Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Rise up for Rojava: sit-In sotto Il Comune Di Bari!

Rise up for Rojava: sit-In sotto Il Comune Di Bari!

4 settembre 2019


il 6 settembre alle ore 10:00, nel contesto della campagna internazionale di solidarietà attIva con la Federazione dei popoli della Siria del Nord “RISE UP 4 ROJAVA”; saremo a Bari sotto il comune per denunciare a gran voce le continue aggressioni da parte del fascismo turco e dei suoi alleati e la connivenza degli stati occidentali che continuano a sostenere la guerra di aggressione che lo stato turco attua, anche a mezzo di bande jihadiste, anche con la vendita di armi proprio come fa lo stato italiano. Saremo sotto il comune anche per continuare quel percorso si avvicinamento alla concessione della cittadinanza onorario ad Apo Ocalan, teorico della rivoluzione confederale, detenuto dallo stato turco ingiustamente, da oltre venti anni, nell’isola- carcere di Imrali in Turchia.

LIBERTA’ PER OCALAN E TUTT* I\LE PRIGIONIER*!
VIVA LA RIVOLUZIONE CONFEDERALE!
LORENZO “ORSO”VIVE!

——————————————————————————————-

Il comunicato della campagna “RISE UP FOR ROJAVA”:

Mentre la popolazione del Rojava prosegue la sua lotta per l’autodeterminazione, la liberazione delle donne e la democrazia dal basso e la difende contro gli attacchi di bande jihadiste e dallo Stato fascista turco, i rappresentanti di governi ipocriti stringono la mano al despota turco.

Mentre ad Ankara vengono architettati piani per liquidare la rivoluzione in Kurdistan e in Siria, le industrie belliche europee, russe e statunitensi ogni giorno diventano più ricche come conseguenza diretta della guerra in Medio Oriente. Si fanno profitti che costano milioni di vite umane.

Mentre centinaia di migliaia di persone sono state scacciate da Afrin da forze jihadiste, sostenute, equipaggiate e controllate dall’esercito turco, questi jihadisti e le loro famiglie hanno iniziato a insediarsi, a sfruttare le risorse delle persone e a vendere il simbolo di Afrin, l’olio d’oliva, attraverso la Turchia alla Spagna e ad altri Paesi europei. Questo è ciò che intende lo Stato turco quando mette in sicurezza il suo confine: pulizia etnica e bande jihadiste che attaccano le persone sul posto.

Non solo ad Afrin, ma anche nelle montagne del Kurdistan e nelle carceri, contro questa politica e questi attacchi, è in corso una grande resistenza. In Siria del nord poco tempo fa le FDS, le YPJ e leYPG hanno sconfitto i resti del cosiddetto Stato Islamico. Questo è stato possibile solo attraverso il sacrificio di migliaia di cadut* e la coraggiosa resistenza delle persone sul posto. Migliaia di donne si sono organizzate e liberate, sono state fondate innumerevoli comuni e cooperative. Le società del Kurdistan, della Siria del nord e dell’est si sono mobilitate e avanzano di giorno in giorno.

Con il successo della rivoluzione crescono anche le minacce di Erdogan di altri attacchi militari su vasta scala contro il Kurdistan o la Siria del nord, che perseguono l’obiettivo della distruzione completa della rivoluzione.

La Turchia promuove in tutto il mondo il suo successo nell’”arginamento” della crisi dei profughi al di fuori dei confini europei, ma sempre più persone riconoscono il vero volto di questo regime. Noi diciamo che anche ISIS rappresenta un pericolo per la rivoluzione e l’intera umanità, fino a quando il fascismo turco non sarà sconfitto.

La collaborazione militare e diplomatica tra il governo AKP-MHP, gli USA opportunisti e Paesi dell’Europa occidentale deve essere smascherata e attaccata politicamente. Contro la collaborazione dei nostri governi dobbiamo costruire una resistenza collettiva. La lotta fisica contro l’aggressione turca e jihadista in Medio Oriente deve essere collegata in modo diretto con la lotta contro la politica dei governi coinvolti in tutto il mondo. Se movimenti democratici e rivoluzionari decidono di mettere l’argomento all’ordine del giorno dei media, di portarlo nelle piazze, nelle fabbriche e nelle aule scolastiche dei loro Paesi, possiamo costruire un secondo fronte contro il fascismo turco e l’imperialismo in Medio Oriente.

Dobbiamo sviluppare in questo modo la nostra azione, collegarla e internazionalizzarla. Dobbiamo passare dalla protesta alla resistenza politica permanente. L’esercito turco spara e la NATO fornisce le armi per farlo. La popolazione del Kurdistan e della Siria del nord risponderà agli attacchi in questo modo e noi, come antifascist* e rivoluzionar* occuperemo, disturberemo e bloccheremo i luoghi della collaborazione militare, diplomatica ed economica con il fascismo turco nei nostri Paesi.

In solidarietà con la popolazione del Rojava ci mostreremo solidali con i seguenti obiettivi e le seguenti azioni:

1. Noi difendiamo la rivoluzione e le sue conquiste. Noi ci identifichiamo con la rivoluzione in Kurdistan come una lotta principale contro il fascismo del nostro tempo e per la liberazione della donna nella nostra società. Noi consideriamo questo processo rivoluzionario in linea con le lotte per la liberazione nella storia dell’umanità come la rivoluzione di ottobre, la guerra di Spagna e la rivoluzione cubana.

2. Noi disturberemo, occuperemo e bloccheremo imprese e istituti finanziari, che sostengono militarmente o finanziariamente il fascismo turco. Di questo fa parte un lavoro di inchiesta e informazione, così come azioni di massa e disubbidienza civile.

3. Noi condanniamo tutte le associazioni, tutti i governi e le alleanze che sostengono il fascismo turco. Dobbiamo analizzare la loro collaborazione e smascherare il loro sporco gioco. I nemici della rivoluzione in Kurdistan e in Siria sono anche nostri nemici. Ci opponiamo alla politica di intervento e occupazione dei Paesi della NATO e della Federazione Russa in Medio Oriente.

4. Noi impediremo la diffusione delle menzogne della propaganda turca e in questo modo toglieremo al fascismo turco lo spazio per respirare. Attraverso istituzioni, lavoro di lobby e propaganda, cercano di diffondere la loro ideologia in tutto il mondo e di ottenere sostegno per la loro guerra criminale. Noi combatteremo questa ideologia. Il fascismo turco è il nostro nemico comune, la nostra unità è l’internazionalismo antifascista!

Facciamo appello a tutte e a tutti di partecipare a #riseup4rojava!

La rivoluzione in Siria del nord vincerà, il fascismo sarà distrutto!

Viva l’internazionalismo antifascista!

Solidarietà con le forze antifasciste in Turchia, in Kurdistan e in tutto il Medio Oriente!

Link utile: https://riseup4rojava.org/it/home-2/

Venerdì 6 settembre, dalle ore 10:00
Presidio sotto la sede del Comune di Bari

Organizzato da Rete Kurdistan Puglia


Inserisci un commento