Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La Turchia manda in Libia altri mercenari dell’ENS

Lo Stato turco ha trasferito 240 membri della milizia Liwa al-Mutassim dalla Siria in Libia. Altri seguiranno.Lo Stato turco ce la sta mettendo tutta per mantenere al potere il governo dei Fratelli Musulmani. Soldati turchi, miliziani jihadisti e grandi quantità di armi sono state inviate dalla Turchia al governo Saraj nonostante l’embargo ONU. Si vuole rafforzare il regime della Fratellanza Musulmana come parte della politica imperiale neo-ottomana di fronte al generale Haftar sostenuto da Russia e Egitto.

In particolare membri del cosiddetto „Esercito Nazionale Siriano” (ENS) vengono inviati in Libia dallo Stato turco. Da ultimo 240 miliziani del gruppo Liwa al-Mutassim sono stati trasferiti in LIbia. Altri membri dell’ENS – circa 200 miliziani della milizia Furqat al-Hamzat – vengono addestrati per l’impiego in Libia a Kilis nei pressi della città di Dîlok (Antep) in Kurdistan del nord. Il trasferimento nella battaglia senza sbocchi in Libia nonostante retribuzioni elevante in molti mercenari incontra scarso entusiasmo. Dalla Brigata Sultan-Murad 700 mercenari hanno disertato per sfuggire a un trasferimento in Libia.

Il 27 novembre la Turchia ha fatto un accordo sulla sicurezza e la cooperazione militare con il governo Saraj. Da allora mercenari ENS vengono inviati nella regione. Secondo quanto riferito dall’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR) finora 7.400 persone sarebbero state trasferite dalla Turchia in Libia. 249 di loro sarebbero morte. La Turchia con questo viola sistematicamente l’embargo per l’invio di armi alla Libia.

L’Esercito Nazionale Libico (LNA) sotto il generale Haftar ha reso noto di aver distrutto diversi depositi di armi nella zona del governo di unità nazionale sostenuto dalla Turchia. Inoltre diverse postazioni del regime islamista sarebbero stati oggetto di attacchi aerei.

Negli attacchi dell’LNA sarebbero state distrutte armi fornite dalla Turchia. Nei pressi della base militare di al-Watiya sono stati abbattuti due droni turchi. L’LNA accusa la Turchia di voler dividere la Libia.

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...