Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Meral Cicek: il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul non porrà fine alla lotta delle donne

Se l’AKP si ritira dall’accordo di Istanbul, non porrà fine alla lotta delle donne”, ha affermato l’esponente del Repak Meral Cicek. Ha invitato le donne del Kurdistan settentrionale e della Turchia a combattere insieme per preservare le proprie acquisizioni.

Come risultato delle politiche dell’AKP e dell’MHP contro le donne, le donne nel Kurdistan settentrionale e in Turchia sono quotidianamente vittime di omicidi, stupri e ogni tipo di violenza.

Nel Kurdistan settentrionale e in Turchia 36 donne sono state uccise e 11 hanno perso la vita a giugno per mano di uomini. L’AKP e l’MHP al potere stanno discutendo da tempo del ritiro dalla Convenzione di Istanbul, a questo proposito, Meral Cicek, esponente dell’Ufficio delle relazioni delle donne curde (REPAK) è intervenuta alla nostra agenzia.

Gli Stati che hanno firmato la convenzione devono attuarla

Meral ha toccato il ruolo delle donne nell’accordo di Istanbul, “le donne in Turchia hanno svolto un ruolo cruciale nel determinare il livello dell’accordo che si oppone alla violenza contro le donne e ne protegge i diritti. Questo accordo internazionale definisce anche gli impegni dei paesi nei confronti della violenza, ecco perché i paesi che hanno firmato l’accordo, devono attuarlo “.

Lo Stato turco vuole utilizzare l’accordo come strumento

Ha affermato che c’è un problema di fronte a questo accordo, affermando che uno degli slogan delle campagne della Turchia è “attuare il mio accordo “. L’AKP e l’MHP non si sono attenuti a questo accordo per 10 anni. Volevano utilizzarlo per i propri interessi, la stessa mentalità è stata seguita dall’AKP nel processo di pace, per i diritti delle donne e la libertà. I paesi che hanno firmato l’accordo devono includerne gli elementi nelle loro risoluzioni e cercare le cause della violenza.

Poiché qualsiasi elemento di questo accordo non è andato in vigore in Turchia “. Ha osservato che la violenza contro le donne è aumentata negli ultimi anni, aggiungendo “in questa fase del governo dell’AKP, la violenza è aumentata del 1400%, le donne vengono uccise quotidianamente dai loro uomini. Secondo i dati del 2019, 474 donne sono state uccise nel Kurdistan settentrionale e in Turchia in un anno. Questo mostra chiaramente le ripercussioni delle politiche statali turche nel non rispettare l’accordo “.

Continuano con il loro fascismo prendendo di mira le donne

Meral ha affermato che “l’accordo di Istanbul è un risultato per le donne. L’AKP e l’MHP prendono di mira a questi avanzamenti, questa opposizione deve essere definita come guerra sistematica e genocidio contro le donne. Viene perseguita in tutte le parti del Kurdistan quando è entrato in controllo nelle occupate Afrin, Serêkaniyê e Girê Spi, l’ISIS ha fatto quello che fa lo stato turco in Turchia e nel Kurdistan del nord facendo pressione sulle attiviste e le organizzazioni delle donne in una guerra sistematica su vasta scala contro le donne . Vogliono silenziare la voce delle donne e tenerle lontane dalla lotta, poiché vedono le donne come la forza trainante nella lotta, ciò che la Convenzione di Istanbul stipula e la Turchia fa è completamente contraddittorio, quando non la rispettano, organizzano la mentalità degli uomini . “

Ci sono possibilità per la lotta

Meral ha affermato che questo accordo è nato dalla lotta delle donne. In Turchia. Ora vogliono schierarsi contro di essa ufficialmente in modo che possano facilmente seguire le politiche contro le donne affermando: “L’AKP lavora sulla base delle regole della fraternità, le sue politiche giustificano la violenza contro le donne e di conseguenza cerca di renderla accettabile per le donne, quindi mettere la Convezione in vigore è il modo giusto e la soluzione.

Ma è molto chiaro che è difficile per la mentalità turca attuarlo praticamente. Anche se lo Stato turco si ritira dalla Convenzione, non metterà fine alla lotta delle donne, quindi devono lottare unite per le loro acquisizioni, questa fase dà vita alla lotta “.

ANF

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...