Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Guerriglia urbana rivendica attacchi contro la polizia turca

Un gruppo di guerriglia urbana ha rivendicato attacchi a Van, Amed e Istanbul. Secondo la rivendicazione, tra l’altro è stata attaccata un’unità di polizia con cariche esplosive artigianali.

La „Unità di Vendetta Şehîd Sakine Cansız e Şehîd Viyan Soran“ ha rivendicato attacchi a Istanbul, Van e Amed (Diyarbakir). Come si afferma nella rivendicazione del gruppo di guerriglia urbana, ieri nella metropoli di Amed nel Kurdistan del nord è stato attaccato un gruppo di poliziotti nel distretto di Rezik (Bağlar) con cariche esplosive artigianali. Quattro funzionari sono rimasti feriti, il gruppo è riuscito a ritirarsi illeso. Successivamente nel quartiere della città vecchia Sûr di fronte al parco Alipaşa Anzela una vettura della polizia è stata colpita con carche esplosive. La vettura è stata danneggiata.

Il 30 gennaio il gruppo ha attaccato un pick-up della polizia di tipo Ranger della casa automobilistica Ford a Ertemêtan (Edremit) nella provincia di Van con cariche artigianali. Anche qui la vettura è stata diffusamente danneggiata.

Il 31 gennaio a Istanbul-Bostancı sono state incendiate cinque vetture di una ditta che lavora per la polizia. Come fa sapere la „Unità di Vendetta“ gli attacchi hanno avuto luogo in occasione del 21° anniversario del sequestro di Abdullah Öcalan. Nella rivendicazione si afferma: „Il precursore Apo è creatore di questi valori di resistenza. Anche nelle condizioni più difficili si impegna per la liberazione della società. Tutti i suoi sforzi vanno al dispiegarsi della lotta di liberazione per la pace che si orienta in base a principi come uguaglianza e libertà. Con il suo atteggiamento fedele ai principi, reagisce contro il capitalismo opportunista che ci vuole costringere alla capitolazione. Il Rêber Apo si è impegnato per gli oppressi per rendere loro possibile una vita libera. Per questo solo con la sua libertà sarà possibile superare le insidie contro i popoli.“

Il 15 febbraio 1999 il rappresentante curdo è stato sequestrato dall’ambasciata greca a Nairobi in Kenya nell’ambito di un’operazione lesiva del diritto in internazionale alla quale hanno partecipato i servizi segreti di diversi Stati e deportato sull’isola carcere turca di Imrali. La società curda quindi definisce il sequestro di Öcalan un „complotto internazionale“.

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il segretario organizzativo dell’Unione dell’Istruzione Tahir Çetin, che ha affermato che il governo impone la sua ideologia nazionalista, religiosa e sessista ai bambini, ha...

Diritti umani

Nonostante la sentenza contraria della Corte costituzionale turca, la polizia di Istanbul ha nuovamente attaccato il raduno delle Madri del sabato in piazza Galatasaray....

Diritti umani

Sulla base di false accuse da parte delle autorità turche, Mehmet Dizin, che vive in Germania dal 1980, è stato arrestato mentre era in...

Diritti umani

RIHA – Affermando che suo fratello Emin Güler non è stato rilasciato nonostante il rapporto di invalidità fisica del 94%, Ahmet Güler ha dichiarato:...