Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 16 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Grotta storica a Hasankeyf riempita di cemento

Grotta storica a Hasankeyf riempita di cemento

26 giugno 2019


Una grotta di 10.000 anni fa nell’antica città di Hasankeyf è stata sepolta nel cemento. La guida Sehmus Turgay ha detto che le migliaia di anni di storia della grotta sono stati distrutti per una diga che ha un ciclo vitale di 50 anno.Continuano le demolizioni a Hasankeyf, un’antica città con 12mila anni di storia che verrà allagata dalla diga di Ilisu attualmente in costruzione. Continuano anche i cosiddetti sforzi di restauro attraverso il fatto che la storica cittadella di Hasankeyf viene ricoperta di cemento. Dozzine di grotte che conducono alla cittadella sono state riempite di cemento. La grotta più famosa di Hasankeyf, lungo la strada dalla cittadella verso lo storico bazar di Hasankeyf, di cui si presume che abbia circa 10.000 anni, è stata distrutta con ruspe e riempita di cemento.

RIVESTIMENTO CON CEMENTO MASCHERATO DA CONSERVAZIONE

Dal giorno in cui sono iniziate le demolizioni, alcuni dei più importanti artefatti del distretto, la tomba di Zeynelbey, la tomba e l’hermitage dell’Imam Abdullah, il minareto della moschea El Rizk, la moschea Selahattin Eyyubi con il minareto, i bagni Artuklu e le porte romane che conducono alla cittadella sono stati rimossi. Gli artefatti sono stati portati nell’area di un parco archeologico nella Hasankeyf costruito alle pendici del monte Raman, ma non è chiaro quanti danni abbiano subito durante il trasporto. Oltre alla ricollocazione, la storica di cittadella di Hasankeyf viene rivestita di cemento mascherato da “restauro” e “protezione dall’acqua”.

GROTTA STORICA RIEMPITA DI CEMENTO

Oltre cento grotte sono state riempite di cemento con macchine per l’edilizia senza alcuno studio o ispezione, spacciandolo per “restauro”. Alcune sono state demolite con scavatori giganti e molte altre sepolte nel cemento. L’area di grotte più famosa è stata demolita con scavatori e poi sepolta nel cemento.

La grotta nella quale sono state girate alcune scene del film di Atif Yilmaz del 1974 “Kuma” (“La seconda moglie”) era soprannominata dai locali “la grotta della culla vuota” e dalle guide turistiche perché una delle culle della scenografia usata nel film era stata collocata nella grotta negli anni 2000. Ogni tour si fermava presso la grotta, di cui si stimava che avesse 10mila anni.

LE GUIDE CONTINUANO A CITARE LA GROTTA

Nonostante le demolizioni e il trasporto degli artefatti, le guide turistiche di Hasankeyf continuano a informare i visitatori della città perché consegnano libretti che descrivono Hasankeyf prima della distruzione. La guida di Hasankeyf, Sehmus Turgay, ha detto che sono stati molto tristi per il fatto che l’antica grotta sia stata riempita di cemento e ha aggiunto che migliaia di anni di storia della grotta sono stati sacrificati per una diga con un ciclo vitale di 50 anni. Turgay ha detto: “Noi non sappiamo più che fare. Veniamo spinti fuori da queste terre dove siamo nati e nessuno ne è contento.”

Turgay ha detto che parla della grotta e della città ai visitatori da quando è piccolo e che continuerà a farlo per tutta la vita, nonostante la distruzione a Hasankeyf.

Fonte: ANF


Inserisci un commento