi. Sì, sono riuscite a cambiare la percezione della società. Non è stato così facile. In un mondo in cui ogni giorno si sperimentano nuove forme di violenza, è difficile stare al passo e trovare una risposta pronta. Tuttavia, siamo riusciti a mantenere le donne al centro dell’agenda politica principale, poiché la radice della maggior parte dei problemi deriva dagli atteggiamenti e dagli approcci nei confronti delle donne.Che cosa è stato? La questione della libertà delle donne non era più una rivendicazione, il sessismo è stato radicalmente messo in discussione e discusso come un problema di sistema, invece è stato discusso un nuovo sistema di vita sociale, che ha preso l’iniziativa nel crearlo da sé. Visto che le organizzazioni attuali non bastano, cresce la necessità vitale dell’organizzazione e la determinazione delle donne a creare la propria autodifesa. Le campagne, attività e azioni con nomi diversi come “Non sacrificheremo un’altra donna”, “fine della violenza maschile”, “le uccisioni di donne sono politiche,” Difendi il Rojava “,” Non obbediremo “e altre erano la formulazione della verità che abbiamo menzionato.

Verso la fine dell’anno, le donne curde in Europa hanno avviato una campagna a lungo termine chiedendo di processare Erdogan. Perché questa iniziativa è importante?

La campagna lanciata dal Movimento europeo delle donne denominata “100 motivi per perseguire il dittatore” è significativa e preziosa.

Quasi dopo pochi giorni ad Afrin, una ragazza curda viene rapita, violentata e uccisa. Afrin è la nostra ferita sanguinante. D’altra parte, il KDP e l’Iraq hanno firmato un accordo su Shengal con l’approvazione della Turchia. Il popolo curdo e le donne sacrificate agli interessi di Russia-USA sono tenute in condizioni precarie.

Il nostro Leader [Ocalan] che ha smascherato 200 anni di colonialismo turco, ha incoraggiato le donne a lottare e difende il modello di autonomia per la vita comune dei popoli, è stato mantenuto nel sistema di isolamento Imrali con la decisione della NATO.Non può godere di nessuno dei suoi diritti legali. L’iniziativa “Fine del fascismo e dell’occupazione, tempo per la libertà” lanciata dal KJK e dal KCK per eliminare questa persecuzione ha un significato storico.Inoltre, “Tempo di difendere le donne libere e la società contro il femminicidio”, che la KJK ha avviato nel settembre 2020, risponde al carattere e alle esigenze del periodo di lotta. Abbracciare il nostro Leader portando avanti con successo le iniziative, significa abbracciare la soluzione democratica del problema curdo e la libertà delle donne.Il ministro dell’Interno turco Süleyman Soylu, che ha organizzato personalmente attività terroristiche con il potere dello Stato, ha lanciato una caccia alle streghe contro le donne prendendo di mira apertamente il nostro Movimento delle donne curde.

Ovunque le donne combattano attivamente, il governo ha deciso di metterle a tacere. Organizzano, pianificano e mettono in atto la violenza uccidendo, non intraprendendo azioni criminali per omicidi di donne, mettendo a tacere le donne mettendole in prigione e usando tutti i tipi di metodi e politiche. La scomparsa di Gülistan Doku, lo stupro di Ipek Er che l’ha portata al suicidio, la tortura del membro del TJA Sevil Rojbin Çetin con i cani, il lancio di due curdi da un elicottero e altro ancora … .Tutte queste violazioni sono documentate nei rapporti sulle violazioni dei diritti.Le donne non hanno taciuto contro la guerra, la distruzione e la violenza nel 2020. Al contrario, hanno resistito acuendo la loro volontà di libertà e organizzando il loro coraggio.

La lotta delle donne, che hanno detto che non taceranno, non obbediranno, ha proseguito la lotta per la democrazia e la libertà nel 2020, è diventata una fonte di ispirazione e l’ha aperta per prima. Le donne guerrigliere hanno adempiuto con successo al loro dovere di difesa in prima linea nei ranghi delle YJA STAR e delle HPG. Le iniziative delle donne sono state le caratteristiche dell’anno.Nel 2020, le donne hanno avuto una pratica di successo nell’autodifesa e nella lotta sociale.

A cosa dovrebbero puntare le donne curde nel nuovo anno, cosa si può fare di più?

Certo, potremmo ottenere di più, potremmo fare più lavoro. Potremmo espandere meglio la nostra capacità organizzativa e svolgere un lavoro molto prezioso fianco a fianco con le giovani generazioni.

Lo abbiamo fatto, ma non era sufficiente. Potremmo decifrare il lavoro sporco del MIT e di altri contro le donne e i giovani e ripulire la nostra società da questa sporcizia. Poiché i nostri sforzi in questa direzione sono insufficienti, è colpa nostra se sono state prese tante giovani donne e alcune giovani candidate quadro del nostro movimento.Siamo rimaste incapaci di neutralizzare e rimuovere le politiche di guerra speciali. Non potremmo sollevare sufficientemente i problemi ecologici.

