Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 20 settembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

La lettera da Leyla Guven: Tutte le donne del mondo devono dire basta al fascismo, basta alla dittatura!

La lettera da Leyla Guven: Tutte le donne del mondo devono dire basta al fascismo, basta alla dittatura!

23 gennaio 2019


Care donne, Nonostante le nostre collocazioni geografiche si trovino a migliaia di miglia di distanza, sono felice che abbiate sentito la mia voce. Anche se veniamo da diversi angoli del mondo, come donne, abbiamo sempre avuto sentimenti reciproci. Come dice Ipazia, “nessuna di noi ha lo stesso aspetto, ma le cose che ci uniscono sono più grandi di quelle che ci dividono”. Siamo tutte sorelle. La cosa che ci unisce di più è la nostra lotta per la libertà, la nostra resistenza contro ogni tipo di fascismo, dittatura e la mentalità patriarcale.

Le donne che resistono e lottano, diventano sempre dei simboli – Clara Zetkin, Rosa Luxemburg, le sorelle Mirabal, Sakine Cansiz, Leyla Qasim e molte altre donne sono diventate simboli attraverso la loro lotta. Come donne, siamo metà della popolazione mondiale. Ma siamo tutte oppresse. Quando iniziamo a lottare per i nostri diritti, veniamo bollate come terroriste.

Tutte le donne del mondo devono dire basta al fascismo, basta alla dittatura!

L’uccisione delle donne attraverso la violenza domestica, le circoncisioni femminili, i matrimoni infantili, le donne condannate a morte nelle carceri dell’Iran – Zeynep Celalyan è una di loro – le donne curde alle quali è stata vietata perfino la loro lingua madre, le donne arabe che sono fuggite dalla guerra, tutte denunciano il femminicidio. Come donne che sono pronte a morire, noi possiamo fermare questo femminicidio attraverso le nostre lotte. Fintanto che siamo determinate nella nostra lotta.

Care sorelle,

Io sono una donna curda. La consapevolezza dell’ingiustizia contro le donne si è sviluppata grazie ad A. Öcalan. È attraverso l’importanza che Öcalan ha dato nella lotta alla libertà e alla solidarietà delle donne, milioni di donne hanno sviluppato una grande forza di volontà. Le donne hanno vissuto un risveglio. E io sono una di queste donne. Ho imparato a vivere in pace con il mio genere, a lottare contro la mentalità patriarcale, e ho imparato a essere femminista. Imparando da Öcalan che una società sarà libera solo quando saranno libere le donne, ho condotto una lotta per la libertà elle donne per molti anni e continuerò a farlo.

Öcalan, al quale devo il mio risveglio, è stato chiuso in una cella di isolamento per gli ultimi 20 anni. Per chiedere la fine dell’isolamento di Öcalan, che milioni di curdi considerano espressione della loro volontà politica, ho iniziato uno sciopero della fame. Öcalan è un attore importante negli sforzi per creare la pace in Medio Oriente e nel mondo. Come prigioniero, in violazione sia delle leggi nazionali sia di quelle internazionali, gli vengono vengono negati tutti i suoi diritti e le sue libertà.

Per chiedere che questi diritti vengano riconosciuti, noi come politiche e politici curdi del Partito Democratico dei Popoli (HDP) e del Congresso della Società Democratica (DTK), abbiamo chiesto la fine dell’isolamento. Abbiamo detto che un simile isolamento è un crimine contro i diritti umani. Tuttavia, per ridurci al silenzio, il fascismo dell’AKP (Partito per la Giustizia e lo Sviluppo) e MHP (Partito del Movimento Nazionalista) ci ha chiusi in carcere. Mirano in particolare alle donne. Più di metà dei deputati in carcere sono donne. Lo stesso vale per i sindaci delle città che sono stati messi in carcere. La mentalità che non accetta la quota di donne in politica, ha messo in atto una politica della quota del 60-70% di donne in carcere.

Io sono in carcere da circa un anno. Un prigioniero non ha nient’altro che il proprio corpo. Così ho iniziato questo sciopero della fame. Ora, insieme a me nelle carceri in tutto il Paese, 230 anche e amici, prigioniere e prigionieri come me, hanno iniziato uno sciopero della fame irreversibile a tempo indeterminato. C’è una bella citazione di Hannah Arendt: “Libertà significa azione. Perché la libertà può essere ottenuta solo attraverso l’azione. L’azione manda avanti il movimento che risuona tra la gente”. Le richieste della mia azione sono legittime e giuste. Se le nostre richieste non avranno risposta, centinaia di persone potranno perdere la vita. Se questo dovesse succedere nel 21° secolo, non sarà solo una vergogna per la Turchia, ma una vergogna per l’umanità intera. Perché il mondo non si debba confrontare con una simile vergogna, le donne del mondo devono fare qualsiasi cosa sia loro possibile. E senza perdere altro tempo. Noi continueremo a resistere. Le resistenza ci aiuterà a vincere. La nostra fede in questo è infinita. Riguardo a questo – invito tutte voi a resistere.

Via la solidarietà tra i popoli e tra le donne.

Leyla Güven

 


Tags

Inserisci un commento