Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Meral Beştaş: L’insistenza sull’isolamento ad Imrali è dispotismo

La vice leader del gruppo parlamentare di HDP Meral Danış Beştaş ha commentato lo sciopero della fame contro l’isolamento di Abdullah Öcalan e gli annunci di riforma legale del governo turco in un’intervista.

Il Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) e l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa hanno pubblicato rapporti sulla tortura dell’isolamento a Imrali. Come comprendere l’insistenza del governo turco sull’isolamento dei detenuti di Imrali?

Il governo rifiuta di trovare una soluzione al problema dell’isolamento e insiste su una posizione illegale che ignora completamente la legislazione, gli accordi internazionali, la costituzione e le decisioni degli organismi internazionali. Si basa sulla guerra nella sua politica estera e sull’isolamento di Abdullah Öcalan nella sua politica interna e, in relazione a ciò, sul rifiuto di una soluzione pacifica. C’è una connessione in tutto questo.

Cosa ne pensate del rinnovato sciopero della fame nelle carceri che chiedono la revoca dell’isolamento?

Il fatto che le persone in questo paese debbano fare uno sciopero della fame affinché le leggi vengano applicate è indicativo della terribile situazione. Le persone in carcere non hanno contatti con il mondo esterno e, chiuse tra quattro mura, lottano contro ogni forma di violazione della legge.Con la pandemia, la loro situazione è peggiorata drasticamente. Facendo uno sciopero della fame, stanno mettendo a rischio la loro esistenza e dimostrando il livello al quale il regime totalitario sta ora operando. A seguito degli scioperi della fame in passato, sono state fatte alcune promesse. I colloqui sono stati forzati e il ministro della Giustizia ha dovuto dichiarare che si atterrà alla legge.Tuttavia, abbiamo a che fare con un governo che dimentica rapidamente le sue promesse e le mette a tacere. Da tempo ha perso la sua legittimità. Il ministro della giustizia è la persona che è principalmente responsabile dell’attuazione delle leggi in questo paese. Quando anche le sue promesse non vengono mantenute, non è più solo una questione di illegalità, ma piuttosto di dispotismo.

È noto che Öcalan critica il metodo dello sciopero della fame. Durante lo sciopero della fame guidato da Leyla Güven per la fine del suo isolamento, è intervenuto e ha chiesto di trovare altri metodi. L’attuale sciopero della fame indica che le strade legali e politiche sono chiuse?

Sì, Abdullah Öcalan è contrario agli scioperi della fame per se stesso o per altri obiettivi. Tuttavia, nella situazione attuale tutte le altre strade sono chiuse. Le parole non hanno più potere e si cerca di togliere ogni influenza alla politica legale. Le persone che hanno deciso di fare lo sciopero della fame apparentemente non vedono altri mezzi. Non possiamo prendere decisioni per loro. Dopo tutto, non siamo noi a decidere, ma i prigionieri stessi. Siamo un partito che richiama l’attenzione sull’isolamento e sulla situazione nelle carceri all’esterno e la combatte. Non credo sia giusto giudicare la decisione dei detenuti. Ovviamente hanno deciso di fare lo sciopero della fame perché l’isolamento continua nonostante le varie resistenze e la situazione si è bloccata.

Come lei ha accennato, il ministro della Giustizia Abdülhamit Gül ha affermato nel corso dell’ultimo sciopero della fame che non ci sono ostacoli ai colloqui con gli avvocati, ma la realtà è diversa. Puoi dire che il governo sta facendo l’esatto opposto di quello che annuncia?

Certo, si può dire questo. Dopo tutto, questo è il motivo per cui non ci si fida più di nessuna parola di questo governo. Non ci si può fidare perché a volte fa il contrario 24 ore dopo e talvolta una settimana dopo. La mancanza di affidabilità è uno dei tratti essenziali di questo governo.Cambia idea a piacimento; c’è un divario tra pratica e teoria.Non si occupa di diritti, costituzione, persone, rivendicazioni sociali o pace, stabilità, felicità e salute. Si occupa solo dei propri vantaggi.

E le riforme legali annunciate?

Prima che il governo avvii le riforme, dovrebbe semplicemente conformarsi alla legislazione esistente, alla costituzione e alle convenzioni internazionali.Finché la magistratura è sotto il comando del governo, le riforme non hanno senso. È molto più importante applicare le leggi. Data questa situazione, non devo nemmeno dire che non mi fido degli annunci di riforma.

L’HDP è sempre più al centro dell’incitamento all’odio. Cosa sta cercando di ottenere il governo con la sua posizione aggressiva contro il tuo partito?

Attaccando HDP, il governo vuole distrarre l’attenzione dai propri crimini, corruzione e furti. Tuttavia HDP è un partito democratico dei popoli e gli attacchi non hanno mai raggiunto il loro obiettivo. Continuerà ad essere così.

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...