Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

KCK: Dietro all’attacco di IS a Mexmûr c‘è lo Stato turco

L’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) sottolinea che dietro all’attacco di IS al campo profughi autogestito di Mexmûr in Kurdistan del sud c’è lo Stato turco.La co-Presidenza del Consiglio Esecutivo dell’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) ha rilasciato una dichiarazione scritta sull’attacco di „Stato Islamico” (IS) al campo di Mexmûr domenica scorsa. Nella dichiarazione si afferma: „Come nell’anno 2014 ora IS ha di nuovo attaccato il campo di Mexmûr. Né soldati irancheni né i peshmerga di stanza nei pressi di Mexmûr si sono contrapposti a IS. Nel 2014 l’attacco di IS a Mexmûr è stato respinto dalla guerriglia accorsa in aiuto della popolazione e anche dalla resistenza delle e degli abitanti. Così fu fermata anche l’avanzata di IS su Hewlêr. Le HPG e le YJA-Star dalle zone di difesa di Medya hanno respinto IS e in questo modo salvato sia Mexmûr sia Hewlêr. Allo stesso tempo le unità della guerriglia andarono a Kerkûk e insieme ai peshmerga locali sventarono l’attacco di IS alla città.“

La KCK descrive Mexmûr come un simbolo della resistenza contro IS. Per questo IS starebbe cercando di vendicarsi della popolazione del campo.

Lo Stato turco vuole disperdere il campo

La KCK fa notare che l’atteggiamento resistente della popolazione nel campo autogestito abitato da profughi della regione del Botan in Kurdistan del nord, l’ha resa obiettivo primario degli attacchi turchi: „Attraverso attacchi aerei turchi e la repressione da parte del KDP, si vuole costringere il campo allo scioglimento e alla resa. L’attacco di IS è parte di questa politica. Dietro a questo attacco c’è lo Stato turco. Così come lo Stato turco ha attaccato Şengal, Kobanê e la rivoluzione del Rojava, attacca anche Mexmûr. L’ultimo attacco è legato all’embargo. IS crede che il campo sia sotto pressione per via dell’embargo. Era dell’idea di ottenere un risultato con il suo attacco.“

L’embargo del KDP su Mexmûr è inaccettabile

La KCK descrive l‘embargo su Mexmûr come situazione inaccettabile e tragica, con la quale il KDP offende tutto il Kurdistan: „Mettere come partito curdo un embargo su un campo come Mexmûr che rappresenta l’onore delle curde e dei curdi, non significa altro che disprezzare e calpestare la storia del popolo curdo. Il popolo curdo sa che il KDP applica questo embargo per desiderio della Turchia. In questo modo il KDP e il governo regionale del Kurdistan del sud danneggiano soprattutto a se stessi.“

La KCK definisce la situazione di Mexmûr come uno stato d’assedio. Il peshmerga del KDP si sono comportati come un esercito nemico che circonda il campo e non fa passare niente. Questo non cambia anche se alcune poche persone possono di nuovo andare all’università e al lavoro. La KCK accusa il KDP di aver incoraggiato IS con questo comportamento a vendicarsi per il fatto che Mexmûr ha fatto saltare l’attacco a Hewlêr.

Appello alla solidarietà con la gente di Mexmûr

La KCK di fronte agli attacchi di IS chiama l’intero popolo curdo e i suoi partiti politici, , nonché le forze democratiche in tutto il mondo alla solidarietà con la gente di Mexmûr.

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...