Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it
Turkish President Tayyip Erdogan delivers a speech during a ceremony in Ankara, Turkey, September 4, 2020. Presidential Press Office/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS PICTURE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. NO RESALES. NO ARCHIVE.

Turchia

Jenya Qadir KNK: Il regime AKP-MHP è dietro l’attacco al Karabakh

Dal 27 settembre l’Azerbaigian ha attaccato la regione armena dell’Artsakh con il sostegno turco. Jenya Qadir del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK) dall’Armenia riferisce che la Turchia aveva già iniziato i preparativi per la guerra da cinque a sei mesi fa. Ha affermato: “Questa guerra non dipende dal fatto che l’Armenia la volesse o no, perché il piano per prendere l’Artsakh era già stato fatto in anticipo tra Turchia e Azerbaigian. Negli ultimi trent’anni c’è stata sempre una guerra tra le parti.

Ma questa guerra è diversa dalle precedenti. La differenza è che questa guerra è stata pianificata e iniziata dalla Turchia. Lo stato turco vuole far valere praticamente le sue ambizioni nel Caucaso attraverso la guerra tra Azerbaigian e Armenia. Sappiamo anche che Erdoğan vuole costruire un sistema ottomano-turanista. Ecco perché attacca e interviene ovunque. Questa situazione è diventata una calamità per l’umanità “.

La maggior parte delle persone in Azerbaigian non vuole questa guerra

Jenya Qadir sottolinea che l’Azerbaigian non è pronto per la guerra: “Questo perché il Paese ha i suoi problemi. Gran parte della popolazione del Paese non vuole questa guerra. I popoli vedono che la guerra non è pianificata dall’Azerbaigian, ma dalla Turchia. La guerra viene combattuta anche con mercenari turchi e tecnologia turca ed è coordinata dalla Turchia. Più dell’Azerbaigian, è la Turchia che vuole portare l’Artsakh sotto il suo controllo “.

La Russia mette il proprio vantaggio sopra ogni altra cosa

Per quanto riguarda il ruolo della Russia, Jenya Qadir afferma che le relazioni commerciali degli ultimi anni sono diventate un mezzo per negoziare concessioni reciproche a porte chiuse. Avverte che la Russia potrebbe perseguire una politica simile a quella in Siria e in Rojava: “Lo Stato russo non può essere amico di nessuno e pone il suo vantaggio sopra ogni altra cosa. Se guardiamo indietro nella storia, possiamo vederlo chiaramente. La Russia ha sempre perseguito una tale politica nei confronti dei popoli della regione “.

Minaccia di diffusione della guerra

Jenya Qadir avverte del rischio di una diffusione della guerra in tutto il Caucaso e prosegue: “La Russia non può rispondere di una simile catastrofe. Sappiamo bene che lo Stato turco non si fermerà e cercherà di occupare più aree. Speriamo che la Russia non farà un tale errore storico “.

L’esponente del KNK avverte che un’invasione turca dell’Armenia significherebbe una ripetizione del genocidio del 1915: “La popolazione armena ha pensato in modo errato ai curdi. Hanno considerato i curdi co-responsabili del genocidio. A causa di questa errata percezione, le relazioni amichevoli con i curdi non potevano svilupparsi al livello desiderato.La nuova guerra mostra che armeni e curdi hanno lo stesso nemico. Entrambi i popoli devono unirsi per mano. Spero che il popolo armeno ne sia consapevole. Rêber Apo [Abdullah Öcalan] dice: “La convivenza dei popoli nell’amicizia e nella fraternità è della massima importanza. Dovremmo prendere questo paradigma come base “.

Jenya Qadir spiega che ogni popolo deve fidarsi delle proprie forze, credere in se stesso e resistere di conseguenza. Al contrario, gli stati agiscono solo nel proprio interesse. In questa guerra, gli armeni non dovrebbero fare affidamento su forze esterne ma su se stessi e assumersi la responsabilità del proprio destino, aggiunge.

ANF

 

 

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Erdogan: salvare la sconfitta in Turchia con la guerra nel Kurdistan meridionale Il 23 marzo, il KNK ha convocato un incontro straordinario con i...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...