Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Essere testimone del pogrom del 6-7 settembre 1955

Essere testimone del pogrom del 6-7 settembre 1955

7 settembre 2019


Il pogrom di Istanbul ebbe inizio la sera del 6 settembre 1955 quando una folla scese nelle strade di Istanbul e razziò zone greche, armene e ebraichedistruggendo e saccheggiando luoghi di culto non-musulmani, case, aziende, cimiteri e scuole. Gli eventi furono fomentati da falso rapporti sul fatto che il luogo di nascita di Mustafa Kemal Atatürk, il fondatore della Repubblica di Turchia, nella città greca di Salonicco era stato bombardato. Circa 4,200 case, 1,000 aziende, 73 chiese, una sinagoga, un monastero, 26 scuole e altri 5,300 luoghi come hotel e bar furono attaccati durante la sera del 6 settembre fino alle prime ore del mattino del 7 settembre.

Sono passati 64 anni, mi ricordo di quella notte perché avevo 15 anni. Quelli che ne avevano sei o sette erano troppo piccoli, probabilmente non ricordano molto. E quanti di coloro che erano lì quella notte sono ancora vivi? Se sono ancora vivi, ora dovrebbero avere 85, 90 anni. Tra 20 anni su questa terra non sarà rimasto nessuno che ha assistito a quella notte.

Oggi per molti quella notte è solo storia. Quando dico storia, intendo un evento di cui hanno letto o sentito parlare, ma che non hanno vissuto. La storia è fatta di cose cui assistiamo durante la vita, queste sono chiamate memorie, è una ricostruzione del passato. È uno strumento nelle mani di alcune persone. È uno strumento per l’istruzione: sistemi di istruzione centralizzati, meccanismi di creazione di sapere che sono regolati da leggi e decreti usati nella ricostruzione del passato. Anche i media hanno un ruolo in questo sforzo. Quando qualcosa diventa storia, diventa ufficiale. E qualche volta dimenticare la storia è l’altra faccia della ricostruzione del passato.

Ciò che scrivo ora si basa sui miei ricordi. Gli venti in larga misura non hanno colpito la nostra strada. Fu come una breve ventata che spazza via tutto dal tavolo del giardino in pochi minuti e fu seguito dal silenzio. Nel nostro caso, un gruppo di 20 – 30 persone assaltò il piccolo negozio di alimentari di un uomo greco di fronte a casa nostra.

La mia famiglia viveva al primo piano. Per paura che potesse succedere qualcosa, andammo al quarto piano per trovare rifugio nella casa dei nostri vicini. Ma non entrarono nel nostro appartamento perché la nostra portiera Münire si mise davanti alla porta e disse loro: “Qui non ci sono gavur (un insulto che significa infedele in uso fin dai tempi dell’Impero Ottomano per definire i non-musulmani) in questa casa.”

Come testimone, questo è tutto ciò che ho vissuto. Ma l’indomani di quella notte fu una tragedia per la mia famiglia. Il negozio di mio padre a Beyoğlu fu totalmente distrutto quella notte. Furono necessari diversi anni per la mia famiglia per far quadrare di nuovo i conti. Abbiamo attraversato giorni difficili. Dopo essere diventato un po’ più grande, ho ricordato gli eventi successi quella notte. E ho visto certi buchi nella narrazione ufficiale degli eventi.

I pogrom contro non-musulmani scoppiarono quella dopo che il quotidiano Istanbul Express fu pubblicato con il titolo: “La casa di nostro padre Atatürk è stata bombardata.” Di fatto i media turchi avevano impregnato di odio contro i greci per giorni. Ma chi erano quei greci? Per alcuni erano quelli di Cipro, per altri erano i greci a Istanbul che sostenevano il terrorismo a Cipro. Noi, tutti i greci di Istanbul, erano accusati di questo crimine.

Molti dicono che i reati sono individuali, a volte non lo sono. In pratica, in Turchia gruppi possono essere accusati di reati di singoli. Questi possono essere a volte armeni, a volte fondamentalisti, o gente di sinistra, o aleviti o curdi, o minoranze non-musulmane, o gülenisti, o liberali.

Quei crimini sono percepiti come animosità, come tradimento. Cosa fa la gente ai suoi nemici? Probabilmente non mostrano tolleranza nei confronti dei loro nemici o non provano empatia quando soffrono. Atti del genere a volte sono etichettati come razzismo, a volte vengono chiamati othering [NdT: il processo di percepire o rappresentare qualcuno o qualcosa come sostanzialmente alieno o diverso]. Ma non è importante quale termine si usa per descrivere atti del genere, ciò che è stato fatto rimane.

Ma perché armeni e ebrei a Istanbul condividono lo stesso destino dei greci, perché sono stati distrutti i loro luoghi di culto? Non hanno né sostenuto il terrorismo a Cipro né mancato nel rispetto della memoria di Kemal Atatürk. Questo significa che l’obiettivo non erano i greci, erano tutte le minoranze non-musulmane. Dato che venivano tutti considerati nemici, sono stati trattati di conseguenza.

Ho iniziato a pensare queste cose più tardi. Ho anche pensato alla rabbia della gente che ha partecipato agli eventi e ai riflessi di gioia sui loro volti mentre continuavano a razziare e saccheggiare. Una gioia del genere si vede facilmente quando si guardano le foto di quella notte. Significa che il seme dell’odio che era stato seminato, aveva dato frutti. La psicologia delle masse era terrificante. Volevano davvero così tanto che ce ne andassimo?

Anche più tardi sono stato curioso del ruolo del sistema formativo e dei libri di testo. Ho visto che l’animosità nella gente non era un risultato di qualche settimana di propaganda, è stato il risultato di un concetto di cittadinanza razzista, volgare e nazionalista che è stato pompato nella testa della gente per decenni attraverso l’istruzione.

Molto tempo è passato dagli eventi del 6 e 7 settembre. Ma quella concezione, vedere gruppi come nemici per associazione, ancora resta. Il fatto che la maggioranza della società guardi in silenzio le persecuzioni di oggi, lo prova in modo inequivocabile. Ogni gruppo nella società è occupato con i propri problemi, non c’è una comprensione comune che favorisce la solidarietà.

Questo ambiente mostra che la Turchia ancora non ha completato il processo di diventare una nazione. Tribalismo religioso o laico, regionalismo, sono ancora dominanti tra coloro che fanno soffrire gli altri. Nonostante tutto questo delirio nazionale e nazionalista, la società è ancora tradizionalista.

In breve, per molto tempo ho smesso di ricordare quell’evento. A volte ne scrivo quando qualcuno lo chiede. Ma mi ha lasciato un’importante lezione di vita. Non vogliono restare uno che sta nel pubblico quando succedono cose del genere. Non voglio agire solo come parte di un gruppo e ignorare il resto. Per quanto posso.

Di Herkül Millas

Fonte: AHVAL


Inserisci un commento