Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

KNK: Una guerra tra curdi sarebbe una catastrofe

Il Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK) a fronte dell’escalation in Kurdistan del sud in una lettera aperta fa appello al governo del Kurdistan del sud e ai partiti PUK, KDP e PKK di impedire una guerra tra curdi.

Il Congresso Nazionale del Kurdistan (KNK) in una lettera aperta mette in guardia da una guerra tra i partiti curdi. Nella missiva dei Presidenti del KNK Zeynep Murad e Ahmed Karamus al Presidente della Regione Autonoma Kurdistan, Neçirvan Barzani, al Presidente del Consiglio dei Ministri Mesrur Barzani, al Presidente del KDP Mesud Barzani, ai Presidenti del PUK Lahor Şexceng e Bafil Talabani e ai Presidenti della KCK Besê Hozat e Cemil Bayık si afferma:

„Alcuni giorni fa nella regione di Zinê Wertê si verificata una preoccupante confuszione tra il KDP e il PUK. In seguito nella stessa zona si è arrivati a una crisi tra forze delle HPG e peshmerga del KDP. La crisi può provocare una situazione simile a una guerra civile.

Lo Stato turco nemico già ora considera questa crisi una buona occasione e bombarda la regione. Come da molto tempo ogni anno occupa territorio del Kurdistan del sud e costruisce postazioni militari. Il suo piano mira a annientare tutte le conquiste del popolo curdo. Questo piano tutte le forze del Kurdistan devono vederlo e prendere di conseguenza posizione contro l’occupante.

Un conflitto tra curdi e la rimozione delle conquiste curde non sono accettabili. Da una situazione del genere può trarre profitto solo il nemico. Come popolo, come politiche e politici, strutture civili artiste e artisti, intellettuali e accademiche e accademici dobbiamo assumere responsabilità.

Senza dubbio la protezione dei confini della Regione Kurdistan compete al governo [del Kurdistan del sud]. Tutti i partiti e le forze politiche del Kurdistan considerano il governo del Kurdistan del sud come loro governo. Noi consideriamo legittimo e sosteniamo che protegga la sua sovranità politica e il suo territorio.

Al Presidente e al governo della Regione Kurdistan spetta una grande responsabilità. KDP, PUK e PKK devono impedire nuova distruzione. Se si tratta dell’essere o non essere del popolo curdo, KDP, PUK e PKK devono mettere in secondo piano i loro interessi di partito e le loro contraddizioni. Per proteggere gli interessi del popolo, devono agire insieme. Con la strategia di un’unità nazionale devono assumere lo stesso atteggiamento.

Il nostro popolo e in nostri amici ci chiedono unità e coesione. Un conflitto tra curdi non trova accettazione in alcun modo. Una guerra tra curdi significa una catastrofe.

Vogliamo soprattutto che le forze trasferite a Zinê Wertê siano ritirate e che venga messa fine alla propaganda nera nei media. Con questa speranza facciamo appello al governo della Regione Kurdistan e a KDP; PUK e PKK di entrare senza indugio in un dialogo. Per mettere fine all’attuale confusione e trovare una soluzione, un dialogo e un presupposto imprescindibile.

Che questa crisi diventi occasione di unità e coesione. Fissiamo con una strategia nazionale un atteggiamento comune. Solo lungo questo percorso possiamo far fallire il nemico che vuole distruggere le conquiste del nostro popolo.“

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Erdogan: salvare la sconfitta in Turchia con la guerra nel Kurdistan meridionale Il 23 marzo, il KNK ha convocato un incontro straordinario con i...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il Consiglio esecutivo del KNK, sottolineando i piani degli stati occupanti di compiere nuovi massacri come Halabja, ha invitato tutte le forze a non...

Iraq

Secondo le osservazioni dei Christian Peacemaker Teams, nel 2023, sono stati effettuati oltre 1.500 attacchi da parte delle forze armate turche nella regione del...