Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 15 novembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Chiesta commissione di inchiesta per l’uso di armi chimiche

Chiesta commissione di inchiesta per l’uso di armi chimiche

6 novembre 2019


L’Amministrazione Autonoma chiede una commissione d’inchiesta per l’uso di armi chimiche durante l’invasione turca in nel nordest della Siria. Trenta civili sono rimasti feriti da fosforo bianco.Il Dipartimento per le Questioni Estere dell’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est ha tenuto una conferenza stampa sull’uso di armi vietate da parte della Turchia nell’invasione avviata il 9 ottobre scorso. Sul tema si è pronunciato il co-Presidente del Dipartimento, Abdulkarim Omar, e il Presidente del Comitato per la Salute dell’Amministrazione Autonoma, Ciwan Mustafa. I due co-Presidenti hanno chiesto un’indagine in base alle normative giuridiche internazionali sulle violazioni dei diritti commesse da parte de gruppi jihadisti impiegati dallo Stato turco come truppe di terra.

Trenta civili feriti da armi vietate

Nella dichiarazione letta durante la conferenza è stato fatto notare che durante l’invasione sono state violate convenzioni internazionali e il diritto internazionale: „Per indagare su questi crimini, che anche a Efrîn continuano, e punirli, deve essere costituita una commissione. Lo Stato turco e le sue milizie dal 9 ottobre a oggi a Serêkaniyê (Ras al-Ain) e Girê Spî (Tall Abyad) violano il diritto internazionale. Lo Stato turco ha usato armi vietate contro civili, trenta civili, tra cui anche bambini, sono rimati feriti. L’organizzazione per il divieto delle armi chimiche (OPCW) e tutte le altre strutture di esperti devono documentare e rendere pubblico l’uso di armi vietate da parte della Turchia.“

L’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est, secondo quanto affermato da Abdulkarim Omar non ritiene casuale che l’OPCW in contemporanea con l’uso di fosforo bianco abbia ricevuto dalla Turchia una donazione di 30.000 Euro. Sull’uso di armi vietate nell’invasione turca ci sono prove che possono essere presentate in caso di necessità. Anche un’indagine nelle zone colpite è possibile.

„Chiediamo di prendere immediatamente posizione sui crimini di guerra commessi dallo Stato turco. È palese che sono state usate armi chimiche vietate“, così Abdulkarim Omar.

Nella conferenza stampa sono state mostrate foto delle vittime delle armi chimiche. Ciwan Mustafa ha fatto notare che vanno fatte adeguate indagini finché è ancora documentabile l’uso di fosforo bianco.

Fonte: ANF


Inserisci un commento