Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 16 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Leyla Güven racconta del suo colloquio con il Governatore dopo l’incidente di Ceylanpinar

Leyla Güven racconta del suo colloquio con il Governatore dopo l’incidente di Ceylanpinar

1 settembre 2019


DİYARBAKIR – Il governatore di Ceylanpınar a Urfa, Izzettin Küçük, sull’omicidio di 2 agenti di polizia ha raccontato della conversazione telefonica con Leyla Güven. Secondo il governatore, “Quei poliziotti erano in realtà 3 amici. Uno di loro ebbe un’ostilità con gli altri due e uccise due poliziotti e se ne andò. Pertanto ha detto, questo evento non è un evento politico “, ha detto.

Dopo che i negoziati tra il leader del PKK Abdullah Öcalan e lo Stato iniziati nel 2013 sono stati unilateralmente chiusi [da Erdogan] il 5 aprile 2015, il processo di guerra avviato dal governo continua. A seguito della conclusione dei colloqui il 5 giugno 2015, un secondo attacco esplosivo si è verificato a Suruç il 20 luglio 2015 dopo l’attacco dinamitardo a Diyarbakır. In un periodo in cui il Paese fu gradualmente trascinato in guerra, l’uccisione degli agenti di polizia Feyyaz Soft e Okan Uçar a Ceylanpınar nel distretto di Ceylanpınar di Urfa, fu citata come la ragione della fine del processo di soluzione tra Öcalan e lo Stato. Ahmet Davutoğlu, Primo Ministro a quel tempo, ha dichiarato ufficialmente che la guerra è iniziata il 24 luglio 2015.

La Giornata mondiale della pace, il 1 ° settembre, si è nuovamente confrontata in un ambiente di guerra. La Co-presidente del Congresso della Società Democratica (DTK) deputata del Partito popolare democratico (HDP) Hakkari Leyla Güven hanno condiviso informazioni sull’omicidio di due poliziotti.

Leyla Güven, che all’epoca era deputata di HDP a Urfa, ha dichiarato che le persone arrestate a seguito del raid a Ceylanpinar dopo l’uccisione di 2 agenti di polizia, avevano chiamato il capo della polizia di Urfa e avevano discusso delle accuse di tortura. Il capo della polizia ha risposto alle accuse di tortura: “Cosa ti aspetti, dobbiamo dare fiori a quelli che hanno ucciso i nostri due poliziotti?” (…)

Le confessioni del governatore!

Leyla Güven ha poi raccontato della conversazione con il governatore di Urfa İzzettin Küçük: “In realtà volevo che il capo della polizia fosse contattato dal governatore Urfa, ma in realtà accettava la tortura (…). Il governatore disse: “Un deputato non serve. Se c’è qualche tortura, chiamerò quel capo della polizia e glielo farò sapere. Certo che non ci dovrebbero essere torture, me ne occuperò.” E a proposito dell’incidente di Ceylanpinar, “Voglio anche che tu sappia che quei poliziotti erano in realtà 3 amici. Uno di loro ebbe un’animosità con gli altri due e se ne andò. Ciascuno di loro aveva la chiave di quell’edificio. Quindi questo non è un evento politico. Questo è un caso penale. Quel poliziotto si arrabbiò e uccise i 2 poliziotti aprendo la porta una notte con la propria chiave. Abbiamo sentito che è successo. Quindi queste altre cose non sono vere. ‘

Caso nascosto nel gergo politico

Dichiarando che l’uccisione di due agenti di polizia, che è stata utilizzata per giustificare il processo di guerra fu mascherata in un gergo politico e l’incidente fu attribuito al PKK. Leyla Güven ha detto: “Il governo dell’AKP voleva avviare un processo di conflitto. Il 7 giugno hanno subito una grave sconfitta. Iniziando una guerra tra il 7 giugno e il 1 novembre, infatti, ogni giorno attraverso la propaganda i funerali hanno contribuito a consolidare nuovo il fronte nazionalista del voto,” Penso che sia stato fatto consapevolmente“, ha detto.

Azione provocatoria contro il processo di soluzione

Dichiarando che l’incidente di Ceylanpinar è stata un’azione provocatoria nei confronti del processo di soluzione, [ processo di pace ndr] Leyla Güven ha dichiarato:Ogni volta che si sviluppa una forte volontà di pace, le forze che vogliono che la guerra continui e si nutrono della guerra, provano a fermare questo processo con varie azioni provocatorie. In effetti, per l’incidente di Ceylanpinar è stato lo stesso. La gente era piena di speranza, Öcalan nel 2013 aveva proposto un forte progetto di pace con la dichiaraziobe del Newroz. (…)“,

La pace in Medioriente

Sottolineando il fatto che la verità sull’incidente di Ceylanpınar dovrebbe essere indagata,Leyla Güven in occasione della Giornata mondiale della pace il 1 ° settembre ha dichiarato: “Sebbene ci siano state guerre, alla fine la pace è arrivata. Il nostro Medio Oriente è una geografia che ha sete di pace. Desidero sinceramente che il 1 ° settembre sia un mezzo per una pace duratura in tutto il mondo. Perché ciò accada, continueremo a invocare la pace e lavoreremo per la pace il più possibile.”

L’esempioGhandidi Öcalan,

Ricordando l’esempio di “Gandhi” fatto da Öcalan, Leyla Güven ha affermato: Come ha sottolineato Öcalan, come Gandhi, ci impegneremo su questo tema attraverso il lavoro e la disobbedienza civile, e faremo del nostro meglio per creare un ambiente in cui tutti possano dire una parola sulla pace. La guerra è davvero distruzione, lacrime, povertà, miseria, disoccupazione e massacri. Ma la pace è bellezza, libertà è una vita pacifica. Quindi i popoli hanno già meritato la pace. Faremo del nostro meglio per rendere la pace duratura. Faremo sforzi più intensi per rendere tutti consapevoli di questo problema.”

MA / Özgur Paksöy

Fonte: MA

 


Inserisci un commento