Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Leyla Güven è il simbolo della lotta per la libertà delle donne

La deputata di HDP Istanbul Dilşat Canbaz, che ha affermato che la lotta delle donne è stata presa di mira dalla detenzione e dalla revoca dello status di parlamentare della co-presidente del DTK Leyla Guven, ha affermato che “Leyla Guven è il simbolo della lotta per la libertà delle donne.

Essi affermano che “spezzeremo quella volontà”, ma lei non si arrende mai, non si inginocchia mai davanti a loro e continua a lottare oggi come ieri “.

Le reazioni continuano ad aumentare a seguito della detenzione di Leyla Güven e di Musa Farisoğulları di HDP in quanto il loro status di parlamentari, insieme a Enis Berberoğlu del CHP sono stati revocati. Richiamando l’attenzione sull’illegalità, il deputato di Istanbul, Dilşat Canbaz, ha chiesto una lotta congiunta.

Leyla è il simbolo della lotta delle donne

Affermando che il fascismo e il sistema patriarcale attuano politiche rivolte in modo particolare alle donne, Dilşat Canbaz ha sottolineato che è il blocco dell’AKP-MHP, che attacca i corpi e le donne in politica. Leyla Güven è l’espressione del movimento femminile curdo. È il simbolo della lotta delle donne. Ha sottoposto il suo corpo alla fame contro l’isolamento del signor Abdullah Öcalan.

Questa è stata una dichiarazione di volontà. Non è stata solo un simbolo per il Kurdistan, ma per l’umanità in tutto il mondo. Non la valutano come una persona e dicono “spezzeremo quella volontà”. Tuttavia, Leyla è la voce della lotta delle donne e un esempio per tutti noi. Quando ha alzato la mano con il segno della vittoria, quello che ha dichiarato è la risposta al fascismo; non si è mai arresa, non si è mai inginocchiata davanti a loro e continua a lottare oggi come ieri “, ha detto Dilsat Canbaz.

Il CHP deve essere coraggioso

Canbaz ha anche fatto appello al CHP e ha invitato il CHP ad agire in modo più coraggioso: “Stiamo ancora dicendo questo, Enis Berberoğlu potrebbe essere di un’altra linea politica, ma anche il suo status di deputato è stato cancellato. Non dovremmo esitare a dire tutto questo ad alta voce. Questo è il momento di agire coraggiosamente. Il presidente del CHP Kemal Kılıçdaroğlu parla solo di Enis Berberoğlu, proprio quando ci sono altri due parlamentari in ballo e quei due hanno pagato un prezzo per lunghi anni. Mi aspetto che il CHP sia più coraggioso “.

Sottolineando l’attualità del fascismo, Dilsat Canbaz ha affermato: “Questo non cambierà se ognuno dirà” Non mi succederebbe niente “, ma cambierà solo con una lotta comune. Per dare una risposta al fascismo, dobbiamo stare tutti insieme. A partire dal CHP verso tutti gli altri blocchi democratici, la società deve essere nelle strade, perché non abbiamo nulla da perdere “.

 

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...