Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

L’Associazione per i Diritti Umani pubblica il report sulle prigioni della Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani pubblica il report sulle prigioni della Turchia

11 febbraio 2019


L’Associazione per i Diritti Umani avverte che il Membro del Parlamento dell’HDP di Hakkari Leyla Güven è ad un punto critico e la sua vita è seriamente in pericolo. La Commissione sulle Prigioni Centrali dell’Associazione per i Diritti Umani (IHD) ha pubblicato un report intitolato “Lo sciopero della fame dei detenuti e il report di valutazione sulle prigioni turche”.

Il report è stato presentato dai membri della Commissione ad una conferenza stampa tenutasi nel quartier generale dell’Associazione, insieme al co-presidente dell’IHD Öztürk Türkdoğan. Il membro della Commissione Ilhan Öngör ha detto che hanno visitato le prigioni regolarmente per monitorare gli scioperanti, assicurandosi che le cure mediche base fossero garantite. Öngör ha avvertito che il Membro del Parlamento dell’HDP di Hakkari ha raggiunto un punto critico e che la sua vita è seriamente in pericolo. Il report sulle prigioni in cui continuano gli scioperi della fame contiene i seguenti dettagli.

REGIONE DI MARMARA 

Prigione femminile di Bakırköy
Le guardie insultano le prigioniere in sciopero della fame dicendo che in realtà non stiano digiunando né perdendo peso. Alle prigioniere in sciopero è stata data solo vitamina B ma non B1. Stanno affrontando perdita di peso veloce e hanno difficoltà a comunicare con il personale medico.

Prigione T1 di Bandırma
I prigionieri in sciopero della fame da gennaio 2019 ricevono sale, zucchero e vitamina B, ma non vitamina B1 e carbonati. I dottori non hanno potuto esaminarli perché si sono rifiutati di recarsi in infermeria.

Prigione T2 di Bandırma
I prigionieri in sciopero della fame da gennaio 2019 ricevono sale e zucchero giornalmente, insieme a una tavoletta di B12. Non vengono somministrati carbonati. La pressione sanguigna è misurata occasionalmente e i prigionieri lamentano debolezza, alta temperatura corporea, problemi intestinali, di stomaco, mal di testa e fastidio agli occhi,

Prigione T di Düzce
Infermieri misurano il peso e la pressione dei prigionieri in sciopero della fame ma non ci sono stati esami dei dottori. Nell prime due settimane non sono state somministrate le vitamine B12. Un prigioniero è stato traferito in cella d’isolamento.

Prigione F di Edirne
La vitamina B è stata somministrata con difficoltà, non ci sono stati esami medici, ci sono state misurazioni della pressione sanguigna. L’accordo fatto con gli avvocati riguardo al monitoraggio dello sciopero della fame non è stato restituito.

Prigione 1F di Tekirdağ
I prigionieri in sciopero della fame non hanno voluto andare in infermeria e quindi non c’è stato esame medico. È stata somministrata la vitamina B12 ed è stata aperta un’investigazione disciplinare contro gli scioperanti.

Prigione 2F di Tekirdağ
I prigionieri in sciopero della fame vengono pesati ogni giorno. Viene somministrata la vitamina B, le richieste di andare dal barbiere vengono respinte. Sono state aperte investigazioni disciplinari a causa dello sciopero della fame, le lettere mandate alle istituzioni nazionali e internazionali sono state confiscate.

Prigioni 1 e 2T di Tekirdağ
I prigionieri in sciopero della fame non hanno voluto andare in infermeria e quindi non c’è stato esame medico. È stata somministrata la vitamina B12 ed è stata aperta un’investigazione disciplinare contro gli scioperanti.

Prigione femminile di Gebze
Hacer Halil Yusuf e Rusen Bozan hanno riportato ferite e secchezza nella bocca, sono state trattate dal dottore, ci sono stati controlli medici giornalieri ma senza esami del sangue e degli zuccheri. È stato detto alle prigioniere che se lo sciopero continuerà le guardie dovranno intervenire.

Prigione F di Bolu
Non vengono effettuati controlli sul peso ed esami del sangue, e non vengono somministrate le vitamine B1 e B.

Prigioni 1 e 2 di Maltepe
Ai prigionieri in sciopero vengono somministrati carbonati e vitamina B regolarmente, ogni giorno vengono effettuati controlli di peso, pressione e zuccheri. Sono in corso procedimenti disciplinari contro gli scioperanti.

Prigione 1 di Kandır
le vitamine B sono state somministrate 10 giorni dopo l’inizio dello sciopero della fame. I carbonati non sono stati dati. Ibrahim Kaya, in sciopero della fame da molto tempo, ha perso cinque kili e affronta seri problemi di salute.

REGIONE DI ҪUKUROVA
Prigioni T1 e T2 di Osmaniye
I prigionieri in sciopero si sono rifiutati di recarsi all’infermeria ed è stata aperta un’investigazione contro di loro.

