Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 agosto 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Inizia la campagna “Aglio Solidale”

Inizia la campagna “Aglio Solidale”

4 giugno 2019


Aglio solidale della Bassa Valle Scrivia a sostegno del progetto di un’ambulanza per l’ospedale del Campo profughi di Makhmour in Sud Kurdistan (Nord Iraq)

UN’AMBULANZA PER MAKHMOUR

Sono aperte le prenotazioni per l’ “aglio solidale” prodotto dalle aziende agricole della Bassa Valle Scrivia. Quest’anno, la campagna  è stata pensata a sostegno del progetto “Un’ambulanza per Makhmour”.

Makhmour si trova in mezzo al deserto iracheno, in una zona popolata da serpenti e scorpioni. E’ un Campo, dove oggi vivono 14 mila profughi, fuggiti attraverso le montagne, dai villaggi del Botan, bombardati e distrutti dall’esercito turco.

Sono riusciti a trasformare il loro Campo in un  posto vivibile, anche se le malattie che colpiscono i bambini sono numerose. Per questo, dopo aver attrezzato un piccolo ospedale, funzionante con i medici volontari del Campo, 24 ore su 24, anche grazie al generatore elettrico che abbiamo acquistato a marzo di quest’anno, ci hanno richiesto la possibilità di avere un’ambulanza attrezzata, il cui costo si aggira intorno 37 mila dollari.

Ci hanno spiegato che questa è una necessità impellente in un Campo situato in una zona di guerra, già attaccato e occupato, seppur per un solo giorno, da ISIS, costretti a portare malati e feriti gravi all’ospedale di Hawler (Erbil), distante un’ora e mezza dal Campo, raggiungibile con auto o altri mezzi di fortuna, attraverso ben sei check-point iracheni, con il rischio concreto, com’è purtroppo già avvenuto, che i feriti muoiano per strada.

Noi ci siamo impegnati a realizzare questo progetto per ottobre di quest’anno. Da qui il nostro rinnovato impegno di raccolta fondi per il progetto “Un’ambulanza per Makhmour” attraverso la campagna “Aglio solidale”, fondi che verranno consegnati tramite la nostra Associazione direttamente ai responsabili del Campo.

Non lasciamoli soli, non lasciateci soli! Sono rivoli, ma nel deserto sono vitali!

Associazione “Verso il Kurdistan Onlus”   –   Rete Kurdistan Italia

 

 

 

 


Inserisci un commento