Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 25 settembre 2018

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Gli accademici chiedono un cessate il fuoco consolidato

Gli accademici chiedono un cessate il fuoco consolidato

6 agosto 2015


Un gruppo di studiosi provenienti da varie università in tutta la Turchia si sono uniti alle richieste per un cessate il fuoco consolidato e hanno chiesto la fine dell’isolamento imposto al leader del popolo curdo Abdullah Öcalan.

In una dichiarazione toccante, circa duecento professori delle università in Turchia hanno espresso la loro forte opposizione all’intensificazione delle operazioni militari di,e hanno chiesto l’attuazione immediata di una pace inequivocabile e di lunga durata.

Nella loro dichiarazione dal titolo “Appello alle popolazioni di Turchia”, gli accademici hanno invitato il governo ad abbandonare il suo discorso che provoca discriminazione, ostilità e conflitti; ai giornalisti di assumersi la loro responsabilità nell’opporsi ai loro colleghi che stanno prendendo parte alle politiche di guerra e ha esortato il parlamento a promulgare legislazioni che rendano il processo di risoluzione una garanzia legale.

Gli accademici hanno sottolineato che il processo di risoluzione / di pace ,che è stato formalmente avviato nel gennaio 2013, ha suscitato speranze tra tutti i popoli per l’inizio di un nuovo periodo dopo 30 anni di conflitto nel paese, aggiungendo che gli accademici in Turchia hanno sostenuto in ogni fase di il processo durante gli anni di 2013-2015 per contribuire alla speranza che questo processo presenta.

“Abbiamo accolto positivamente la costituizione di una delegazione di saggi ed il loro lavoro e,la promulgazione di una legislazione sul processo in parlamento e l’accordo Dolmabahce. Tuttavia, gli studi comparativi che abbiamo condotto relativi ad altri processi di pace in tutto il mondo,ci hanno dimostrato che questi passaggi non sono stati sufficienti per costruire la pace, e che il processo avrebbe dovuto essere sostenuta da diverse delegazioni per un processo di lunga durata e che l’isolamento di Abdullah Ocalan, che ha giocato un ruolo fondamentale ,avrebbe dovuto essere interrotto ,come è stato assicurato per Mandela.

Abbiamo anche espresso numerosi avvertimenti che il processo non dovrebbe essere sacrificata alle politiche interne ed estere del governo. Abbiamo anche osservato che l’ostilità contro i curdi ,che ha radici storiche in Turchia, potrebbe posto a termine solo attraverso la costituzione delle commissioni sulla verità e portando alla luce i disastri del passato e i responsabili dei disastri.

Gli accademici hanno proseguito esprimendo preoccupazioni per il riemergere oggi di un contesto di conflitto, a causa de fallimento del governo nell’emanare normative al fine di mantenere il processo nel quadro di garanzia legale, per consentire la formazione di istituzioni e delegazioni per mettere in guardia le parti, valutare il processo, contribuire ad aiutare la coscienza pubblica e garantire la trasparenza del processo. Gli accademici hanno affermato anche che il governo ha ridotto il processo ad una rivalità tra i partiti politici e ad una pietra domino nelle sue politiche in materia di Siria, Iraq e Iran.

“Purtroppo, nonostante tutti gli avvertimenti degli accademici,delle ONG,dei politici e dei giornalisti,nessun provvedimento conto la diffusione della guerra in Medio Oriente in Turchia, che oggi sta per essere trascinata in una guerra simile.

Noi non sacrificheremo i nostri studenti per la guerra

Citando esempi da tutto il mondo gli accademici hanno sottolineato che le perdite aumentano ulteriormente quando le armi vengono utilizzate a seguito di un processo di pace, e che la risoluzione può essere ottenuta solo attraverso l’allargamento del campo democratico.

“Abbiamo perso i nostri studenti a Kobanê e a Suruç. Abbiamo anche perso decine di giovani soltanto in una settimana. Si deve sapere bene che non ci sarà più alcun sacrificio dei nostri studenti e di giovani per la guerra. A nostro avviso, nessun conflitto può avere maggiore importanza rispetto alle loro vite e al futuro che costruiranno”,ha sottolineato la dichiarazione.

Appello per un cessate il fuoco consolidato

Invitando entrambe le parti ad una tregua immediata e consolidata, gli accademici hanno dichiarato: “Chiediamo al governo di abbandonare il suo discorso discriminante che innesca inimicizie e conflitti; chiediamo ai giornalisti di assumersi responsabilità nel decifrare i loro colleghi che stanno prendendo parte alle politiche di guerra e chiediamo al Parlamento di adottare immediatamente una legislazione adottare il processo in garanzia legale “.

Gli accademici hanno sottolineato ancora una volta, alla fine della loro dichiarazione, che nulla può essere reso come più importante la vita dei giovani e che il paese non sopravviverà se questi giovani non lo faranno.Gli accademici hanno dichiarato che l’unica lezione che dovrebbe derivare dai giovani e dai loro scritti è che il budget di guerra è preso dalla tasca del popolo e che solo i poveri muoiono con la guerra.

Le dichiarazioni ha sottolineato che i giovani stessi dovrebbero liberarsi dai sentimenti di vendetta,condurre una lotta per rivendicare i propri diritti, difendere la verità contro la menzogna e non astenersi da azioni democratiche e dal dibattito.

La dichiarazione, infine, ha invitato tutti i docenti universitari,gli insegnanti,i produttori e consumatori di informazioni, tutte le donne e gli uomini a non “tacere” quando gli viene chiesto di farlo, e di schierarsi con la pace, la democrazia e la verità.

ANF


Inserisci un commento