Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 luglio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Giornalisti e scrittori reagiscono all’arresto di Huseyin Aykol

Giornalisti e scrittori reagiscono all’arresto di Huseyin Aykol

13 luglio 2019


Il giornalista Huseyin Aykol è stato arrestato giovedì nella sua abitazione ad Ankara.Aykol è stato arrestato in esecuzione della sua condanna ed è stato portato al carcere n. 2 di tipo F a Sincan.

Aykol, già caporedattore del quotidiano Özgür Gündem chiuso, è stato condannato a tre anni e nove mesi di carcere per “propaganda per un’organizzazione illegale”.

Aykol lavora come giornalista dagli anni ‘70. Aykol è anche in attesa di ulteriori sentenze di tribunale.

Molti amici e giornalisti che hanno studiato con lui, hanno reagito alla notizia dell’arresto.

DEMIRER: UNA DELLE PERSONE ESEMPLARI CHE CONOSCO

Uno dei colleghi di Huseyin Aykol in Özgür Gündem, lo scrittore Temel Demirer ha detto: “Lui è una persona più onorevoli, decenti, grandi lavoratrici, esemplari che conosco.”

Demirer ha continuato: “Chiunque voglia capire cosa sia la stampa libera, cosa sono i media di opposizione, può guardare a Huseyin Aykol. Io l’ho preso come esempio per me stesso nella vita giornalistica. Lui è una delle poche persone che sono campioni della libertà di espressione in Turchia, e in effetti nel mondo. Quale che sia il suo ‘crimine’, io me ne faccio carico. Il crimine di Huseyin Aykol è il mio crimine. Lo assumo sentendomi onorato.”

ERYILMAZ: NON C’È LIBERTÀ DI ESPRESSIONE

Il giornalista Tugrul Eryilmaz ha detto che gli arresti in Turchia contro la libertà di espressione e di stampa sono inaccettabili: “Noi viviamo in un Paese senza libertà di stampa. Tutte le istituzioni in Turchia sono state devastate. Il Parlamento, la giustizia, le accademie … ovviamente non avrebbero lasciati tranquilli i media. Questo è quello che fanno sistemi autoritari.

L’ultima vittima è stato il nostro collega Aykol. Queste sono persone che conosciamo. Ci sono molti colleghi giovani di cui non abbiamo sentito parlare.”

KESKIN: NON SI ERA MAI ARRIVATI A TANTO IN PASSATO

La co-Presidente dell’Associazione per i Diritti Umani (IHD) Eren Keskin, che ha lavorato come co-editrice capo con Aykol a Özgür Gündem e sta lottando presso la Corte Suprema contro la sua condanna a 17 anni e 2 mesi di carcere, ha detto: “Abbiamo lavorato insieme come caporedattori a una pubblicazione oppressa in questo Paese. Non c’è mai stato un tempo in cui la libertà di espressione sia stata violata fino a questo punto.”

Keskin ha proseguito: “Huseyin Aykol è un uomo che ha dedicato la sua vita alla libertà di stampa e di espressione. È coimputato anche nel mio caso. Tutti possiamo andare a finire in carcere in qualsiasi momento. Questa è una situazione tragicomica. In un Paese dove Veli Kucuk viene assolto, giornalisti e scrittori vengono mandati in carcere. Huseyin Aykol è una di queste persone. È triste, ma non è sorprendente.”

Fonte: ANF


Inserisci un commento