Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Comandante YPJ: Svilupperemo una nuova organizzazione militare delle donne

Comandante YPJ: Svilupperemo una nuova organizzazione militare delle donne

25 agosto 2019


La componente del comando generale delle YPJ Axin Nucan ha detto che le donne guideranno la riorganizzazione delle FDS e ha aggiunto: “Non abbiamo ancora fatto la forma concreta, ma svilupperemo una nuova organizzazione militare delle donne.”

Le Unità di Difesa delle Donne (YPJ), una componente fondamentale delle Forze Democratiche Siriane, hanno preso parte all’incontro annuale delle FDS e partecipato alle decisioni generali, nonché preparato la ristrutturazione delle organizzazioni delle donne.

La componente del comando generale delle YPJ Axin Nucan ha parlato con ANF dell’agenda dell’incontro, delle discussioni e decisioni.

ABBIAMO DISCUSSO CON LA CONSAPEVOLEZZA DEL NOSTRO DOVERE STORICO

Axin Nucan ha detto che le questioni discusse nell’incontro annuale delle FDS erano sulla loro agenda da molto tempo e ha aggiunto come gestiscono la lotta contro ISIS:

“Siamo riusciti a combattere ISIS, ma eravamo consapevoli che la lotta non era finita. In questo incontro abbiamo avuto discussioni più intense e preso decisioni per poter avere maggiore successo nella lotta contro ISIS. Come diciamo sempre, questa è una lotta fondamentale per noi. Abbiamo attirato l’attenzione su questa questione ancora una volta durante l’incontro.

Noi come FDS e come YPJ al loro interno sappiamo che abbiamo di fronte un dovere storico e vogliamo assolvere meglio questo dovere. A questo scopo abbiamo analizzato le nostre debolezze visto le nostre forze. Abbiamo cercato modi per diventare più forti.”

ABBIAMO PARLATO DI PERICOLO E LEGITTIMA DIFESA

Nucan ha detto che l’incontro si è rivolto al processo corrente e ai pericoli: “Noi non pensiamo che l’unica minaccia sia ISIS. Anche lo Stato turco sta minacciando di invadere le nostre terre. Abbiamo discusso di cosa possiamo fare contro questo e di come ci possiamo preparare. Come comandanti e combattenti FDS, abbiamo discusso di come possiamo sviluppare la nostra autodifesa come forza militare. Abbiamo parlato dei pericoli che affrontiamo e di come possiamo rispondere se le minacce diventano più concrete.”

SIAMO PRONTI A UNA SOLUZIONE DEMOCRATICA CON IL REGIME

La comandante YPJ ha detto che preferiscono sempre essere in pace con gli interlocutori sul territorio siriano e le forze confinanti:

“Nel nostro incontro abbiamo anche dicusso su come pace, stabilità e una soluzione possano essere sviluppate nella regione. Abbiamo discusso quale sia il percorso per la pace e come possa essere ottenuta l’atmosfera.

Stiamo cercando moti per ottenere una pace duratura per la nostra popolazione. Noi crediamo in questo e siamo pronti per una soluzione con il regime siriano. Siamo pronti per una soluzione con il regime siriano sulla base del riconoscimento dei diritti dei curdi e di tutti i popoli della Siria e garanzie costituzionali. Lo abbiamo detto in passato e oggi dopo le nostre discussioni diciamo la stessa cosa.”

CI RIORGANIZZEREMO

Le forze YPG, YPJ e FDS hanno avuto l’opportunità di incontrarsi e discutere la riorganizzazione per la prima volta in otto anni di guerra, ha detto Nucan e ha proseguito:

“Oggi è stato un giorno storico e un’opportunità per noi e nel nostro incontro abbiamo discusso la riorganizzazione. Come FDS siamo concentrati su come ci possiamo riorganizzare meglio per periodo a venire. Come possiamo rendere più attiva la nostra assemblea, come possiamo combattere con maggiore consapevolezza e come possiamo preparare i compiti per il prossimo periodo e il nuovo stile di combattimento, questo è ciò che abbiamo discusso.

È stato un incontro di successo. Consigli militari sono stati costituiti in ogni città e le FDS in futuro si organizzeranno tramite assemblee.”

STIAMO RITIRANDO LE NOSTRE FORZE DA UN’AREA DI CINQUE CHILOMETRI

Nucan ha detto quando segue sulla discussione sulla sicurezza del confine e gli sviluppi:

“La zona sicura viene ancora discussa. I dettagli non sono ancora stati messi a punto. Ci sono alcuni punti sui quali non siamo d’accordo così come altri sui quali non è d’accordo la Turchia.

Ci sono dei passi pratici di buona volontà. Attualmente stiamo ritirando le forze YPG e YPJ da un’area di 5 km lungo il confine. Dove ci ritiriamo si dislocano combattenti dei consigli militari. Ma le discussioni sulla sicurezza del confine non sono ancora state finalizzate. Siamo aperte alla discussione su passi da prendere per la sicurezza, di fatto stiamo chiedendo questo da 7 anni.”

GUIDEREMO LA RIORGANIZZAZIONE”

La comandante YPJ ha detto che le forze delle donne verranno riorganizzate:

“Dopo lunghi combattimenti e battaglie con l’inizio della rivoluzione del Rojava, noi come YPJ abbiamo discusso di come prenderemo parte al nuovo processo e alla riorganizzazione. Nella nostra conferenza di tre mesi fa, avevamo discusso che avremmo partecipato alla riorganizzazione e che avremmo preso parte alle assemblee, ma non avevamo fatto niente di concreto.

Nella conferenza abbiamo discusso del nostri bisogno di un ruolo guida nel processo di riorganizzazione, come abbiamo fatto in tempo di guerra. Come abbiamo guidato la formulazione delle decisioni, il coordinamento della guerra e l’organizzazione in passato, guideremo la riorganizzazione. Su questa base stiamo discutendo come riorganizzare le organizzazioni militari delle donne, anche se se non state ancora finalizzate. Siamo consapevoli della responsabilità e del dovere sulle nostre spalle nel prossimo periodo.”

di BÊRÎTAN SARYA

Fonte: ANF


Inserisci un commento