Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Libertà per Demirtas!

Corte Europea per i Diritti Umani chiede la liberazione del politico di opposizione e di sinistra dalla carcerazione turca. La Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU) a Strasburgo martedì ha chiesto la liberazione del politico di opposizione Selahattin Demirtas che in Turchia da due anni si trova in carcerazione preventiva. Il 3 novembre 2016 i due co-Presidenti del Partito Democratico dei Popoli (HDP), filo-curdo e di sinistra, Demirtas e Figen Yüksekdag, nonché altri deputati erano stati arrestati. Su indicazione diretta del Presidente Recep Tayyip Erdogan, Demirtas è accusato dalla procura di stato tra l’altro di »propaganda terroristica e appartenenza a un’organizzazione terroristica armata«, si intende il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).


Demirtas è ricorso alla CEDU perché ha considerato leso il suo diritto a un’adeguata tempestività del processo nonché i suoi diritti alla libertà di opinione e all’incolumità. I giudici a Strasburgo nella loro sentenza rilevano che per il suo arresto sussisteva un motivo fondato, ma che questo non giustificherebbe il protrarsi della carcerazione preventiva. Se non dovessero essere presentate nuove prove, il politico dovrebbe essere rimesso in libertà.

I giudici della CEDU non considerano lesi solo i diritti individuali di Demirtas. La carcerazione preventiva sarebbe un »intervento illegittimo nella libera espressione delle opinioni del popolo«. Il politico dell’opposizione a giugno dal carcere di massima sicurezza di Edirne si era nuovamente candidato per la carica dei Presidente dello Stato.

La carcerazione preventiva in corso durante il referendum per l’introduzione del sistema presidenziale dello scorso anno, e tutt’ora in corso oltre le elezioni parlamentari e presidenziali nell’estate di quest’anno, secondo il parere della CEDU serve all’obiettivo di »soffocare il pluralismo e limitare la libertà del dibattito politico« in Turchia.

L’HDP ha accolto con soddisfazione la sentenza e ha invitato via Internet le autorità turche a liberare immediatamente Demirtas e altri politici dell’HDP in carcere. »Questa sentenza per noi non è vincolante«, ha invece affermato Erdogan respingendo immediatamente le speranze di una liberazione a breve. La sentenza non è ancora passata in giudicato; il caso può essere passato a un’istanza superiore della CEDU.

Andrej Hunko, portavoce per le politiche europee del gruppo parlamentare della Linke nel Bundestag e membro del Consiglio d’Europa, martedì ha dichiarato che la sentenza della CEDU è »estremamente importante e meritevole di plauso«. Il politico della Linke ora si aspetta »dalla Turchia la liberazione di Selahattin Demirtas nei prossimi giorni«. Perché Ankara »in quanto membro del Consiglio d’Europa ha l’obbligo di applicare le sentenze«, così Hunko.

 

di Nick Brauns e Roland Zschächner

(…)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...