Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Studio legale Asrin:il rapporto del CPT non è sufficiente, il sistema della tortura deve essere abbandonato

Descrivendo il rapporto del CPT su Imralı come “carente”, l’ufficio legale di Asrin ha invitato il CPT e tutte le organizzazioni internazionali per i diritti umani a mettere in atto meccanismi più efficaci e ad assumersi la responsabilità.

L’ufficio legale di Asrın, che rappresenta il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan e altri tre prigionieri nella prigione dell’isola di Imralı, ha rilasciato una dichiarazione sul rapporto pubblicato il 5 agosto dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura (CPT).

Le restrizioni imposte ad Abdullah Öcalan e ad altri tre prigionieri nella prigione dell’isola di Imrali non sono accettabili, afferma il rapporto del CPT sulla visita del 2019 in Turchia.

Lo studio legale di Asrın ha affermato che il rapporto con carenze e un linguaggio timido costituisce ancora importanza in termini di denuncia, ancora una volta, dell’illegalità e del sistema di tortura implementato su Imralı.

La dichiarazione include quanto segue:

“Il rapporto presenta dati molto importanti sotto diversi titoli sulle pratiche in atto. Come è noto, il Carcere di Imralı è un centro di detenzione di massima sicurezza gestito con un sistema speciale. Questo sistema, che è stato implementato per la prima volta a Imralı e oggi è diventato un sistema di attuazione generale, è definito “Regime di applicazione penale aggravata”.

In questo senso, anche la Corte europea dei diritti dell’uomo ha giudicato l’attuazione a Imralı una violazione del divieto di tortura. In aggiunta ai suoi precedenti rapporti, il CPT ha ancora una volta chiesto una “revisione completa” del regime di detenzione per le persone condannate all’ergastolo aggravato.

Un altro aspetto degno di nota del rapporto del CPT è l’esposizione della quasi totale assenza di visite di avvocati e familiari a Imralı rispettivamente dal 2011 e dal 2014, e l’emergere di questo problema come oggetto di dialogo e discussione tra il CPT e il governo turco.

Il CPT ha infatti definito il divieto totale di contatti con il mondo esterno dei prigionieri detenuti nella prigione di Imralı come “un tipo di reclusione in isolamento”. Il CPT ha anche osservato con grande preoccupazione che, a seguito della revoca dello stato di emergenza (nel luglio 2018), a tutti i prigionieri è proseguita la negazione delle visite da parte dei loro avvocati e familiari.

Il rapporto del CPT chiarisce che un tale stato di cose non è accettabile e viola chiaramente vari strumenti e standard internazionali pertinenti sui diritti umani. Il CPT ha anche accolto con favore il fatto che, poco prima della visita del 2019, il divieto giudiziario alle visite degli avvocati è stato revocato e Abdullah Öcalan ha ottenuto la prima visita degli avvocati dal luglio 2011.

Durante il periodo citato, tuttavia, la visita degli avvocati è stata consentita solo dopo che il Ministero della Giustizia ha annunciato che non vi era alcun divieto nei periodi più critici dello sciopero della fame e dell’azione di digiuno a cui hanno partecipato oltre tremila politici nelle carceri turche, Durante il periodo menzionato, tuttavia, la visita degli avvocati è stata consentita solo dopo che il Ministero della Giustizia ha annunciato che non vi era alcun divieto nei periodi più critici dello sciopero della fame e dell’azione di digiuno a cui hanno partecipato oltre tremila politici nelle carceri turche, fuori dalle carceri e in tutto il mondo.

Le citate riunioni, infatti, si sono svolte nei mesi di maggio, giugno e agosto quando erano in vigore sanzioni disciplinari arbitrarie e illegittime, come stabilito anche dal CPT. Agli avvocati è stato negato l’accesso a Imralı dall’agosto 2019 nonostante la mancanza di un giudizio legale.

È importante in questo aspetto che il CPT punti alla necessità di un sistema sostenibile di visite regolari da parte di familiari e avvocati che dovrebbe essere sviluppato per tutti i detenuti nel carcere di Imralı e richiede alle autorità turche di fornire entro tre mesi una risposta contenente un conto pienamente completo delle azioni da loro intraprese per attuare le raccomandazioni del Comitato e le risposte ai commenti e alle richieste di informazioni formulate nella presente relazione.

Nonostante il fatto che la pubblicazione dei rapporti del CPT debba essere richiesta dai governi, il CPT non dovrebbe dimenticare che è un’istituzione non per il diritto degli Stati ma per la legislazione dei diritti umani. Nonostante i suoi sforzi per rendere il suo meccanismo di conferma costantemente implementabile con ragioni diplomatiche, il CPT purtroppo trascura la sua posizione sovra-statale.

In realtà, il CPT ha un’unica missione; prevenire la tortura all’interno del sistema giuridico europeo. Questo è quanto affermato nel loro statuto di fondazione. D’altra parte, il CPT, con nostro rammarico, ha ripetutamente affermato negli ultimi 21 anni di aver ritenuto illegittimo il regime di applicazione aggravato e ha chiesto una soluzione attraverso delle richieste.

Senza dubbio, gli Stati possiedono un potere irresistibile, motivo per cui la storia dei diritti umani ha sviluppato meccanismi diversi ed efficaci. L’articolo 10/2 della carta del CPT garantisce il diritto e la missione di denunciare uno stato membro che si impegna costantemente nella violazione.

Per concludere, la visita e il rapporto del CPT come una delle istituzioni più efficienti autorizzate a ispezionare Imralı, sono di grande importanza. Questa visita ha dimostrato ancora una volta, sebbene con un linguaggio diplomatico, che il sistema di isolamento di Imralı è implementato sulla base di un regime di tortura. Sfortunatamente, le visite e le relazioni da sole non riescono a riflettere la dimensione reale nella situazione attuale poiché l’illegalità e l’arbitrarietà sono istituzionalizzate e le pratiche pertinenti vengono approfondite ogni giorno.

Su questa base, chiediamo al CPT e a tutte le organizzazioni internazionali per i diritti umani di mettere in atto meccanismi più efficaci e di assumersi la responsabilità “.

 

MA

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...