Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Interviste

Sceicco del clan al- Fadan: Noi siamo con il pensiero di Öcalan, respingiamo l’intervento turco in Siria

Lo sceicco del clan al- Fadan clan, considerato uno dei clan arabi più grandi a GIRÊ SPî/ Tel-Abyed che fa parte del clan Anza, il clan più grande dell’Arabia Saudita, lo sceicco Fawaz Obaid Saleh al-Qabyan ha ribadito che sono con il pensiero di Abdullah Öcalan e che respingono l’intervento turco in terra siriana. Hawar news agency (ANHA) ha intervistato lo sceicco del clan al- Fadan nella città di al-Zayadi che fa parte del distretto di Suluk nel cantone di GIRÊ SPî/ Tel-Abyed, che ha detto “Noi siamo con il leader dei popoli, Abdullah Öcalan, che cerca di raggiungere la pace e ottenere giustizia.

Il leader Abdullah Öcalan dice la verità

Saeih ha lodato il pensiero di Öcalan dicendo “il leader Abdullah Öcalan è un leader giusto che chiede la libertà per tutti i popoli oppressi. Non discrimina tra curdi e arabi, ma ci sono coloro che odiano il suo pensiero e rifiutano giustizia e libertà, così lo hanno arrestato e lo hanno gettato in carcere e gli hanno imposto l’isolamento.

In un messaggio inviato tramite i suoi avvocati il 7 agosto, il leader curdo Abdullah Öcalan ha sottolineato di essere pronto a risolvere la crisi in Medio Oriente. A questo proposito Saleh ha detto: “Noi sosteniamo il leader Öcalan con il nostro cuore e la nostra anima e tutti coloro che amano questo Paese dovrebbero aderire al pensiero di Abdullah Öcalan.”

Non ci sono distinzioni tra noi e il popolo curdo

Sulla profonda relazione tra i popoli curdo e arabo, lo sceicco ha detto, “Se apriamo le pagine della storia, vedremo che tra il popolo curdo e noi non ci sono distinzioni. Le nostre pene e le nostre gioie sono state le loro pene e le loro gioie.

Lo Stato turco è terrorista lui stesso

“Lo Stato turco è lui stesso terrorista e così chi lo sostiene,” ha detto. I popoli di questa regione, che siano armeni, arabi, turkmeni, curdi o beduini, sono un popolo, non c’è distinzione tra noi. Coloro che seminano discordia, sono coloro che hanno interesse nel complicare la crisi siriana, che sia la Turchia e i suoi mercenari o il regime e le forze dominanti nela regione.”

Noi affronteremo chiunque profani la nostra terra

Lo sceicco della tribù al-Fadan ha sottolineato che la popolazione della regione è pronta a affrontare le minacce della Turchia di occupare il nordest della Siria. Questo terra è per tutti coloro che ci vivono e le componenti che abitano questa terra e la difendono ne sono proprietarie, la Turchia non ha diritto di entrare e occupare territori e noi affronteremo chiunque profani la nostra terra.

La nostra regione dove prevale amore, pace e coesistenza

Saleh ha lodato il sistema dell’Amministrazione Autonoma Democratica: “La nostra regione è piena di amore, pace, coesistenza e fratellanza tra i popoli, tra ogni componente religiosa, di nazionalità e di fede e il leader Abdullah Öcalan è giusto e sincero.”

Noi sosteniamo il pensiero di Abdullah Öcalan

Lo sceicco del clan al-Fadan ha affermato che loro, come la gente della regione e i notabili dei clan della regione sostengono il pensiero del Abdullah Öcalan anche se si trova in carcere.

DIJLA AHMED- MOAHMMED AKNAJE

(T/S)

Fonte: ANHA 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I corpi dei membri di YJA-Star Leyla Gülcü, Şekirnaz Kaplan ed Emine Kaplan, che hanno perso la vita nel bombardamento nella zona rurale del...

Donne

La politica arrestata Ayla Akat Ata, nel suo messaggio del 25 novembre, ha dichiarato: “Abbiamo qualcosa da dire, sappiamo che possiamo cambiare, ci riusciremo...

Turchia

La polizia ha attaccato la manifestazione del 25 novembre a Şirnex e ha arrestato i giornalisti Zeynep Durgut, Ömer Akın e Rozerin Gültekin e...

Interviste

L’esercito israeliano ha dichiarato ufficialmente guerra per la prima volta dopo 50 anni. Gaza, una città di due milioni di abitanti, viene bombardata pesantemente...