Prigione F di Kürkҫüler
n prigioniero, Inan Akin, è in sciopero della fame indefinito. Non accetta di andare in infermeria quindi non sono stati fatti esami, ma gli vengono somministrati regolarmente acqua, sale, zucchero, carbonati e vitamine B. I controlli medici vengono effettuati ogni due o tre giorni.

Prigione M di Ceyhan
Due prigionieri in sciopero hanno ricevuto vitamine B, fanno controllo medici, ma non in modo regolare.

Prigione T1 di Tarsus
10 prigionieri in sciopero sono nella stessa ala. I controlli medici non sono regolari. Vengono somministrate le vitamine B ma vengono riportati sintomi come bassa pressione e insonnia. I prigionieri sono stati puniti.

Prigione T2 di Tarsus
I prigionieri vengono esaminati nei corridoi e in piedi. Non sono stati somministrate le quantità necessarie di sale, zuccheri e vitamine.

Prigione femminile di Tarsus
Quattro prigioniere in sciopero della fame dal 5 gennaio 2019 hanno detto che l’amministrazione della prigione ha tentato di persuaderle a interrompere lo sciopero. Hanno problemi di salute come fatica, dita ferite, ingiallimento della pelle e perdita di peso.

Prigione L di Alanya
I prigionieri in sciopero della fame dal 5 gennaio 2019 hanno subito una punizione disciplinare di un mese. Non vengono effettuati controlli medici regolari.

REGIONE DELL’ANATOLIA CENTRALE
Prigione femminile di Sincan
Tre prigioniere in sciopero dal 26 dicembre 2018 hanno ricevuto le vitamine B nel quarto giorno di digiuno. Prendono due tavolette al giorno, hanno problemi di salute come perdita di peso, brividi, mal di testa, debolezza e bassa pressione sanguigna. Vengono effettuate misurazioni giornaliere.

Prigione T di Karabük
Tre prigionieri in sciopero dal 5 gennaio 2019 vengono monitorati giornalmente, vengono somministrate le vitamine B ed è stata aperta un’investigazione disciplinare.

Prigione F di Kirikkale
Sei prigionieri sono in sciopero della fame dal 26 dicembre. Ismet Akin, a causa della presenza di ferite aperte, ha una situazione difficile.

Prigione T di Tokat
Quattro prigionieri in sciopero dal 5 gennaio hanno preso le vitamine B due volte al giorno dal 12esimo giorno di digiuno. Hanno perso peso e hanno richiesto controlli di salute nella cella perché sono molto affaticati, ma questo è stato negato.

Prigione T di Kayseri
Cinque prigionieri digiunano dal 5 gennaio. Lamentano la perdita dell’udito, di peso, debolezza in gambe e braccia.

REGIONE EGEA
Prigione T di Ödemis
I prigionieri in sciopero della fame hanno ricevuto la vitamina B1, sono seguiti regolarmente dall’amministrazione della prigione. Lamentano problemi del sonno, gravi mal di testa, nausea.

Prigione T di Akhisar
I prigionieri in sciopero hanno ricevuto limone, acqua zuccherata, sale e vitamina B12, ma non carbonati. Sono stati puniti. Non vengono effettuati controlli medici.

Prigione T di Manisa
I prigionieri in sciopero della fame non hanno ricevuto carbonati e vitamine B, mentre sale, acqua e acqua zuccherata sono stati preparati e somministrati dall’amministrazione carceraria. Sono stati portati in infermeria una volta a settimana, senza controllare le ali regolarmente.

Prigione di Aliağa Şakran
Tre prigionieri in sciopero dal 29 gennaio sono stati portati in infermeria giornalmente e hanno ricevuto le vitamine B. Lamentano perdita di peso, mal di testa, nausea.

Prigioni 1 e 2 di Buca
I prigionieri non hanno preso i carbonati ed è stato impedito loro di comunicare per 3 mesi.

Prigione L di Balikesir Kepsut
I prigionieri in sciopero dal 18 gennaio hanno ricevuto acqua, zucchero, vitamina B12, ma non carbonati con la scusa di non averne in cucina. Vengono fatte misurazioni regolari della pressione sanguigna, zuccheri, battito cardiaco.

Prigione T di Burhaniye
Due prigionieri in sciopero della fame ricevono controlli medici giornalmente, e vitamine, acqua e zucchero vengono somministrati regolarmente.

Prigioni 1 e 2 di Bandirma
I prigionieri si sono rifiutati di andare in infermeria per misurare la pressione.

Prigioni T1 e T2 di Urfa
Undici prigionieri hanno iniziato lo sciopero della fame indefinito tra il 5 e il 6 gennaio. Non viene somministrata la vitamina B1.

Prigioni D e E di Diyarbakir
Gli scioperi della fame indefiniti cominciati il 16 dicembre continuano. I prigionieri non accettano interventi medici. Assumono sale e acqua zuccherata, vitamina B12, ma non viene fornita acqua potabile.

