Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 16 luglio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Turchia

La Turchia schiera truppe al confine con la Siria

L’esercito turco rafforza le sue truppe lungo il confine siriano. A Kaniya Xezalan di fronte a Girê Spî sono già stata scavate trincee e schierati veicoli corazzati. Leggi tutto

La porta di Imrali resta chiusa

Da un mese la porta dell’isola carcere di Imrali è di nuovo serrata, all’esterno non arrivano segnali di vita. Leggi tutto

Gli avvocati di Abdullah Öcalan hanno chiesto di poter vedere il loro cliente

Una nuova domanda è stata presentata all’ufficio del procuratore capo di Bursa dagli avvocati di Abdullah Öcalan, dopo che 7 domande sono rimaste senza risposta. Leggi tutto

UE decide sanzioni contro la Turchia

Come reazione alle esplorazioni turche dei giacimenti di gas davanti a Cipro considerate illegali, i Ministri degli Esteri degli Stati UE hanno deciso misure punitive nei confronti della Turchia. Leggi tutto

Güven: Le cure di chi ha partecipato allo sciopero della fame sono esposte all‘arbitrio

Leyla Güven ha presentato al Parlamento turco un’interrogazione al governo in cui ha criticato che le cure mediche di attivist* che hanno partecipato allo sciopero della fame sono subordinate all’arbitrio delle direzioni delle carceri. Leggi tutto

Incontri tra Iran e Turchia

Rappresentanti iraniani e turchi si sono incontrati due volte in una settimana per coordinare la chiusura dei confini. Leggi tutto

Giornalisti e scrittori reagiscono all’arresto di Huseyin Aykol

Il giornalista Huseyin Aykol è stato arrestato giovedì nella sua abitazione ad Ankara. Leggi tutto

Venite a Hasankeyf per il “Grande Salto” nel fiume Tigri!

Invito a venire a Hasankeyf per protestare contro la diga di Ilisu il 14 luglio 2019! Leggi tutto

Rifiutata la visita dei famigliari a Imrali

La richiesta di visita dei famigliari di Abdullah Öcalan e degli altri prigionieri detenuti a Imrali è stata rifiutata. Leggi tutto

Licê: Cadaveri dei caduti nell’area da un mese

I cadaveri di quattro combattenti della guerriglia uccisi il 2 giugno durante un’operazione militare nella zona di Licê presso Amed in Kurdistan del nord, non vengono consegnati ai famigliari e si trovano ancora nel territorio delle operazioni. Leggi tutto