Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Salih Muslim: la Turchia non può tollerare la vittoria di Kobané

Il membro del Consiglio della co-presidenza del PYD Salih Muslim ha dichiarato che l’operazione “Kobanê” contro l’HDP è una continuazione degli attacchi contro i curdi e ha detto: “La Turchia non può tollerare la vittoria di Kobané”. Salih Muslim ha commentato le detenzioni dei politici di HDP nell’ambito dell’indagine ‘Kobané, avviata dall’ufficio del procuratore capo di Ankara.

Il membro del dipartimento per le relazioni diplomatiche del Partito dell’unione democratica, Salih Muslim, ha parlato della campagna di genocidio politico delle autorità turche contro i parlamentari di HDP, gli attivisti e le organizzazioni femminili.

Muslim ha osservato che lo stato turco cerca di distruggere il popolo curdo e la democrazia.

Salih Muslim ha affermato che lo Stato turco ha stabilito il suo regime autoritario basato sulla mentalità fascista, aggiungendo: “Oggi tutte le bande mafiose sono al timone del potere in Turchia.Oggi, la forza più grande che guida l’avanguardia della lotta per la democrazia è l’HDP. Pertanto, le autorità non smettono di prendere di mira in ogni occasione questo partito. Lo scopo di questi attacchi è l’eliminazione della democrazia e del popolo curdo, poiché molti parlamentari di HDP sono già in prigione senza processo; questo è contro le leggi.

Lo stato turco continua ad attuare il suo piano per sterminare il popolo curdo. Uccisioni e occupazione, arresti, torture, incendi e demolizioni di villaggi, così come i continui attacchi al Kurdistan meridionale e al Rojava.

Lo stato turco non esita ad attaccare quando e dove si presenta l’occasione. Non possono sopportare l’idea della vittoria della resistenza di Kobane. Salih Muslim ha osservato che la resistenza di Kobane si è trasformata in un dilemma per l’occupazione turca, e non è in grado di sopportare l’idea della vittoria di quella resistenza, e ha detto a questo proposito: “La questione conferma la portata dell’impatto che ha avuto sulla Turchia la vittoria della resistenza di Kobane, resistenza che ha portato alla sconfitta dei mercenari dell’Isis,ciò che l’ISIS non è stato in grado di ottenere, lo stato turco lo sta completando.

La questione non si limita alla sola resistenza di Kobane, ma lo stato turco sta ora lavorando per colpire le persone che hanno mostrato il loro sostegno alla resistenza, coloro che hanno sostenuto la resistenza di Kobani hanno mostrato posizioni onorevoli, e questa campagna di annientamento politico indica la natura e l’esposizione del rapporto tra ISIS e lo stato turco,e conferma che l’ISIS non ha ancora lasciato la Turchia, poiché i mercenari dell’ISIS ricevono addestramento nei campi della Turchia che utilizza questi mercenari per intervenire ovunque desideri.

Non possono tollerare la vittoria a Kobane

Salih Muslim ha toccato il sostegno globale che si è raccolto attorno alla resistenza di Kobane, e ha affermato a questo proposito: “Durante la Resistenza, abbiamo fatto appello ai popoli del mondo affinché alzassero la voce contro questi brutali attacchi, e il primo di novembre è stato dichiarato giornata globale della resistenza di Kobane, che ha confermato il tempo per il supporto globale per questa resistenza.

Durante quel periodo, abbiamo anche detto che anche se l’ISIS viene eliminato, coloro che sostengono l’ISIS e altri gruppi mercenari rappresentano un grande pericolo, e devono essere combattuti, e se non vengono combattuti, l’ISIS tornerà in vita.

Questo è ciò che vediamo oggi sul campo. La campagna di annientamento che continua oggi include il messaggio che “faremo rivivere l’ISIS” e fintanto che i partiti che sostengono l’ISIS, lo usano e lo finanziano non vengono affrontati.

La minaccia dell’ISIS non scomparirà dal mondo, e quindi chiediamo al mondo di lavorare per porre fine ai partiti che sostengono l’ISIS e alla loro testa c’è lo stato turco.

Gli attacchi potrebbero alimentare una guerra civile

Sulla base dei dati dell’attuale situazione in Turchia, Salih Muslim ritiene che la continuazione di questi attacchi in futuro porterà al collasso dello Stato turco: Questi attacchi lanciati dallo Stato turco porteranno ad alimentare la guerra civile. È possibile che lo stato turco avanzerà ancora una volta con un salasso e sul tentativo di sterminare il popolo curdo, ma questa vicenda porterà al collasso dello Stato turco, che si trova in una fase difficile, perché si sta ritirando a livello globale e perde nella questione libica e nella crisi del Mediterraneo orientale. Oggi ha raggiunto una fase in cui crede di dover uscire da questa crisi sterminando il popolo curdo. Lo stato turco ha raggiunto uno stato in cui non potrà continuare se non attraverso spargimenti di sangue. Questo è uno dei segni e delle indicazioni del crollo; è una fase pericolosa, il popolo curdo deve essere vigile su questo e lavorare per proteggere i propri ottenimenti, se la Turchia riesce nei suoi piani, ciò significa l’eliminazione del popolo curdo e della democrazia in Medio Oriente.

 

MA

 

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...