Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 12 dicembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Conferenza stampa al Consiglio d’Europa: Imrali è la Guantanamo dell’Europa

Conferenza stampa al Consiglio d’Europa: Imrali è la Guantanamo dell’Europa

11 aprile 2019


Feleknas Uca e Fayik Yagizay dell’HDP, accompagnati dall’avvocato Rezan Sarica, hanno tenuto una conferenza stampa al Consiglio d’Europa sugli scioperi della fame, definendo il carcere di “la baia di Guantanamo dell’Europa” e sollecitato le istituzioni europee ad agire.La deputata HDP di Batman Feleknas Uca, l’avvocata di ÖcalanRezan Sarica e il rappresentante HDP al Consiglio d’Europa Fayik Yagizay hanno tenuto una conferenza stampa nella sala stampa del CdE. All’incontro hanno partecipato anche media francesi e il comitato HDP ha fatto appello al CdE e al Comitato per la Prevenzione della Tortura (CPT) di agire subito e di adempiere alle loro responsabilità.

Uca: Non sono stati fatti passi in avanti contro l’isolamento per anni

La deputata HDP Feleknas Uca è intervenuta per prima e ha detto che 7.000 prigionieri politici si sono uniti agli scioperi della fame a tempo indeterminato e senza alternanza iniziati da Leyla Güven e che ci sono dozzine di persone in sciopero della fame in molto Paesi europei.

Uca ha detto che gli scioperi della fame sono stati lanciati perché il CdE e il CPT non fanno il loro dovere e ha aggiunto che non sono stati compiuti dei passi nonostante il fatto che le visite degli avvocati sono vietate dal 2011 e tutte le visite dal 2015.

Imrali è la Guantanamo d’Europa

Feleknas Uca ha criticato il silenzio di fronte alle persone in sciopero della fame e ha detto che le condizioni di salute degli scioperanti sono in una fase critica. Uca ha detto che l’Europa ha svolto un ruolo nel complotto internazionale del 1999 e ha aggiunto che l’isolamento sistematico a Imrali è un risultato del silenzio dell’Europa.

Uca ha sottolineato che l’isola di Imrali è la “baia di Guantanamo dell’Europa” e ha aggiunto: “Io mi sto appellando al CdE e al CPT. Le richieste sono estremamente umane, le istituzioni devono fare il loro dovere.” Ha anche fatto appello all’Europa di “non essere complice della politica di isolamento contro Öcalan che è una prosecuzione del complotto internazionale”.

Uca ha messo in guardia da risultati negativi del silenzio a fronte degli scioperi della fame e ha riabdito che il CdE e il CPT in tal caso ne saranno responsabili.

L’isolamento ha ostruito il cammino verso il dialogo

Uca ha sottolineato che l’isolamento imposto a Öcalan hanno ostacolato il cammino verso la pace e la democrazia in Turchia e ha citato l’appello di Öcalan pubblicato in occasione del Newroz del 2013. Uca ha detto che l’appello ha avuto risonanza a livello globale e che ha aperto la strada a un processo di dialogo, aggiungendo che il governo dell’AKP ha ripristinato l’isolamento nel 2015 in termini più rigidi e ha messo fine al processo di pace.

Sarica: C’è una tortura sistematica taciuta

L’avvocata del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan Rezan Sarica nella conferenza stampa ha parlato delle condizioni di isolamento in cui è recluso Öcala. Sarica ha detto che richieste di visitare Öcalan sono state respinte e che il rifiuto è diventato sistematico e ha aggiunto che l’isolamento va avanti dal 2016.

Rezan Sarica ha detto chele visite sono vietate per periodi da 3 a 6 mesi e che questi divieti ripetuti vanno contro la Convenzione Europea sui Diritti Umani.

Sarica ha aggiunto che hanno depositato i necessari appelli e che hanno portato la questione alla Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU). Sarica ha detto che circa 800 richieste degli avvocati sono state rifiutate dal 2011 e che la legge stabilisce che le visite dei famigliari devono avvenire periodicamente.

L’avvocata Rezan Sarica ha detto che le lettere inviate a Imrali vengono fermate dall’amministrazione di Imrali e dalla magistratura e ha aggiunto che a Imrali c’è una tortura sistematica taciuta.

Le violazioni erano incluse nel raporto del CPT

L’avvocata Rezan Sarica ha evidenziato le cattive condizioni di vita a Imrali e ha aggiunto che il CPT ha reso pubblico il suo rapporto sulla sua visita nel 2016 solo nel 2018. Sarica ha anche affermato che il rapporto ha riconosciuto la violazione dell’articolo 3 della Convenzione Europea sui Diritti Umani. Sarica ha sottolineato che il divieto di visite come parte dell’isolamento di Öcalan è politico e non legale, cosa che è stata confermata dai rapporti del CPT.

La Turchia deve prestare attenzione ai suggerimenti nei rapporti.il CPT deve andare a Imrali

Rezan Sarica ha detto che lo Stato turco deve prestare attenzione ai consigli elencati nei rapporti del CPT e ha aggiunto: “Chiediamo anche che il Comitato per la Prevenzione della Tortura visiti Imrali.”

Sarica ha detto che l’analisi del CPT del sistema di Imrali è stata inclusa nelle bozze di risoluzione dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Eurpa (PACE) e ha aggiunto la critica che il CdE ha svolto un ruolo nelle politiche di isolamento degli ultimi 20 anni.

Rezan Sarica ha concluso il suo intervento sottolineando che ci sono oltre 7.000 prigionieri politici in sciopero della fame, compresi gli attuali deputati di Dersim Dag e Tayip Temel e le ex deputate Tuncel e Selma Irmak, e ha ammonito che ci saranno dei morti se non vengono prese misure.

BARIŞ BALSEÇER

 


Inserisci un commento