Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

L’accademica Özlem Şendeniz assolta dopo che la Corte Costituzionale ha decretato la violazione della libertà di espressione degli accademici.

L’accademica Özlem Şendeniz assolta dopo che la Corte Costituzionale ha decretato la violazione della libertà di espressione degli accademici.

6 settembre 2019


L’accademica Özlem Şendeniz assolta dopo che la corte costituzionale ha decretato a luglio che le sentenze violano la libertà di espressione degli accademici. Un tribunale si è pronunciato per la prima volta per un verdetto di assoluzione nel processo degli accademici per la pace che sono stati accusati di “propaganda per un’organizzazione terroristica” per aver firmato la petizione intitolata “Non saremo parte di questo crimine”.

La Corte penale di Istanbul si è pronunciata per l’assoluzione della ricercatrice associato Özlem Şendeniz dell’Università di Iğdır nell’udienza finale presso il tribunale di Istanbul a Çağlayan.

Dichiarando di aver cambiato opinione in merito alle accuse per le quali aveva richiesto una sentenza in base articolo 7/2 della legge antiterrorismo, il pubblico ministero ha spiegato la sua nuova opinione. Ha chiesto l’assoluzione della convenuta, citando la sentenza della Corte costituzionale secondo la quale la dichiarazione rientra nell’ambito della libertà di espressione.

L’Assemblea Generale della Corte costituzionale del 26 luglio ha valutato le singole richieste di dieci accademici, dichiarando che la libertà di espressione degli accademici era stata violata.

Il tribunale ha stabilito anche che ai richiedenti devono essere pagati 9 mila lire (~ 1575 dollari) di risarcimento, la violazione dei diritti deve essere rimossa e una copia della sentenza deve essere inviata ai tribunali locali per un nuovo processo.

Secondo la sentenza, i tribunali locali si pronunceranno per un nuovo processo nei casi continuativi e finalizzati. Le corti di appello annullano le sentenze.

 Anche la Commissione di Stato di emergenza, che non ha ancora chiuso le richieste degli accademici, dovrebbe prendere in considerazione la sentenza.

Gli accademici possono rivolgersi al Consiglio di Stato se vengono respinti dalla Commissione. La sentenza della Corte costituzionale è vincolante per il Consiglio di Stato. Nel caso in cui non rimuova le decisioni di licenziamento, la Corte costituzionale valuterà l’argomento.

 

MA


Inserisci un commento