Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Leyla Güven: La fine dell’isolamento è richiesta da milioni di persone

Mentre lo sciopero della fame è iniziato nelle carceri contro l’isolamento di İmralı è giunto al 21 esimo , la co-presidente del DTK Leyla Güven che ha avviato l’azione di sciopero della fame 2 anni fa ha dichiarato: “La fine dell’isolamento è la richiesta di milioni di persone”.

Il 27 novembre è stato lanciato nelle carceri uno sciopero della fame a rotazione a tempo indeterminato chiedendo la fine dell’isolamento aggravato del leader del PKK Abdullah Öcalan, Nuovi prigionieri in diverse carceri si uniscono all’iniziativa ogni giorno.

Lo sciopero della fame iniziato da Leyla Güven due anni fa e durato 200 giorni era stato avviato con la stessa richiesta.

Richiesta di milioni di persone

Affermando che negli ultimi anni c’è un isolamento dei curdi che continua ad andare sempre più in profondità, Leyla Güven ha affermato che i curdi si oppongono a questo isolamento con le loro iniziative e attività in ogni ambito. Avevo deciso di iniziare uno sciopero della fame il 7 novembre 2018 nel carcere di Amed “, ha detto Leyla Güven,” Quando ho preso questa decisione individualmente, ero anche co-presidente del DTK. Ci siamo sforzati di risolvere il problema curdo come congresso.

Öcalan era ed è un must per la soluzione di questo problema. Per poterlo fare, l’isolamento doveva essere rimosso e i negoziati dovevano essere avviati. In quanto donna e politica curda, ho pensato di farlo con la filosofia di Öcalan e ho fatto il primo passo. E poi come tutti sanno, lo sciopero della fame è cresciuto e la tua esensione si è diffusa nel mondo. Avevo detto che volevo iniziare questa azione e la mia richiesta era la richiesta di milioni di persone. E si è rivelato vero. Un enorme sostegno è giunto soprattutto dalle carceri “.

Ricordando che lo sciopero della fame si è concluso il giorno in cui il ministro della Giustizia ha detto a Öcalan che la sua famiglia e gli avvocati avrebbero potuto far visita al 200esimo giorno,Leyla Güven ha affermato: Ma dopo alcune visite, abbiamo visto che l’isolamento è stato ripristinato. Ora c’è uno sciopero della fame a rotazione a tempo indeterminato. Vediamo che nuovi gruppi si uniscono e lo sciopero della fame continua. Non è una decisione facile iniziare uno sciopero della fame o vederlo come un metodo ovviamente. Nessuno vuole morire. Ogni essere umano vuole vivere una vita libera e spiegare i propri sentimenti nella propria lingua madre. Tutti desiderano vedere il proprio leader libero, non imprigionato “.

L’isolamento è un problema di tutti

Parlando dello sciopero della fame Leyla Güven ha dichiarato: “Uno sciopero della fame è l’unica azione che si può fare in una prigione. Perché tutto ciò che hanno sono le loro vite. Pertanto, vogliono che l’opinione pubblica sia sensibile e consapevole al riguardo. Aiutarli a rimanere in vita è nelle nostre mani. Ora hanno rilasciato una dichiarazione di volontà e hanno iniziato uno sciopero della fame. Ma d’ora in poi, tutto è nelle mani dell’opinione pubblica. Partiti politici, associazioni e istituzioni, tutti dovrebbero essere sensibili. Perché questa domanda è una richiesta umana “. Sottolineando che l’isolamento si è diffuso a tutta la società nella persona di Öcalan, ha detto Güven. “Sappiamo che la pandemia è un grosso rischio nelle carceri. Pertanto, la situazione è disastrosa e critica.

In questo senso, rende questo anche un nostro problema. È un problema morale. Dobbiamo sostenere chi è in sciopero della fame davanti alle carceri e nelle strade senza preoccupazioni o timori.È così che possiamo mantenerli in vita. Il governo dovrà fare qualcosa al riguardo se l’azione è sostenuta dall’esterno forte e chiaro. Credo che il nostro popolo farà la sua parte dando voce a questo sciopero della fame e le richieste dei prigionieri saranno soddisfatte “.

MA

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...