Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 21 maggio 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

La polizia ad Ankara apre il fuoco su difensori dei diritti umani

La polizia ad Ankara apre il fuoco su difensori dei diritti umani

22 aprile 2019


La polizia turca ad Ankara ha attaccato avvocati della commissione per lo sciopero della fame e difensori dei diritti umani usando armi e spray al peperoncino e fermando diverse persone.La Commissione per Sciopero della Fame mandata per monitorare gli scioperi della fame [in corso] per chiedere la fine dell’isolamento del Leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, insieme a membri dell’Associazione per i Diritti Umani (IHD), alla Fondazione per i Diritti Umani in Turchia (TIHV), alla Piattaforma Avvocati per la Libertà e all’Associazione Contemporanea degli Avvocati (CHD), dovevano rilasciare una dichiarazione stampa a Kizilay, Ankara.

Il gruppo, dopo la dichiarazione alla stampa, doveva presentare al Ministero della Giustizia un rapporto che aveva preparato sugli scioperi della fame. La polizia ha intimato loro di disperdersi, ma gli attivisti volevano leggere la dichiarazione e hanno gridato slogan, dopodiché la polizia li ha attaccati con pallottole di gomma e spray al peperoncino.

La co-portavoce del Congresso Democratico dei Popoli (HDK) di Ankara, Fatma Kilicarslan, è stata colpita alla testa durante l’attacco della polizia. Successivamente è stata fermata.

La polizia del regime AKP-MHP ha fermato gli avvocati Kenan Macoglu, Veysi Eksi, Ahmet Baran e Bulent Asa.

Dopo l’attacco, il gruppo ha annunciato che si sarebbe recato presso la sede dell’Associazione per i Diritti Umani (IHD) per rilasciare una dichiarazione stampa.

ANF


Inserisci un commento