Prigione di Alta Sicurezza di Van
I controlli medici sono stati effettuati il giorno del controllo, ma in assenza di personale medico nel weekend. Sale, zucchero e vitamina B12 vengono somministrati giornalmente, insieme ad insulti dall’amministrazione della prigione. I prigionieri lamentano perdita di peso, perdita della vista, febbre, problemi di stomaco e mal di testa.

Prigione T di Şirnak
I prigionieri in sciopero della fame dal 16 gennaio lamentano problemi di tensione e debolezza. Hanno potuto assumere vitamine dall’undicesimo giorno di digiuno, e dal decimo vengono effettuati controlli medici. Altri tre prigionieri hanno iniziato a scioperare il 31 gennaio e ricevono vitamine.

Prigione E di Mardin
Otto prigionieri hanno iniziato la sciopero il 5 gennaio. Sono stati tenuti nella stessa ala, hanno controlli medici ogni giorno, ricevono vitamine B1 ma non possono partecipare alle attività sociali. Alcuni prigionieri soffrono di estrema perdita di peso.

Prigione E di Malatya
Quattro prigionieri sono in sciopero della fame. Ricevono sale e zucchero ma non vitamine.

Richieste e ritrovamenti
1.In molte prigioni, chi è in sciopero non è ancora stato visitato dai dottori dell’infermeria.
2.Vengono fatti esami relativi solamente alla pressione sanguigna e al peso, non esami del sangue e controlli della temperatura corporea.
3.Lo stato di salute degli scioperanti dovrebbe essere controllato ogni giorno, ma in molte prigioni questo avviene ogni due o tre giorni, e nel fine settimana non avvengono quasi mai.
4.I prigionieri in sciopero della fame ricevono sale, limone e zucchero come sostituti del cibo. Gli scioperanti sono stati costretti a comprare succhi e altre bevande.
5.In molte prigioni viene data abbastanza vitamina B1, ma non vitamina B.
6.La maggior parte dei prigionieri non viene informata dai dottori su cosa sia necessario fare durante lo sciopero della fame.
7.Sono state aperte investigazioni disciplinari e molti prigionieri in sciopero della fame sono stati puniti.
8.Le lettere e i fax mandati dagli scioperanti per informare delle proprie condizioni di salute e richieste sono stati confiscati.
9.Molti scioperanti lamentano debolezza, mal di testa e di stomaco, insonnia, secchezza della pelle, sanguinamento delle gengive, sensibilità acuita ai suoni e alla luce, problemi di olfatto, vista e udito.
10.In alcune prigioni i poliziotti insultano e minacciano i detenuti.

Seguono le richieste del report:
Chi è in sciopero della fame dovrebbe ricevere almeno cinque bicchieri di acqua, due cucchiaini di sale, cinque cucchiai di zucchero, un cucchiaino di carbonati e 500mg di vitamina B1. Durante gli scioperi della fame, i rischi di salute che questi scioperi comportano dovrebbero essere eliminati. Deve essere assicurata l’igiene e la pulizia. Gli scioperanti devono essere tenuti in ambienti tiepidi e umidi senza essere soggetti a eccessiva attività fisica.

Bisognerebbe informare gli scioperanti riguardo alla continuazione dell’utilizzo di medicinali per malattie precedenti. Bisognerebbe fornire tutte le informazioni necessarie a chi vuole aiutare gli scioperanti. Per questo motivo è stata preparata una nota istruttiva intitolata “Problematiche da considerare durante gli scioperi della fame”dall’Associazione Medica Turca e dovrebbe essere divulgata presso chi si occupa degli scioperanti e gli scioperanti stessi, che dovrebbero essere mantenuti sotto il controllo dei dottori che possano informarli sulle loro condizioni di salute costantemente.

Chiamata
Nella parte conclusiva del report l’IHD sottolinea che l’isolamento è un’aperta violazione del diritto di vita. Non viene richiesto l’emendamento di una legislazione antidemocratica, ma l’applicazione dei diritti legali garantiti ai detenuti. Il primo requisito di uno stato di legge è che l’amministrazione, l’esecutivo e il potere obbediscano a queste leggi.

Il report dice che la questione curda può essere risolta con “Metodi democratici e pacifici, per cui è importante creare uno spazio politico democratico, rimuovendo Abdullah Öcalan dall’isolamento in accordo con la corrente legislazione, e promuovere l’esistenza di un sistema legale basato su diritti umani liberi e giusti”.

Il report termina con la seguente chiamata: “Tutte le istituzioni nazionali e internazionali, specialmente il Ministero della Giustizia, dovrebbero far cessare le violazioni dei diritti nelle prigioni adottando regolamenti ragionevoli e legali per la protezione del diritto di vita di chi è in sciopero della fame. Chiediamo a tutti di agire immediatamente e di essere sensibili”.ù

 

 


Inserisci un commento