Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Donne ezide subentrano nel presidio per Öcalan

Donne ezide subentrano nel presidio per Öcalan

23 luglio 2019


Il movimento delle donne ezide subentra nella 370a settimana del presidio permanente per la libertà di Abdullah Öcalan Strasburgo.Dal 25 giugno 2012 davanti al Consiglio d’Europa a Strasburgo è in corso un presidio permanente per la libertà del rappresentante curdo Abdullah Öcalan. Domenica il movimento delle donne ezide è subentrata nel presidio, dando il cambio al comitato per i caduti. Come rappresentanti del movimento delle donne, Zerê Daval, Sosin Kartal e Zero Al parteciperanno al presidio per una settimana. Zerê Daval ha dichiarato che è molto preoccupante che di recente siano state impedite le visite a Öcalan. Ha fatto appello agli Stati perché smettano finalmente di sostenere lo Stato turco e ha dichiarato: „Le curde e i curdi sono molto preoccupati – prendeteli sul serio!“ Ha ricordato al Consiglio d’Europa e al Comitato contro la Tortura le loro responsabilità.

Da metà giugno non ci sono più state visite a Imralı. I legali di Abdullah Öcalans hanno potuto visitare il loro cliente l’ultima volta il 18 giugno. Il fondatore del PKK Abdullah Öcalan dal suo sequestro nel febbraio 1999 a Nairobi/Kenya si trova nel carcere di massima sicurezza a Imrali. Per undici anni, l’oggi 70enne è stato l’unico prigioniero – sorvegliato da oltre mille soldati. Per otto anni non ha potuto vedere la sua assistenza legale. Il precursore del movimento di liberazione curdo così detiene il „record europeo“ di carcerazione senza accesso a avvocati.

Fonte: ANF


Inserisci un commento