Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 luglio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Venite a Hasankeyf per il “Grande Salto” nel fiume Tigri!

Venite a Hasankeyf per il “Grande Salto” nel fiume Tigri!

12 luglio 2019


Invito a venire a Hasankeyf per protestare contro la diga di Ilisu il 14 luglio 2019!Nella seconda domenica di luglio di ogni anno, le persone in Europa e oltre fanno un “grande salto” nei fiumi e nei laghi come parte di una campagna per la conservazione e la rinaturalizzazione di ecosistemi di acqua dolce.

Quest’anno chiediamo a tutt* gli/le attivist* e alter persone interessate da tutto il mondo di venire a Hasankeyf sul fiume Tigri per il 14 luglio 2019. La magnifica città di Hasankeyf antica di 12.000 anni e tutto il fiume Tigris sono minacciati dalla diga di Ilisu e dalla centrale idroelettrica nel sudest della Turchia. Ilisu è una delle dighe più controverse al mondo per molte ragioni, ciascuna delle quali da sola basterebbe per fermare questo progetto di distruzione, sfruttamento ed egemonia politica.

Il ‘museo a cielo aperto’ Hasankeyf, con le sue 5,500 grotte, 550 monumenti e trace di 24 culture ha un valore universale così alto che allagarlo sarebbe una sorta di ‘genocidio culturale’. Questa regione è l’Alta Mesopotamia, dove almeno altri 400 siti archeologici sono minacciati dalla diga, così come la sua cultura e il modo di vivere unici.

Se completato, il progetto Ilisu comporterebbe un significativo degrado della ricca biodiversità dell’ecosistema del fiume Tigri – ancora prevalentemente naturale. Il lago artificiale inasprirebbe la crisi climatica. Fino a 80,000 persone perderebbero la loro fonte di sostentamento vitale e finirebbero in povertà. Intensificherebbe conflitti politici interni ed esterni. Il progetto Ilisu Project più a valle colpirebbe in modo grave anche l’approvvigionamento idrico delle maggiori città irachene e dell’agricoltura irachena, in particolare il sito UNESCO delle Paludi della the Mesopotamia nell’Iraq del sud. Riassumendo, la diga non comporterebbe alcun vantaggio socio-economico o di altri tipo per la grande maggioranza della società nella regione interessata.

Il governo turco voleva iniziare a riempire la diga di Ilisu il 10 giugno 2019. Ma, prevalentemente a causa delle grandi proteste nell’ambito della Terza Giornata Globale di Azione per Hasankeyf il 7-8 giugno 2019, questo è stato posticipato per un breve periodo.

Per questo è cruciale incontrarsi a Hasankeyf il 14 luglio. Arrivate per le 13,00 sulle rive del Tigri a Hasankeyf, dove salteremo e/o entreremo lentamente in questo fiume sacro che ancora scorre in prevalenza liberamente. Esporremo in nostri striscioni e chiederemo, insieme a molte persone in tutta la Turchia che il progetto Ilisu sia fermato immediatamente. Siamo fermamente convinti che riusciremo se ci sarà una forte solidarietà!

L’elettricità ha sempre un’alternativa, ma non c’è un’altra Hasankeyf e un altro Tigri.

Hasankeyf è la nostra cultura e il Tigri la nostra natura!

Batman-Hasankeyf, 19.06.2019

Inziativa per tenere viva Hasankeyf e Movimento Ecologico della Mesopotamia

www.hasankeyfgirisimi.net

hasankeyfgirisimi@gmail.com

Twitter: @hasankeyfdicle

Facebook: www.facebook.com/hasankeyfyasatmagirisimi

hashtag: #HasankeyfİçinGeçDeğil and #SaveHasankeyf


Inserisci un commento