Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 24 aprile 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Omicidio di Recep Hantaş: arrestato un poliziotto

Omicidio di Recep Hantaş: arrestato un poliziotto

16 aprile 2019


Per l’omicidio del ventenne Recep Hantaş a Amed è stato arrestato un poliziotto. L’HDP parla di un’esecuzione stragiudiziale perché il giovane non si è fatto reclutare come spia.  Il ventenne Recep Hantaş domenica alle 3.20 è stato ucciso dalla polizia in un parco ad Amed (Diyarbakir). È stato colpito da due pallottole. La polizia ha detto a suo fratello Efe Hantaş che si sarebbe trattato di un errore. L’ufficio del governatore ha fatto sapere che sono state usate armi da fuoco perché Hantaş non si era fermato non ostante l’alt.

Nell’ambito delle indagini della procura sono stati arrestati due poliziotti e oggi sono stati portati davanti al giudice. Contro uno dei poliziotti è stato emesso un mandato di cattura, l’altro è stato messo a piede libero.

Secondo Efe Hantaş suo fratello prima della sua morte era stato messo più volte sotto pressione dalla polizia perché facesse la spia. La portavoce giuridica del Partito Democratico dei Popoli (HDP), Ayşe Acar Başaran, ha dichiarato in proposito: „Dopo che la polizia non è riuscita a reclutare il giovane come spia, è stato ucciso consapevolmente. Questo omicidio non è il primo omicidio arbitrario delle forze di sicurezza. In particolare durante l’incarico del Ministro degli Interni Süleyman Soylu le forze di sicurezza che commettono crimini come tortura, esecuzioni stragiudiziali, violazioni dei diritti umani e maltrattamenti vengono quasi lodate per le loro attività. Mentre i casi sono ancora attuali, i responsabili vengono apparentemente sospesi e poi rimessi nell’incarico. Così si cerca di nascondere questi crimini contro l’umanità.“

La portavoce giuridica HDP ha fatto riferimento all’omicidio di Kemal Kurkut, al quale un poliziotto ha sparato in occasione del Newroz dello scorso anno e ha dichiarato inoltre: „Nelle province curde è quasi diventata la condizione normale, che neonati, giovani e anziani vengano uccisi in modo mirato. Mettiamo in guardia ancora una volta dal fatto che per via di questi eventi si perde il sentimento di giustizia. Un giorno la verità verrà alla luce. Prima o poi saranno condannati coloro che commettono, manipolano, distorcono e lasciano impuniti questi omicidi. Come HDP chiediamo la sospensione e l’arresto dei responsabili di questo omicidio.“ 

 

ANF


Inserisci un commento