Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Cinque anni dopo ancora nessuna giustizia per le vittime del massacro di Ankara del 10 ottobre

Cinque anni dopo il massacro di Ankara del 10 ottobre 2015 nessun pubblico ufficiale è stato ritenuto responsabile di quanto accaduto. Il governo si è nascosto dietro la retorica del “questo è solo un massacro compiuto dall’ISIS e non di più”. Le famiglie delle vittime affermano che non riterranno che giustizia sia stata fatta a meno che le autorità non approfondiscano le indagini e affrontino le affermazioni secondo cui i servizi di intelligence turchi avrebbero potuto essere a conoscenza dell’attacco e non hanno agito per impedirlo.

Dopo cinque anni dal massacro di Ankara del 10 ottobre 2015, nessun funzionario responsabile della strage è ancora stato processato. Le famiglie delle vittime hanno affermato che le autorità si sono comportate “come se nulla fosse accaduto”.

Il 10 ottobre 2015 un attacco suicida fuori dalla stazione ferroviaria centrale di Ankara – attribuito a ISIS – ha ucciso più di cento persone e ne ha ferite più di cinquecento. La strege è diventata l’atto terroristico più mortale nella storia moderna turca. Le vittime erano in gran parte sostenitori del Partito democratico dei popoli(HDP) di sinistra liberale e di orientamento curdo. Si erano riuniti per marciare per la pace in vista delle elezioni politiche del 1 novembre.

Le famiglie delle vittime quest’anno avevano chiesto alle autorità di poter svolgere una cerimonia commemorativa di fronte alla stazione ferroviaria, che secondo loro poteva essere impedita sulla base del focolaio di coronavirus.

Ci sono state precedenti affermazioni secondo cui i servizi segreti turchi avrebbero potuto avere una conoscenza anticipata dell’attacco e non hanno agito per impedirlo.

La moglie di una delle vittime ha affermato che la loro richiesta di giustizia rimane inesistente per le autorità. “Non so se ci sono altri casi di massacro in cui le prove sono così allo scoperto, ma non è stato fatto nulla”, ha affermato la moglie di Ali Kitapçı Emel Kitapçı.

Kitapçı ha detto che l’allora primo ministro Ahmet Davuoğlu aveva così tanto promesso di intervenire ssul caso, ma tutto ciò che ha fatto è stato di “fare politica attraverso le vittime”.

“Uno dei problemi che mi ha fatto arrabbiare di più è stato il fatto che fingeva di non avere alcun ruolo [nell’incidente], che ha tentato di dire qualcosa ma poi ha finito per non dire nulla e che ha tentato di fare politica attraverso di noi “, ha dichiarato.

Il ministero dell’Interno turco ha rinviato tutti gli eventi sindacali e delle ONG a dicembre a causa dell’epidemia di COVID-19

Mehtap Sakinci Coşgun, che ha perso il marito Uygar Coşgun nel massacro, ha affermato che le famiglie hanno perso la gioia di vivere negli ultimi cinque anni e che i loro dolore à fresco come il primo giorno.

“Chi era in quel posto c’è una cosa che tutti sanno: niente sarebbe più stato come prima. Negli ultimi cinque anni è andato tutto peggio. Stiamo pensando per cosa dovremmo lottare, per quanto ancora dovremmo lottare. Questo è un periodo in cui chi è rimasto indietro è stato danneggiato così tanto “, ha affermato.

Mehtap ha dichiarato che nonostante il decreto del ministero dell’Interno del 2 ottobre che vieta tutti gli eventi sindacali e delle ONG fino alla fine di dicembre a causa dell’epidemia di coronavirus, le vittime terranno comunque una cerimonia davanti alla stazione ferroviaria di Ankara alle 10.04 – quando è avvenuto l’attacco. “Siamo contrari all’idea che anche la nostra cerimonia di commemorazione possa essere vietata a causa del decreto sulla pandemia. Le cerimonie di commemorazione hanno così tanto significato per noi, e saremo lì per ricordare [i nostri cari]. Ci dà così tanto dolore che barriere vengono poste davanti a noi e le nostre pene vengono ignorate. Non so se c’è qualche altro paese in cui i dolori delle famiglie vengono ignorati così tanto “, ha detto.

Mehtap ha affermato di essere stata per settimane in contatto con le autorità perché permettessero alle famiglie di tenere la cerimonia. “Ci siamo impegnati così tanto solo per organizzare una cerimonia di cinque minuti nella zona”, ha affermato.

L’ultima udienza del caso sulla strage si è svolta il 3 agosto 2018, con il tribunale che ha condannato 19 persone a pene detentive, variabili tra 7,5 anni e all’ergastolo aggravato.

İlke Işık, uno degli avvocati delle famiglie, ha dichiarato che il governo si è nascosto dietro la retorica del “questo è solo un massacro intrapreso dall’ISIS e non di più”. Ha sottolineato che le autorità hanno dichiarato che “la giustizia è stata realizzata” trovando i 19 sospetti e condannandoli al carcere, senza approfondire le indagini.

“Tuttavia, negli ultimi cinque anni abbiamo scritto che i sospetti dell’ISIS non sono gli unici responsabili. Diversi funzionari pubblici dovrebbero essere ritenuti responsabili per aver causato questo massacro, per aver aperto la strada e chiuso gli occhi. Finché i nostri appelli verranno ignorati, non diremo che giustizia è stata fatta.

Serkan Alan / DUVAR

UIKI Onlus: Condanniamo l’attacco alla Marcia per la Pace di Ankara!

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...