Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Musicisti in carcere: “Digiuno fino alla morte” per essere ascoltati

Il gruppo musicale Grup Yorum ha una grande comunità di fan in Turchia. Nonostante questo è perennemente nel mirino della giustizia. Con uno sciopero della fame due componenti del gruppo protestano contro la privazione di diritti.

Helin Bölek e Ibrahim Gökcek sono due degli otto musicisti del gruppo musicale di sinistra Grup Yorum. Circa due anni sono stati arrestati durante una retata di polizia nel centro culturale Idil di Istanbul. Sono accusati di appartenenza all’organizzazione di estrema sinistra DHKP-C. Protesta contro la sentenza Bölek e Gökcek sono entrati in sciopero della fame, lo chiamano “digiuno fino alla morte”. Da oltre 230 giorni rifiutano l’assunzione di cibo, ormai le loro condizioni sono di pericolo di vita.

Helin Bölek è stata rilasciata a novmbre, ma continua il suo sciopero della fame. E, dice, lo farà fino a quando la giustizia turca chiuderà il procedimento contro i componenti del gruppo musicale. Inoltre Bölek e Gökcek chiedono la revoca del divieto di fare concerti e che in futuro non si continui con le continue retata nella sede delle loro attività, il centro culturale Idil a Istanbul.

Dopo 200 giorni diventa pericoloso

I suoi clienti sono in una condizione preoccupante, lamenta l’avvocata dei musicisti, Didem Baydar Ünsal. “Sono molto indeboliti”, dice, gli effetti del perdurare della fame sono pesanti: “I loro piedi bruciano, hanno gonfiori sul corpo, difficoltà a camminare, crampi, mal di testa, spossamento e sensazione di intorbidimento in tutto il corpo”.

Ibrahim Gökcek – da oltre 230 giorni è in “digiuno fino alla morte”

La medica e attivista per i diritti umani, Prof. Sebnem Korur Fincanci, si mostra preoccupata per il fatto che lo sciopero della fame duri già da oltre 200 giorni. Ora è arrivato il momento, così Fincanci, in cui il digiuno fino alla morte diventa davvero pericoloso. Anche se il corpo umano può sopravvivere nonostante forti perdite di peso se gli vengono fornite vitamine, liquidi, sale, carbonato e zucchero, “se la condizione di salute prima dell’inizio dello sciopero della fame non era sufficiente, una simile forma di protesta può portare alla morte “, così la medica forense.

Il problema in Turchia è che i prigionieri a stento vengono ascoltati, dice Fincanci

Dagli anni 1996 e 2000 scioperi della fame estremi con conseguenze mortali in large parti dell’opinione pubblica turca sono ancora dolorosamente impressi nella memoria. Korur Fincanci, insignita del Premio per la Pace dell’Assia ritiene che i prigionieri in Turchia ricorrano a questi mezzi drastici perché non ricevono ascolto. “La ragione per la quale persone digiunano fino alla morte e mettono i propri corpi in pericolo di vita, dipende dal fatto che non hanno diritto a un processo equo e alla vita.”

Prigionieri politici sono considerati nemici “

Anche il compositore Zülfü Livaneli, che fece da mediatore negli scioperi della fame degli anni 2000, ritiene che i prigionieri nelle carceri turche non sarebbero sufficientemente protetti dallo Stato, ma che invece vengono considerati dal governo turco e dalla giustizia come nemici. “Lo Stato non considera queste persone propri cittadini. Sarebbero felici se il loro ricordo e perfino la loro esistenza si dissolvessero.

I prigionieri sono considerati troppo come l’immagine stessa del nemico, pensa il compositore Livaneli.

Anche l’avvocata Gülizar Tuncer è dell’idea che lo Stato consideri i ‘prigionieri politici’ come nemici. “Questo atteggiamento si può desumere dagli atti dei processi.” Tuncer fa notare la tragedia del 19 dicembre 2000, quando circa 1000 prigionieri in diverse carceri turche protestarono contro l’apertura di carceri di tipo F – un tipo all’epoca nuovo di carcere di massima sicurezza che doveva facilitare la carcerazione in isolamento. Quando le forze di sicurezza turche assaltarono 20 carceri per mettere fine agli scioperi della fame, 30 prigionieri persero la vita. Tuncer fa notare che negli atti i poliziotti sono definiti come “forze amiche” e i prigionieri come “nemici”. Questo sarebbe la dimostrazione di quanto sia consolidata l’immagine del nemico.

Presunta vicinanza a estremisti

Il gruppo musicale Grup Yorum è noto per i messaggi politici nei testi delle sue canzoni e dagli anni ‚80 gode di un’enorme popolarità. Ma fin dalla sua fondazione è perennemente nel mirino della giustizia turca. In numerosi casi componenti del gruppo sono stati arrestati o portati in tribunale, nel centro culturale del gruppo musicale sono state fatte diverse retate. Alcuni loro album sono stati censurati.

Nella maggior parte die casi l’accusa è che Grup Yorum sarebbe vicino all’organizzazione marxista-leninista DHKP-C – considerata organizzazione terroristica sia in Turchia sia in Germania. Anche i componenti di Grup Yorum attualmente in carcere sono accusati di appartenenza al DHKP-C. I musicisti hanno atteso l’accusa per otto mesi, venerdì per la prima volta saranno ascoltati nell’ambito del processo.

Fonte: DW.COM

https://www.dw.com/de/inhaftierte-musiker-todesfasten-um-geh%C3%B6rt-zu-werden/a-52337899?maca=de-Twitter-sharing

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...