Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Sceicco del clan al- Fadan: Noi siamo con il pensiero di Öcalan, respingiamo l’intervento turco in Siria

Sceicco del clan al- Fadan: Noi siamo con il pensiero di Öcalan, respingiamo l’intervento turco in Siria

17 agosto 2019


Lo sceicco del clan al- Fadan clan, considerato uno dei clan arabi più grandi a GIRÊ SPî/ Tel-Abyed che fa parte del clan Anza, il clan più grande dell’Arabia Saudita, lo sceicco Fawaz Obaid Saleh al-Qabyan ha ribadito che sono con il pensiero di Abdullah Öcalan e che respingono l’intervento turco in terra siriana. Hawar news agency (ANHA) ha intervistato lo sceicco del clan al- Fadan nella città di al-Zayadi che fa parte del distretto di Suluk nel cantone di GIRÊ SPî/ Tel-Abyed, che ha detto “Noi siamo con il leader dei popoli, Abdullah Öcalan, che cerca di raggiungere la pace e ottenere giustizia.

Il leader Abdullah Öcalan dice la verità

Saeih ha lodato il pensiero di Öcalan dicendo “il leader Abdullah Öcalan è un leader giusto che chiede la libertà per tutti i popoli oppressi. Non discrimina tra curdi e arabi, ma ci sono coloro che odiano il suo pensiero e rifiutano giustizia e libertà, così lo hanno arrestato e lo hanno gettato in carcere e gli hanno imposto l’isolamento.

In un messaggio inviato tramite i suoi avvocati il 7 agosto, il leader curdo Abdullah Öcalan ha sottolineato di essere pronto a risolvere la crisi in Medio Oriente. A questo proposito Saleh ha detto: “Noi sosteniamo il leader Öcalan con il nostro cuore e la nostra anima e tutti coloro che amano questo Paese dovrebbero aderire al pensiero di Abdullah Öcalan.”

Non ci sono distinzioni tra noi e il popolo curdo

Sulla profonda relazione tra i popoli curdo e arabo, lo sceicco ha detto, “Se apriamo le pagine della storia, vedremo che tra il popolo curdo e noi non ci sono distinzioni. Le nostre pene e le nostre gioie sono state le loro pene e le loro gioie.

Lo Stato turco è terrorista lui stesso

“Lo Stato turco è lui stesso terrorista e così chi lo sostiene,” ha detto. I popoli di questa regione, che siano armeni, arabi, turkmeni, curdi o beduini, sono un popolo, non c’è distinzione tra noi. Coloro che seminano discordia, sono coloro che hanno interesse nel complicare la crisi siriana, che sia la Turchia e i suoi mercenari o il regime e le forze dominanti nela regione.”

Noi affronteremo chiunque profani la nostra terra

Lo sceicco della tribù al-Fadan ha sottolineato che la popolazione della regione è pronta a affrontare le minacce della Turchia di occupare il nordest della Siria. Questo terra è per tutti coloro che ci vivono e le componenti che abitano questa terra e la difendono ne sono proprietarie, la Turchia non ha diritto di entrare e occupare territori e noi affronteremo chiunque profani la nostra terra.

La nostra regione dove prevale amore, pace e coesistenza

Saleh ha lodato il sistema dell’Amministrazione Autonoma Democratica: “La nostra regione è piena di amore, pace, coesistenza e fratellanza tra i popoli, tra ogni componente religiosa, di nazionalità e di fede e il leader Abdullah Öcalan è giusto e sincero.”

Noi sosteniamo il pensiero di Abdullah Öcalan

Lo sceicco del clan al-Fadan ha affermato che loro, come la gente della regione e i notabili dei clan della regione sostengono il pensiero del Abdullah Öcalan anche se si trova in carcere.

DIJLA AHMED- MOAHMMED AKNAJE

(T/S)

Fonte: ANHA 


Inserisci un commento