Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

La donna che non ha guardato Erdoğan

La donna che non ha guardato Erdoğan

26 giugno 2019


Durante il voto del Presidente turco Erdoğan a Istanbul domenica scorsa, una scrutatrice ha girato il volto dall’altra parte.
C’è stato un grande eco nei media. Poi l’attivista del movimento delle donne ha spiegato le sue ragini.

Quando domenica scorsa si sono ripetute le elezioni del sindaco di Istanbul, la ripresa di una donna durante il voto del capo di stato turco Erdoğan ha fatto il giro dei media. Mentre tutti gli scrutatori si sono messi in posa per i media sorridenti, lei ha girato il volto dall’altra parte. Il video è passato molte volte nei media, la donna è stata denunciata nei media filo-governativo, aree dell’opposizione le hanno espresso simpatia.

La donna è Rukiye Şimşek, componente della casa del popolo nel quartiere di Istanbul di Kadiköy che da molti anni è attiva nel movimento delle donne. Il giornalista Ali Ergin Demirhan della piattaforma Internet Sendika.org ha parlato con lei.

„Non volevo posare con una persona le cui idee si distinguono dalle mie di 180 gradi“, spiega Rukiye Şimşek. Lei stessa è rimasta sorpresa sull’eco che ha causato con questo. „Che Erdoğan avrebbe votato nell’urna per la quale ero responsabile io, l’ho saputo solo la mattina quando ho incontrato tutti gli altri scrutatori nel seggio. C’erano misure di sicurezza elevate. Oltre ai poliziotti normali c’erano incaricato per la sicurezza dell’ufficio presidenziale. Tutti sono stati perquisiti prima di poter entrar“, racconta.

Dovevo fare qualcosa

„Improvvisamente era lì. Tranne gli scrutatori, tutti hanno dovuto lasciare il locale. Erdoğan è entrato e ha stretto la mano al Presidente di seggio. Il suo documento era sul tavolo, io ero accanto al Presidente. Mio compito era consegnare la scheda, la busta e il timbro. Mentre volevo dare a Erdoğan l’occorrente per votare, il Presidente di seggio mi ha tolto gli oggetti dalle mani per darglieli lui stesso. Erdoğan ha votato e le telecamere giravano. In quel momento non volevo guardare nella telecamera. Prima ho abbassato la testa, poi ho girato il volto dall’altra parte. Volevo guardare in un’altra direzione. Per è stata una grande tensione essere in quella situazione. Tutti gli altri erano emozionati, ma mi sentivo molto a disagio. Sapevo di dover fare qualcosa. Non avevo grandi alternative, per questo ho reagito con il linguaggio del corpo.“

Rukiye Şimşek ha spiegato che le sue posizioni politiche sono chiare e ha ricordato le vittime che ha causato la politica di governo turca: i morti, i prigionieri, le persone licenziate per decreto nel pubblico impiego e le donne assassinate in Turchia. „Va bene che io abbia agito in questo modo“, dice nonostante l’ostilità pubblica.

Fonte: ANF


Inserisci un commento