Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Massacro di Roboski, un grido di giustizia

Nove anni fa , 34 persone sono state uccise a Roboski quando le forze aeree turche hanno bombardato una carovana di commercianti di frontiera, per lo più minori di 18 anni, nella provincia curda settentrionale di Şırnak.

Nove anni fa 34 giovani sono stati uccisi in quello che è noto da allora come il massacro di Roboski.

Nessuno dei responsabili dell’attacco aereo che ha ucciso i civili è stato assicurato alla giustizia. Due parenti delle vittime sono in prigione e altri 34 sono sotto processo. Il 28 dicembre 2011 le forze aeree turche hanno bombardato una carovana di commercianti di frontiera, per lo più minori di 18 anni, nella provincia settentrionale curda di Şırnak. I commercianti di frontiera morti avevano caricato i loro muli con due taniche di gasolio, un chilo di tè e un chilo di zucchero ciascuno. Stavano commerciando oltre confine quando una pioggia di bombe è caduta su di loro.

Tutti i tribunali civili e militari hanno serrato i ranghi attorno ai militari.Dopo che tutti i canali legali interni erano stati percorsi, è stata presentata una richiesta alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU). Tuttavia, poiché gli avvocati delle famiglie delle vittime avevano presentato i documenti mancanti con due giorni di ritardo, la CEDU ha respinto la domanda nel maggio 2018.

Il processo legale per il massacro di Roboski è emblematico per quanto riguarda il funzionamento della magistratura in Turchia. Nessuno dei responsabili è stato ritenuto colpevole. Veli Encu, che ha perso suo fratello Serhat durante l’attacco aereo, e Barış Encu, che ha perso suo fratello Nevzat, sono in prigione per aver protestato contro il massacro. Sono pendenti procedimenti contro 34 persone a causa della protesta contro l’allora amministratore distrettuale Naif Yavuz. Sono accusati di “propaganda per un’organizzazione illegale, oltraggio all’esercito e tentato omicidio”. Altri 16 parenti sono sotto processo perchè hanno assistito a una cerimonia funebre. Decine di membri delle famiglie sono stati multati.

Veli Encu è stato condannato a cinque anni di carcere. È in prigione da due anni ed è stato processato in altri cinque casi. Anche Barış Encu è stato incarcerato per quasi due anni; è stato condannato a oltre sei anni di carcere per i suoi post sui social network.

L’esercito turco: “Uno sfortunato miscuglio”

19 delle 34 vittime del massacro di Roboski avevano meno di 18 anni. Solo quattro persone sopravvissero all’attacco, gravemente ferite. I giovani tra i 13 e i 38 anni, le cui famiglie vivevano fuori del commercio di confine, stavano tornando dal Kurdistan meridionale quando alle 21.37 è iniziato il bombardamento dei caccia turchi. I bombardamenti sono continuati fino alle 22.24.

Lo Stato maggiore turco ha successivamente affermato che, poiché il gruppo aveva preso una rotta utilizzata anche dal PKK, era stato deciso di attaccarli.Si pensava che fossero “terroristi”. Ore prima del primo attacco aereo, intorno alle 18.39, tuttavia, le immagini dei droni erano già state controllate e hanno rivelato chiaramente che le persone erano riconoscibili come commercianti di frontiera. Anche la polizia militare locale (Jandarma) era informata dell’attività di ogni contrabbandiere, poiché riscuoteva dazi doganali illegali.

In ogni caso, è noto che i guerriglieri non usano rotte lunghe come i commercianti di frontiera e non si muovono in gruppi così vistosi e con i muli. Anche i militari responsabili di Ankara dovevano esserne consapevoli. L’attuale capo di stato Recep Tayyip Erdoğan, all’epoca primo ministro, ha promesso di indagare sull’incidente. Tuttavia, è stato lo stesso Erdoğan a ringraziare personalmente il capo di stato maggiore per l’attentato.

ANF

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...