I tentativi di fermare l’attività del nemico che ha bruciato le terre curde e incendiato le aree forestali durante tutto l’anno hanno aumentato la sensibilità, ma la distruzione non è stata evitata. Anche se sono state sviluppate politiche per i problemi sociali affrontati dalle donne, non è stato sufficiente creare e organizzare tali opportunità per introdurre soluzioni alternative concrete. Anche se la prospettiva del periodo è stata determinata con l’affermazione che anche una sola donna non rimarrà disorganizzata, sappiamo che ci sono case e donne che non vengono raggiunte o visitate.Questo sta lasciando le persone e le donne in balia dell’AKP e della mentalità maschile.In questo senso, il 2021 sarà un periodo di intenso lavoro e di lotta sulla base dell’eliminazione delle carenze che abbiamo delineato. Continueremo la nostra lotta in modo radicale nel quadro della iniziativa lanciata per liberare il nostro leader e per chieder conto del fascismo.

In questo senso, salutiamo ancora una volta i nostri compagni del PAJK e del PKK che hanno dato espressione a questa iniziativa con la resistenza dello sciopero della fame. Intensificheremo il nostro lavoro per lo sviluppo della difesa, dell’azione e dell’organizzazione comuni delle donne. Useremo ogni luogo e tempo come area di resistenza per difendere noi stessi ei nostri valori.Oltre a discutere il manifesto delle donne del 21 ° secolo, avremo un atteggiamento verso l’arricchimento della libertà delle donne partecipando a discussioni proggrammate, ottenendo la giusta forza l’una dall’altra e condividendo.

Amplieremo il fronte della resistenza delle donne per sconfiggere il fascismo. Non permetteremo il tradimento lavorando per garantire l’unità nazionale curda, che è il desiderio fondamentale del popolo curdo.Continueremo a tenere conto degli assassini. Non dimenticheremo il giovane curdo che è stato colpito al cuore per aver ascoltato canzoni curde,una nostra madre che ha ricevuto i resti del figlio Agit per posta, in un pacco, i resti dei nostri compagni sepolti sotto i marciapiedi, le urla della gente di Afrin, i sogni e il dolore delle donne vittime di massacri maschili di stato. L’onorevole resistenza della nostra compagna Zeynep Celaliyan nella prigione iraniana dà forza alle donne e noi aumenteremo la resistenza.Trasformeremo il dolore in rabbia e acuiremo la nostra volontà. Non esiteremo a fare uno sforzo, a prescindere dal costo, per attuare la rivoluzione delle donne al fine di creare una società libera, democratica ed equa. Ciò è conforme alla nostra promessa ai martiri. Mentre entriamo in un nuovo anno di lotta, auguro successo a tutte le donne e a tutte le persone che Amplieremo il fronte della resistenza delle donne per sconfiggere il fascismo. Non permetteremo il tradimento lavorando per garantire l’unità nazionale curda, che è il desiderio fondamentale del popolo curdo.Continueremo a tenere conto degli assassini. Non dimenticheremo il giovane curdo che è stato colpito al cuore per aver ascoltato canzoni curde,una nostra madre che ha ricevuto i resti del figlio Agit per posta, in un pacco, i resti dei nostri compagni sepolti sotto i marciapiedi, le urla della gente di Afrin, i sogni e il dolore delle donne vittime di massacri maschili di stato. L’onorevole resistenza della nostra compagna Zeynep Celaliyan nella prigione iraniana dà forza alle donne e noi aumenteremo la resistenza.Trasformeremo il dolore in rabbia e acuiremo la nostra volontà. Non esiteremo a fare uno sforzo, a prescindere dal costo, per attuare la rivoluzione delle donne al fine di creare una società libera, democratica ed equa. Ciò è conforme alla nostra promessa ai martiri. Mentre entriamo in un nuovo anno di lotta, auguro successo a tutte le donne e a tutte le persone che hanno lottato, e invito le donne del Kurdistan e i giovani a combattere nelle file rivoluzionarie e prendere parte alla resistenza di autodifesa.hanno lottato, e invito le donne del Kurdistan e i giovani a combattere nelle file rivoluzionarie e prendere parte alla resistenza di autodifesa.

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Interviste

Come è noto, il 31 marzo si terranno le elezioni municipali in Turchia. Come valuta le elezioni e la preparazione alle elezioni? È importante...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Interviste

Per i popoli e le donne della Siria settentrionale e orientale, il nuovo Contratto sociale rappresenta un’altra pietra miliare, ha affermato Foza Yûsif. La...