Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 giugno 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Ken Loach invia la sua solidarietà ai 7000 curdi in sciopero della fame

Ken Loach invia la sua solidarietà ai 7000 curdi in sciopero della fame

14 aprile 2019


Il regista Ken Loach invia solidarietà e sostegno ai curdi in sciopero della fame. Il regista Ken Loach, che già in precedenza ha espresso il suo sostegno nel Festival del Cinema Curdo a Londra e nel Festival Cinematografico Internazionale di Kobane invia solidarietà e sostegno ai curdi in sciopero della fame.

Il suo messaggio riportato qui di seguito, è firmato anche dallo sceneggiatore Paul Laverty e da Sarah Glynn del Comitato di Solidarietà Scozzede con il Kurdistan.

“Vogliamo esprimere solidarietà agli oltre 7000 curdi in sciopero della fame e chiedere che al Leader curdo in carcere Abdullah Öcalan sia riconosciuto il diritto umano fondamentale di ricevere visite dai suoi famigliari e dai suoi avvocati.

Che così tanti siano spinti a uno sciopero della fame per diritti umani fondamentali è un atto collettivo di coraggio e di principio. Getta vergogna su tutti quelli Stati che rifiutano di attuare la legislazione internazionale e di mettere fine alla brutale oppressione sofferta da Öcalan.

L’importanza di Öcalan è riconosciuta dal movimento sindacale. Il Durham Miners’ Gala ha scelto ‘Libertà per Öcalan’ come sua campagna internazionale nel 2018. Le idee di Öcalan sulla democrazia dal basso, il multiculturalismo e i diritti delle donne sono centrali per gli stimolanti cambiamenti sociali che vengono portati avanti principalmente nella regione autonoma curda della Siria del nord. Ha ripetutamente chiesto una soluzione pacifica e composizione rispettosa per i curdi in Turchia, e, come Mandela in Sudafrica, è una chiave per un futuro accordo di pace.

A prescindere dall’appartenenza politica, negare i diritti umani fondamentali ai prigionieri non può mai essere accettato.

Eppure ancora una volta le nostre istituzioni politiche hanno fallito ed è lasciato alla gente normale mettersi alla guida della solidarietà internazionale.

Ken Loach, Paul Laverty, Sarah Glynn

ANF


Inserisci un commento