Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Occuparsi del Coronavirus nella capitale curda di Diyarbakır

Sebbene vi sia stato un lieve miglioramento negli ultimi quattro o cinque giorni delle cure del Coronavirus nella capitale curda non ufficiale di Diyarbakır non sono ancora adeguate.Nei distretti della classe medio-alta della città sud-orientale, come Diclekent, bar, ristoranti e saloni hanno chiuso, ma molte altre attività come negozi di mobili, elettricisti e negozi di giocattoli rimangono aperti. I quartieri densamente popolati come Bağlar e Sur, il cuore della città, continuano ad essere affollati e oltre la metà delle attività commerciali sono aperte.

Perché le persone rifiutano o non sono in grado di adottare precauzioni? Le informazioni sulle misure precauzionali non raggiungono le persone? Sto riflettendo su tutto questo e sto cercando di capire lo stato d’animo delle persone nella mia città natale. Una questione importante qui è il problema della fiducia.

Per molto tempo, il popolo curdo non ha avuto leader e istituzioni per rassicurarci in situazioni di crisi come questa. Il Partito della Giustizia e dello sviluppo (AKP) al potere, ha ripetutamente promesso lapace, la riparazione dell’economia, il riconoscimento della nostra identità e il rispetto della democrazia.

Ma i ministri e i politici dell’AKP hanno costantemente omesso di mantenere le loro promesse. I curdi non hanno motivo di credere ai loro annunci più recenti.

Le nostre stesse istituzioni sono in disordine. Non abbiamo un sindaco a Diyarbakır per parlare a nostro nome in una crisi di vita o di morte, perché il nostro sindaco (che è anche uno dei migliori dottori della città), Selçuk Mızraklı, è in prigione.

Molte delle nostre altre istituzioni hanno perso la loro efficacia a causa di anni di pressione, soprattutto negli ultimi due anni. I loro legami con il pubblico si sono indeboliti e le istituzioni più strettamente coinvolte con il popolo sono state chiuse. Di conseguenza, le persone qui sono prese da un sentimento generale di abbandono.

Esiste ovviamente anche un problema di leadership e dialogo. Attualmente, non c’è nessun leader che parli al popolo curdo in un momento di crisi. Il leader più forte che potrebbe parlarci è Selahattin Demirtaş, ex Copresidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP), che è in prigione. Sebbene di tanto in tanto mandi messaggi dal carcere, questi messaggi sarebbero più efficaci di persona.

La mancanza di dialogo è un problema serio. Il commissario fiduciario assegnato dal governo centrale in sostituzione del sindaco non ha avviato alcun dialogo con i residenti della città. I residenti della città non hanno molte aspettative di dialogo da parte del fiduciario. Ma se la città avesse un leader che avevamo eletto, di cui ci fidavamo, credevamo, amavamo, rispettavamo e abbracciavamo, la gente avrebbe probabilmente ascoltato quella persona ed era più disposta a prendere le precauzioni necessarie contro il Coronavirus.

Invece oggi siamo un popolo che non si fida nemmeno dei nostri comuni. Evitiamo gli edifici governativi se non strettamente necessario, che sono separati dalle barriere della polizia dal loro governo.

Un altro problema è il fatto che gli ordini esecutivi hanno chiuso la maggior parte delle organizzazioni no profit della città negli ultimi quattro anni. Non abbiamo più le basi che possono trasmettere messaggi al pubblico. Non abbiamo istituzioni che possono agire da intermediari. Le nostre organizzazioni femminili, le organizzazioni per bambini, le organizzazioni anti-povertà, le organizzazioni giovanili. Praticamente tutte sono scomparse.

L’Associazione Sarmaşık (Ivy) per la lotta alla povertà, che è stata chiusa per ordine esecutivo nel settembre 2016, era solita fornire cibo e sostegno ogni mese alle 4.500 famiglie più povere della città. Se Sarmaşık fosse ancora aperto oggi, l’organizzazione avrebbe fornito il supporto necessario per quelle famiglie.

Invece, ex leader di Sarmaşık, come Mızraklı e Şerif Camcı, sono invece accusati di sostenere organizzazioni terroristiche a causa del loro lavoro di lotta alla povertà e vengono processati. Le pressioni, i licenziamenti e i casi giudiziari che sono stati intentati contro membri di organizzazioni come l’Associazione medica turca e il Sindacato degli operatori sanitari hanno indebolito le istituzioni che svolgono importanti funzioni nelle pandemie. Negli ultimi cinque anni, il governo ha tentato ogni tattica per indebolire le organizzazioni senza scopo di lucro nelle città curde, dalle chiusure agli arresti e agli incendi.

La società curda è una società organizzata e connessa, ma il governo negli ultimi anni ha lavorato duramente per distruggere l’unità istituzionale attraverso diktat esecutivi. Ha avuto parzialmente successo.

Un altro motivo dietro l’apatia verso il Coronavirus è ovviamente il combattimento e la distruzione che abbiamo vissuto nel 2015-2016. Questo stato d’animo è evidente in molti residenti di Diyarbakır, dai bambini agli anziani. Dopo quello che abbiamo visto – i corpi lasciati nelle strade, Sur collassata su di noi, dopo mesi di bombardamenti – è difficile spingere le persone. Un altro motivo dietro l’apatia verso il Coronavirus è ovviamente il combattimento e la distruzione che abbiamo vissuto nel 2015-2016. Questo stato d’animo è evidente in molti residenti di Diyarbakır, dai bambini agli anziani. Dopo quello che abbiamo visto – i corpi lasciati nelle strade, Sur ci collassa, dopo mesi di bombardamenti – è difficile spingere le persone a prendere sufficienti precauzioni per il Coronavirus.

Siamo stati a casa per una settimana con i bambini e abbiamo finito il formaggio. Il formaggio intrecciato, una prelibatezza regionale, è importante per il popolo di Diyarbakır. Vado al caseificio dietro casa nostra, che è aperto e occupato. Il Coronavirus non si trova da nessuna parte.

Senza entrare completamente nel negozio, cercando di mantenere la distanza, chiedo al giovane che lavora nel negozio di darmi due chilogrammi di formaggio intrecciato. Dico “Vorrei che indossassi guanti e una maschera”. Si scambiano sguardi strani. Nel negozio affollato, un uomo anziano mi chiama: “Figlia, dimentica il Coronavirus. Dopo tutto quello che abbiamo visto, koronavirüs çî ye? ”*

Una risata si impadronisce di me.

* Curdo per “Cos’è il Coronavirus?”

Di Nurcan Baysal- Diyarbakir

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...